LAVORO – A marzo continua a crescere l’occupazione nell’artigianato e nelle piccole imprese

Ma il ritmo rallenta scontando l’incertezza politica

Continua la crescita dell’occupazione nell’artigianato e nella micro e piccola impresa anche a marzo. Ma a un ritmo più lento dei primi due mesi dell’anno. Un risultato che sconta anche il clima d’incertezza politica.

Lo rileva l’Osservatorio lavoro della CNA che monitora mensilmente l’andamento dell’occupazione (in un campione di circa 20mila imprese associate alla Confederazione con quasi 136mila dipendenti) da dicembre 2014, alla vigilia dell’entrata in vigore del pacchetto di riforme che hanno profondamente modificato la disciplina del lavoro in Italia.

In dettaglio, l’incremento dei posti di lavoro a marzo segna un +0,3%  sul mese precedente e un +3,5% su marzo 2017. A febbraio, invece, l’aumento era stato dello 0,6% sul mese precedente e del 3,9% su base annua.

Il rallentamento nella crescita dei posti di lavoro nelle imprese artigiane, micro e piccole è stato determinato soprattutto dalla crescita delle cessazioni di rapporto (+18,7%, per arrivare a interessare il 2,5% degli occupati complessivi) a fronte di un incremento delle assunzioni limitato all’1,4%, coinvolgendo quindi il 2,9% dell’intera platea.  Un combinato disposto che porta al +10,5% l’occupazione nelle imprese artigiane, micro e piccole tra dicembre 2014 e marzo 2018.

TI INTERESSA?
CLICCA QUI
per continua sul sito di CNA e scarica il testo integrale dell’Osservatorio mercato del Lavoro