Contributi a fondo perduto a favore delle imprese esercenti trasporto

“Aiuti finalizzati al contenimento e al contrasto dell’emergenza epidemiologica da COVID-19”

La Regione Toscana ha pubblicato il bando che prevede contributi a fondo perduto per le imprese esercenti trasporto turistico di persone mediante autobus coperti che, per effetto dell’epidemia e delle conseguenti misure di contenimento adottate, hanno registrato una riduzione o sospensione delle attività.

Possono presentare domanda micro, piccole e medie imprese,  nonché professionisti, che risultino iscritti alla CCIAA territorialmente competente e che esercitino un’attività economica individuata dal codice ATECO Istat 2007 49.39.09 “Altre attività di trasporti terrestri di passeggeri nca” ed in possesso di autorizzazione all’esercizio dell’attività di trasporto di viaggiatori, effettuato mediante noleggio di autobus, verificabile attraverso iscrizione nell’apposito registro REN (Registro Elettronico Nazionale) tenuto dalla Motorizzazione Civile territorialmente competente.

I richiedenti possono presentare istanza di accesso al contributo solo a condizione che l’ammontare del fatturato e dei corrispettivi dal 1 gennaio 2020 al 31 dicembre 2020 (in seguito “2° periodo”) sia inferiore di almeno il 30% rispetto all’ammontare del fatturato e dei corrispettivi realizzati nel periodo dal 1 gennaio 2019 al 31 dicembre 2019 (in seguito “1° periodo”).

Data la natura dell’aiuto (ovvero di ristoro per la riduzione di fatturato/corrispettivi), il contributo concesso non potrà in ogni caso superare (congiuntamente ad eventuali altri contributi ottenuti per la medesima finalità anche da altre Amministrazioni Pubbliche) l’entità della riduzione di fatturato/corrispettivi registrata nel periodo di osservazione.

Possono partecipare le imprese già beneficiarie di un precedente bando “ristori” della Regione Toscana purché il contributo complessivo non sia superiore alla riduzione di fatturato dichiarata

L’aiuto è concesso nella forma di contributo a fondo perduto e verrà determinato in proporzione all’entità della riduzione in valore assoluto del fatturato/corrispettivi del 2° periodo nei confronti del 1° periodo di ciascun beneficiario, rispetto al totale delle suddette riduzioni dei soggetti richiedenti, nella misura massima di euro 50.000,00 e minima di euro 5.000,00, a seguito dell’istruttoria di ammissibilità e comunque nei limiti della riduzione stessa dichiarata.

C’è tempo fino alle ore 17 del 21 gennaio 2022 per presentare la domanda che deve essere redatta esclusivamente online.

Per informazioni e assistenza: melighetti@cnapisa.it