10 Maggio 2017 #CAFDAY – CNA Pisa presente!

I CAF di tutte le associazioni di rappresentanza economica, sindacale, del mondo cattolico e delle professioni che compongono la Consulta Nazionale dei CAF, hanno lanciato il primo #CAFDAY, una giornata che coinvolge tutti i CAF italiani attraverso un evento digitale. Accadrà il prossimo 10 maggio 2017.

Più di 10.000 uffici territoriali, oltre 20.000 dipendenti e collaboratori saranno impegnati in tutte le città italiane a promuovere l’iniziativa.

Chi rappresenta questa macchina imponente, i due coordinatori della Consulta, Massimo Bagnoli e Mauro Soldini, annunciano “quello che a ben vedere potrebbe diventare un appuntamento annuale di tutto il nostro mondo. Un momento di confronto e di relazione tra tutti gli operatori e una vetrina verso i milioni di cittadini italiani che ci conoscono. Una iniziativa interamente sostenuta con gli strumenti del web, con un valore aggiunto dato dalla grande umanità che si respira in ogni CAF. I nostri dipendenti e collaboratori, che della sensibilità hanno fatto un tesoro professionale, sono orgogliosi di contribuire alla prima loro grande manifestazione pubblica”. A questo progetto la Consulta Nazionale è arrivata dopo una ricerca sul lessico e i media migliori per parlare agli italiani: “Immaginavamo che equità e legalità fossero termini che potessero avvicinare positivamente il cittadino italiano ai temi fiscali – dichiarano ancora Massimo Bagnoli e Mauro Soldini – ci siamo trovati invece, attraverso un focus di ricerca commissionato all’OSSCOM dell’Università Cattolica di Milano, di fronte ad un esito diverso: nel lessico quotidiano la parola più apprezzata e usata dagli italiani è CAF! L’esito dell’analisi per noi è stato molto importante e rivelatore del grande rapporto che i cittadini hanno con i CAF. E il significato di questa parola oramai comprende competenza, assistenza e tutela.” Quello di entrare nella terminologia corrente, è un ulteriore segno del valore assunto nel tempo dai CAF, dopo oltre 20 anni dalla nascita, con l’attività che i Centri di Assistenza Fiscale quotidianamente svolgono per gli Italiani e per lo
Stato.

Il tema conduttore del 1° #CAFDAY sarà così proprio il CAF stesso, evidenziando l’importanza del radicamento sociale che ha originato un particolare rapporto di fiducia con i cittadini. Verrà realizzata una diretta streaming, attraverso il nuovo portale della Consulta ( www.consultacaf.it ), durante la quale sia gli operatori sia gli utenti dei CAF potranno interagire con domande su temi fiscali. Gli esperti in studio risponderanno direttamente.

Ti interessa questo articolo? Continua a leggerlo sul sito della Consulta dei CAF

Limite di 5.000 euro per il visto di conformità e utilizzo esclusivo di Entatel o Fisconline per gli F24 con compensazioni: chiarite le decorrenze

Apposizione del visto di conformità (o della sottoscrizione alternativa) sulle dichiarazioni per importi da compensare superiori a 5.000 euro

Per le dichiarazioni presentate entro il 23 aprile 2017 rimangono applicabili le disposizioni in vigore prima del DL 50/2017.

Cosa significa?

Questo significa, ad esempio, che non devono essere modificate le dichiarazioni Iva relative al 2016 presentate entro il 23 aprile 2017 sulle quali il visto di conformità è stato apposto solo nei casi di crediti da utilizzare in compensazione per importi superiori a 15.000 euro. In conseguenza non saranno scartate né considerate errate le deleghe di pagamento, anche inviate dopo il 23 aprile 2017, che contengono compensazioni di credito Iva “6099/2016” superiori a 5.000 euro (inferiori a 15.000 euro) se il relativo dichiarativo è stato presentato senza visto di conformità entro il 23 aprile 2017.

Per le dichiarazioni presentate dal 24 aprile 2017 dovranno invece essere applicate le nuove disposizioni. Eventuali dichiarazioni Iva relative al 2016 omesse alla data del 28/2/2017 ma presentate con un ritardo non superiore a 90 giorni (e quindi considerate tardive ma valide) o eventuali dichiarazioni integrative presentate dal 24 aprile 2017 dovranno quindi essere vistate (o sulle stesse dovrà essere apposta la sottoscrizione alternativa) se espongono un credito destinato alla compensazione per importi superiori a 5.000 euro.

