Coronavirus – Modello comunicazione lettere D e G DPMC 22 marzo 2020

Comunicazione ai sensi del l’Art 1 DECRETO DEL PRESIDENTE DEL CONSIGLIO DEI MINISTRI 22 marzo 2020 “Ulteriori disposizioni attuative del decreto-legge 23 febbraio 2020, n. 6, recante misure urgenti in materia di contenimento e gestione dell’emergenza epidemiologica da COVID-19, applicabili sull’intero territorio nazionale. (20A01807) (GU Serie Generale n.76 del 22-03-2020)” punti D, E , F, G ed H

Vanno distinte le varie tipologie di richiesta di prosecuzione dell’attività:

Punto D) Comunicazione dove sono indicate specificamente le imprese e le amministrazioni beneficiarie dei prodotti e servizi attinenti alle attività consentite ( cioè  che assicurano la continuità delle filiere di cui all’allegato 1): in questo caso è bene avere richieste o conferme d’ordine, contratti di fornitura e simili ;

Punto E) sono consentite le attività che erogano servizi di pubblica utilità, nonché servizi essenziali di cui  alla  legge  12 giugno 1990, n. 146.

NB: non si fa riferimento a necessità di fare comunicazioni né chiedere autorizzazioni. Quindi si presume che siano sufficienti le dichiarazioni o le richieste, i contratti di servizio e simili dei suddetti soggetti erogatori di servizi di pubblica utilità o essenziali.

Punto F)  è sempre consentita l’attività di  produzione,  trasporto, commercializzazione e consegna di  farmaci,  tecnologia  sanitaria  e dispositivi  medico-chirurgici nonché di prodotti agricoli  e alimentari.  Resta altresì consentita ogni attività comunque funzionale a fronteggiare l’emergenza  (NDR in qualche modo però tale condizione andrebbe dimostrata)

Punto G) sono consentite le attività degli impianti a ciclo produttivo continuo, previa comunicazione al Prefetto della  provincia  ove è ubicata l’attività produttiva,  dalla  cui  interruzione  derivi  un grave pregiudizio all’impianto stesso o un pericolo di incidenti.

Analoga comunicazione di cui la punto D e con il fac-simile sottoindicato dovrà essere presentata anche dai legali rappresentanti degli impianti a ciclo produttivo continuo presenti sul territorio provinciale, indicando il grave pregiudizio o il pericolo di incidenti derivanti dall’interruzione dell’attività.

Punto H) sono consentite le attività dell’industria dell’aerospazio  e della difesa, nonché le altre attività di rilevanza strategica  previa AUTORIZZAZIONE . La richiesta di autorizzazione allo svolgimento dell’attività dovrà essere presentata dai legali rappresentanti delle attività dell’industria dell’aerospazio e della difesa, nonché delle altre attività aventi rilevanza strategica nazionale. Sempre da indirizzare alla Prefettura.

Allegato FAC SIMILE DA INVIARE ALL’Indirizzo: protocollo.prefpi@pec.interno.it

Scarica l’ALLEGATO CLICCANDO QUI: Mod._Comunicazione_Lettere_D_e_G_DPCM_22.3.2020

Hai problemi a comprendere i Decreti del Governo? Contatta i nostri esperti a questo indirizzo! 
taskforce@cnapisa.it