Nessun visto di conformità deve essere apposto sul modello TR che espone crediti Iva da utilizzare in compensazione nel modello F24. L’obbligo di apporre il visto di conformità sul modello TR esiste infatti solo in relazione alla richiesta di rimborso del credito  Iva infrannuale per importi superiori a 30.000 euro.

Utilizzo esclusivo di Entratel o Fisconline per l’invio di F24 che contengono compensazioni di crediti di qualunque importo

Di fatto fino al 31/05/2017 sarà ancora possibile inviare i modelli F24 di titolari di partita Iva contenenti compensazioni di crediti inferiori a 5.000 euro con home banking o remote banking. Per gli invii di tali deleghe dal 1° giugno 2017 sarà invece consentito esclusivamente l’utilizzo dei servizi telematici dell’Agenzia delle Entrate (Entratel o Fisconline).

La nuova disposizione riguarda i modelli F24 che contengono compensazioni relative a crediti Iva (annuali o infrannuali), crediti relativi ad imposte sui redditi e alle relative addizionali, crediti relativi a ritenute alla fonte, alle imposte sostitutive, all’Irap e relativi a crediti di imposta da indicare nel quadro RU della dichiarazione dei redditi.

Per maggiori informazioni: 

 

Francesco Avella 

avella@cnapisa.it
348 7807231

 

 


 

Matteo Giusti confermato alla guida di CNA Territoriale di Pisa

“Investimenti pubblici, lotta alla criminalità, legalità: le nostre priorità. CNA a trazione sindacale, cambia pelle per costruire l’economia del futuro: innovazione, lavoro, etica e qualità come fanno i nostri campioni d’impresa”

“Investimenti pubblici, lotta alla criminalità, legalità: le nostre priorità. CNA a trazione sindacale, cambia pelle per costruire l’economia del futuro: innovazione, lavoro, etica e qualità come fanno i nostri campioni d’impresa”

Alla presentazione pubblica di Matteo Giusti sono intervenuti il Sindaco di Pisa, Marco Filippeschi, la Vice Presidente della Provincia, Giulia Deidda, il Presidente della Camera di Commercio di Pisa, Valter Tamburini.

Ha svolto l’intervento conclusivo il Vice Presidente nazionale di CNA Andrea Di Benedetto, che è stato confermato anche nella presidenza della CNA Territoriale di Pisa, insieme a Elena Fariello, mentre i nuovi ingressi sono: Francesco Oppedisano, Luca Benedettini, Marco Ammannati e Rossella Giannotti.

“Da qui si parte per una nuova stagione di lavoro e di impegno serio – ha incalzato Matteo Giusti – insieme al nuovo e rinnovato gruppo dirigente che è uscito dalle Assemblee elettive di mestiere e alla squadra di dipendenti, tecnici e funzionari che, non ho dubbi, continuerà a supportarci con professionalità e dedizione. Ecco, se dovessi darmi un unico traguardo da qui alla prossima Assemblea Elettiva, vorrei poter dire fra quattro anni: “Le nostre aziende e i nostri imprenditori sono molto più orgogliosi di appartenere a questa associazione di quanto lo erano nel 2017”.
“Siamo una organizzazione profondamente democratica e prima di arrivare qui davanti a tutti voi abbiamo organizzato e gestito 18 Assemblee di Mestiere, 2 Assemblee di Raggruppamenti di Interesse (Giovani Imprenditori e Donne Imprenditrici), 4 Assemblee zonali (Area Pisana, Area Valdera, Area Vandicecina e Area Cuoio), l’Assemblee di CNA Pensionati. Abbiamo eletto 18 portavoce di Mestiere, 4 Presidenti di Zona, il Presidente di CNA Pensionati. Ciascuno di questi Portavoce e Presidenti sarà coadiuvato da Uffici di Presidenza che coinvolgono oltre 150 imprenditori anch’essi individuati ed eletti nelle varie assemblee. Sono stati nominati 52 Delegati per l’Assemblea Provinciale elettiva in aggiunta ai 25 membri di diritto, 33 imprenditori Delegati per le Assemblee delle Unioni Regionali CNA in aggiunta ai 18 Portavoce che vi partecipano di diritto. È stato un autentico tour de force di un paio di mesi che, oltre al sottoscritto, ha visto impegnata tutta la nostra struttura, in particolare i funzionari coordinati dal Direttore Generale. Ieri pomeriggio si è svolta la nostra Assemblea Elettiva e io, Matteo Giusti, sono stato eletto Presidente Territoriale all’unanimità. Mi affiancheranno i 6 Imprenditori dell’Ufficio di Presidenza e i 30 della Direzione”.
I NUMERI E LA RAPPRESENTANZA
Siamo tanti!! – ha fatto notare Giusti – Negli ultimi tre anni, purtroppo, molte nostre aziende hanno pagato a caro prezzo la crisi, hanno chiuso, sono fallite, hanno messo in liquidazione l’attività, hanno avviato procedure concorsuali o, talvolta, hanno abbandonato l’Associazione perché semplicemente il pagamento della pur ridotta quota annuale, era diventato un problema…..Nonostante questa terribile situazione, la nostra Associazione è cresciuta in valori assoluti: 2600 aziende iscritte nel 2014, 2800 nel 2016 con 3.200 imprenditori associati nel 2014 e quasi 3.400 nel 2016. A questi vanno aggiunti i quasi 3.000 ex imprenditori iscritti stabilmente alla nostra CNA Pensionati.
In questi ultimi due anni di mia presidenza ci siamo impegnati con convinzione e determinazione per recuperare un rapporto costruttivo con le Istituzioni del nostro territorio e qualcosa abbiamo ottenuto, penso alla sottoscrizione di numerosi Protocolli di Intesa in materia di appalti con i Comuni del nostro territorio, ma c’è ancora molto da fare e su questo terreno impegnerò prioritariamente la mia Presidenza. Certamente non potremo più consentire a nessun Sindaco o Assessore di scaricare sulla struttura tecnica il tema della concertazione e del confronto con la nostra Associazione. Ciascuno si prenda le sue responsabilità facendo in modo che il messaggio arrivi “forte e chiaro” ai Dirigenti Pubblici e alle strutture operative.
Chiediamo maggiori investimenti
Il problema è la carenza della domanda e non la rigidità dell’offerta. Il moltiplicatore fiscale degli investimenti è di due-tre volte maggiore di quello della riduzione delle imposte che in realtà è inferiore all’unità. Serve quindi un incremento netto degli investimenti di almeno ½ punto di PIL l’anno per almeno tre anni per finanziare un grande piano per il sostegno delle MPMI, del lavoro e per l’ambiente. I settori di intervento più utili ed urgenti dovrebbero essere quelli della manutenzione urbana delle nostre città con priorità assoluta alle aree colpite da eventi catastrofici, della messa in sicurezza del territorio, della prevenzione contro il dissesto idrogeologico, della viabilità minore, della messa in sicurezza delle scuole di ogni ordine e grado, delle bonifiche dei siti inquinati
Chiediamo la riduzione delle tasse
La nostra organizzazione calcola oramai da molti anni il giorno nel quale smettiamo di lavorare per pagare tasse, contributi e oneri vari: siamo oltre la metà del mese di agosto!!! Due terzi della ricchezza che produciamo, noi la vediamo soltanto passare dalle nostre casse a quelle dello Stato: non va bene, non possiamo più andare avanti così!!! Ovviamente, per noi, la lotta all’evasione risulterà efficace solo quando ciò produrrà, davvero, una riduzione del carico fiscale sulle imprese che rappresentiamo e sui cittadini che pagano puntualmente le tasse. Finora non è ancora mai successo!!!.
Chiediamo la lotta criminalità, più legalità e controllo del territorio
Un altro tema collegato al precedente e sul quale intendo posizionare in modo chiaro la nostra Associazione è quello della Legalità, dell’Etica e della lotta alla criminalità organizzata che in epoca di globalizzazione, dobbiamo dircelo, riguarda da vicino anche i nostri civilissimi territori.
COSA FAREMO
“E’ necessario che anche la nostra organizzazione cambi pelle e aggiorni le chiavi di lettura e le categorie con le quali cerca di interpretare il proprio ruolo per la tutela degli interessi dei nostri associati. – Ha continuato ad argomentare Giusti – dobbiamo agire sia al nostro interno sia nella percezione di noi che si ha all’esterno. Occorre mettersi da subito a lavorare per costruire una nuova visione del futuro condivisa dalle nostre imprese e dai nostri imprenditori ampliando il più possibile gli spazi per il loro coinvolgimento, soprattutto di quelli più propensi all’innovazione, i nostri piccoli e grandi campioni (e sono tanti) che fanno della qualità, dell’etica d’impresa, della legalità e della responsabilità sociale, gli assi portanti delle loro attività. Dobbiamo assolutamente recuperare l’orgoglio di essere imprenditori, contrastando con forza l’idea diffusa, sbagliata e anche offensiva che ci disegna come una congrega di persone dedite esclusivamente alla tutela dei propri interessi personali, elusori per definizione, evasori tutte le volte che possono. Noi non siamo questo, siamo persone con idee e coraggio, con sogni, aspirazioni e idealità; certo anche noi ricerchiamo il benessere e la tranquillità economica, ma non prendiamo soltanto, restituiamo molto ai nostri territori in termini di ricchezza e lavoro, facciamo impresa nel luogo in cui viviamo e questo fa si, in buona sostanza, cha la nostra Associazione, pur nella diversità dei ruoli, sia partner leale, credibile, garanzia per chiunque abbia a cuore la crescita armonica sul piano economico e sociale del nostro territorio; non solo imprenditori, ma cittadini!”.
LE PROPOSTE IN SINTESI. NOI VOGLIAMO:
· ottenere le migliori condizioni per lo sviluppo delle nostre imprese: fisco, credito, energia, lavoro, semplificazione della burocrazia;
· collaborare con i governi locali, regionali, nazionali ed europei per la ripresa dell’economia, lo sviluppo dell’occupazione, la rigenerazione delle città, il rilancio del turismo, l’innovazione;
· uno Stato moderno, democratico, inclusivo, snello, efficace, efficiente, che investe nello sviluppo e nella formazione;
· essere in Europa e nel mondo con la nostra intelligenza, creatività, passione;
· valorizzare nei giovani spirito imprenditoriale, competenze, idee, creatività;
· rafforzare la connessione tra imprese e cittadini ripensando un nuovo modello di welfare;
· essere il futuro dell’Italia che lavora, produce, innova, investe, crea ricchezza e bellezza
IL MANIFESTO DELLE IMPRESE
· Siamo gli imprenditori dell’artigianato, dell’industria, del commercio e del turismo; siamo i lavoratori autonomi e i professionisti;
· Siamo gli imprenditori che operano sul mercato concorrenziale, senza privilegi, sussidi, protezioni;
· Siamo gli imprenditori che rischiano, investono e lavorano nelle proprie imprese, animati da una profonda etica del lavoro;
· Siamo gli imprenditori che sostengono la legalità, la professionalità e la competenza. Disponibili e corretti nei rapporti con clienti e fornitori;
· Siamo gli imprenditori del territorio che animano e rendono attrattive le città e consentono di godere delle bellezze artistiche e paesaggistiche dell’Italia;
· Siamo gli imprenditori che conoscono il valore del territorio e rispettano l’ambiente;
· Siamo gli imprenditori dell’economia reale che creano valore attraverso la qualità e la bellezza dei loro prodotti e fanno grande il Made in Italy nel mondo;
· Siamo gli imprenditori che creano occupazione, integrano i lavoratori stranieri, trasmettono arti e mestieri e valorizzano le capacità e l’impegno dei propri collaboratori;
· Siamo gli imprenditori che sostengono l’economia e lo sviluppo del Paese, adattandosi con flessibilità ai cicli economici, attraverso l’innovazione tecnologica;
· Siamo gli imprenditori che si riconoscono in CNA, una grande rete di imprese italiane.
LE CONCLUSIONI DEL PRESIDENTE DI CNA PISA
C’è davvero tanta carne al fuoco, roba da far tremare i polsi, ma ogni viaggio inizia sempre con il primo passo e saremo vincenti se questo primo passo lo faremo insieme, all’unisono. Per parte mia garantisco la massima trasparenza e disponibilità al confronto aperto e continuo con ciascuno di voi, renderò periodicamente il conto di quello che facciamo. Buon lavoro a tutti noi.
Per informazioni: 
Maurizio Bandecchi 
Tel: 348 7807224

Assemblea CNA Pisa – Seduta pubblica, sabato 6 maggio 2017 ore 9.30

Caro Socio, cara Socia,

oggi pomeriggio, 5 maggio, l’Assemblea Elettiva eleggerà il nuovo presidente territoriale di CNA Pisa.

L’Assemblea elettiva è composta dai delegati che le Articolazioni di Mestiere, le Aree Territoriali, i Raggruppamenti di Interesse hanno eletto nelle scorse settimane, grazie ad un articolato processo democratico, a cui hanno partecipato molti imprenditori e soci.

Domani, sabato 6 maggio a partire dalle ore 9,30 presso Camera di Commercio di Pisa (piazza Vittorio Emanuele II,5) – Auditorium Rino Ricci, si terrà l’Assemblea pubblica di presentazione del nuovo Presidente.

È importante partecipare numerosi per dare rappresentazione della rilevanza della nostra Associazione e delle nostre imprese all’interno dell’economia provinciale.

Ti aspettiamo!

Qui sotto leggi il programma dei lavori

  • Accreditamento dei partecipanti
  • Relazione programmatica del nuovo Presidente CNA Territoriale di Pisa

Interventi delle Autorità

  • Marco Filippeschi – Sindaco di Pisa
  • Giulia Deidda – VicePresidente della Provincia di Pisa
  • Valter Tamburini – Presidente della Camera di Commercio di Pisa

Chiusura dei lavori

  • Andrea Di Benedetto – Vicepresidente CNA Nazionale

 

Ore 12,30 APERITIVO offerto dal Consorzio Toscana Sapori

 

Per informazioni e conferma della presenza:

 

Sabrina Perondi  

perondi@cnapisa.it
Tel. 050876544

 

 


 

GIOVANI CUOCHI, ANTICHI SAPORI – Premiati i vincitori durante la serata conclusiva

La kermesse culinaria dei giovani chef  all’istituto alberghiero “Giacomo Matteotti” si è conclusa con la serata del 3 maggio

Si è concluso il concorso “Giovani Cuochi & Antichi Sapori”, organizzato da CNA Pisa e dal Consorzio Toscana Sapori con la collaborazione de IL TIRRENO e dedicato alla memoria del giornalista Marco Barabotti. 

Durante la serata conclusiva sono stati assegnati i premi alle brigate di studenti-cuochi che si sono distinti tra i fornelli.

Alla cerimonia di consegna dei riconoscimenti hanno partecipato, tra gli altri, il Sindaco di Pisa, marco Filippeschi, l’Assessore allo sviluppo economico del Comune di Pisa, Andrea Ferrante, il Direttore del Tirreno, Luigi Vicinanza, il Presidente di CNA di Pisa, Matteo Giusti, e il Preside della scuola alberghiera e ospite della kermesse, Salvatore Caruso.

Per maggiori informazioni: 

 

Sabrina Perondi

perondi@cnapisa.it

 

 

 


 

FITA – Pre-revisioni per i veicoli superiori a 3,5 tonnellate, ulteriore proroga al 6 giugno 2017

Questo l’esito dell’incontro del 27 aprile scorso tra il Sottosegretario Simona Vicari e le Associazioni di Categoria

L’incontro tra MIT ed associazioni di categoria è stato convocato dal Governo anche a seguito delle manifestazioni attuate il 18 Marzo e della successiva pressione praticata da UNATRAS.

L’obiettivo delle manifestazioni era quello di ottenere risposte da tempo attese dalla categoria, tra cui, quelle relative al contrasto del dumping sociale effettuato dalle imprese estere, della concorrenza sleale e della lotta all’abusivismo.

Si rivendicava anche la necessità di reintrodurre una norma che garantisse un equo potere contrattuale e certezze per ciò che concerne le risorse economiche, con particolare riferimento alle deduzioni forfetarie.

Tra le criticità più recenti, veniva richiamata la necessità di intervenire sul settore dei trasporti eccezionali e sulle novità che la DGM sta cercando di introdurre con la circolare Prot. RU 4791 del 27.2.2017 in materia di revisioni per i veicoli superiori a 3,5 tonnellate.

In sintesi, gli esiti:

  • confermato in sostanza il totale del fondo per l’autotrasporto con €236mln nel 2018 e €240mln per il 2019 (erano €240mln gli ultimi due anni e 10 in più nel 2015)
  • deduzioni forfetarie: mancano solo €10 mln ad oggi per confermare le stesse di quest’anno e dovrebbero essere stornate da un altro fondo (quello per la decontribuizione per i trasporti internazionali parzialmente inutilizzato), lasciando così le deduzioni forfetarie a €17,85 nel comune, €51 oltre comune
  • pedaggi: firmato il decreto per il rimborso dei pedaggi 2015
  • cabotaggio: già dallo scorso anno la paga degli autisti esteri, impegnati in operazioni di cabotaggio nel nostro Paese e pertanto considerati lavoratori temporaneamente distaccati, deve essere uniformata a quella degli autisti italiani. Il sottosegretario Vicari, ha reso noto che, per rendere più efficace la norma, il D.L.gs 136/2016 verrà completato con precise prescrizioni (documentazione da tenere a bordo del mezzo, sanzioni, ecc.)
  • sulle seguenti materie il ministero ha assicurato l’impegno di intervenire nella direzione auspicata entro il 24 giugno prossimo:
    • TRASPORTI INTERNAZIONALI
    • DECONTRIBUZIONE
    • COSTI MINIMI DI RIFERIMENTO
    • TEMPI DI PAGAMENTO
    • UNILAV
    • TRASPORTI ECCEZIONALI
    • FERROBONUS – MAREBONUS
  • infine circa le REVISIONI VEICOLI DI MASSA COMPLESSIVA SUPERIORE A 3,5 TONNELLATE: il Sottosegretario Vicari si è impegnato a prorogare ulteriormente al 6 giugno 2017 le revisioni con le nuove modalità allo scopo di aumentare gli organici delle Motorizzazioni oltre al progetto di affidare ai privati anche le revisioni dei mezzi >35 q.li

Il Sottosegretario Vicari ha chiesto alle associazioni di categoria di attendere il 24 Giugno per valutare se gli
impegni di attuazione relativi alla normativa illustrata saranno effettivamente rispettati.

Nell’allegata circolare interna FITA  comunque potrete apprendere meglio maggiori dettagli: Esito_incontro_Vicari

Per informazioni e approfondimenti: 

 

Maurizio Bandecchi 

bandecchi@cnapisa.it
Tel. 348 7807224

 

 

 


 

BANCHI DI GUSTO – A maggio ritorna la Kermesse delle eccellenze enogastronomiche del territorio

12 e 13 maggio in Logge di Banchi a Pisa 

Nuovo appuntamento con Banchi di Gusto il prossimo 12 e 13 maggio presso le Logge di Banchi. Un appuntamento ormai diventato un incontro mensile tra produttori e consumatori finale.

Per questa edizione CNA Pisa ed il Consorzio Toscana Sapori proporranno una versione ancora più ricca di stand espositivi e con un nuovo allestimento.

Banchi di Gusto è una fiera espositiva di prodotti di eccellenza del territorio pisano e non solo. Le aziende partecipanti saranno circa 25 con prodotti tutti da degustare.

I consorziati di Toscana Sapori offriranno una gamma vasta di prodotti: dalla pasta all’olio, al pane DOP, a vini ricercati e liquori, ai formaggi, agli insaccati e prodotti a base di tartufo e molto altro ancora.

Obiettivo: sostenere e promuovere la conoscenza del buon cibo prodotto nel nostro territorio da imprenditori che tengono alto il nome delle nostre produzioni toscane.

Per informazioni contattaci subito: 

 

Sabrina Perondi
Direttrice Consorzio Toscana Sapori

perondi@cnapisa.it
Tel: 050 876544

 

 


 

GIOVANI CUOCHI, ANTICHI SAPORI – Serata conclusiva con cena e premiazione

L’evento interamente organizzato e coordinato da CNA Consorzio Toscana Sapori, ha voluto fortemente essere di incoraggiamento ai nuovi piccoli chef che intendono intraprendere la professione di cuoco  in un ottica tutta futuristica partendo però dalla tradizione di prodotti locali.

La valutazione finale e la premiazione avverrà mercoledì 3 maggio ore 20.30 presso la Sala Melani – piano terra – dell’Istituto “G. Matteotti” di Pisa, via G. Garibaldi. Il costo della cena è di € 25,00 a persona. Il ricavato sarà in parte devoluto a favore delle attività dell’Istituto Alberghiero Matteotti. 

Sono stati proprio i prodotti locali dei produttori del Consorzio Toscana Sapori di CNA Pisa ad essere la base di partenza per l’elaborazione di piatti originali ed innovativi. 

L’intera kermesse si è svolta nella sede dell’Istituto Matteotti di Pisa, con la partecipazione degli alunni divisi in brigate capitanati dai loro professori. I ragazzi si sono sfidati nella presentazione di antipasti, primi, secondi e dessert offerti dai nostri produttori elaborando le nostre eccellenze alimentari.

Le portate sono state valutate da una giuria di eccezione, composta dal Presidente CNA, Matteo Giusti, dal Presidente Associazione Cuochi, Prof. David Belsito, dal Preside dell’Istituto Matteotti, Prof. Salvatore Caruso, da un esperto gourmet, Umberto Moschini, dallo Chef Francesco Francalacci e dal Capo Area Pisa ed Empoli, Cristiano Marcacci.

Ci piace ricordare che l’evento è stato dedicato al giornalista e gourmet Marco Barabotti. I piatti sono stati valutati sia dalla giuria tecnica che dai lettori de IL TIRRENO ( attraverso un meccanismo del tagliando).

Vuoi partecipare alla cena di questa sera? Sono disponibili ancora pochissimi posti. 

Scopri il menu qui e contattaci: Giovani Cuochi-Menù serata

Sabrina Perondi 

Direttrice Consorzio Toscana Saporti
perondi@cnapisa.it
050 876544

MANOVRA CORRETTIVA – Utilizzo dei crediti in F24 solo con i servizi telematici dell’Agenzia

Tra le norme contenute nella cd. “Manovra correttiva dei conti di bilancio 2017”, è stato inserito un vincolo molto stringente in materia di “contrasto alle indebite compensazioni”

A decorrere dal 24/4/2017, data di entrata in vigore del decreto, i titolari di partita IVA che intendono eseguire compensazioni del credito IVA hanno l’obbligo di utilizzare i servizi telematici dell’Agenzia delle entrate, a prescindere dall’importo del credito (prima era previsto l’obbligo solo per importi superiori a 5.000 Euro).

Tale modalità viene inoltre estesa anche alle compensazioni dei crediti relativi alle imposte sui redditi e alle addizionali, alle ritenute alla fonte, alle imposte sostitutive, all’IRAP e ai crediti da indicare nel quadro RU della dichiarazione.

In assenza di indicazioni di prassi, in via prudenziale, si potrebbe valutare di ricorrere ai servizi telematici dell’Agenzia delle entrate in tutti i casi in cui si presenti nel modello F24 un importo a credito nelle sezioni “Erario”, “Regioni” e “IMU e Altri tributi locali”.

ARTIGIANATO DIGITALE – Agevolazioni

Prorogata al 4 maggio 2017 la possibilità di presentare le richieste 

La Legge di stabilità 2016 ha istituito una misura per il sostegno di aggregazioni di imprese riunitesi, in numero almeno pari a 5, allo scopo di promuovere attività innovative nell’ambito dell’artigianato digitale e della manifattura sostenibile.

Con il successivo Decreto del Ministro dello sviluppo economico 21 giugno 2016, sono stati definiti i criteri e le modalità di attuazione di tali disposizioni: la domanda di agevolazione e la documentazione da allegare si potevano presentare dal 1° marzo 2017 fino al 30 marzo 2017, mediante invio all’indirizzo di posta elettronica certificata (PEC) dgiai.artigianatodigitale@pec.mise.gov.it.

Tenuto conto delle richieste di proroga inoltrate dalle imprese in considerazione delle difficoltà di predisposizione delle domande, e considerando che alle ore 12 del 29 marzo risultava presentata una sola domanda, il MISE ritiene utile e necessario prorogare il termine finale per la presentazione delle richieste di agevolazione alle ore 12,00 del 4 maggio 2017.

Riferimenti: Decreto MISE 29 marzo 2017 (GU Serie Generale n.83 del 8-4-2017)

Per informazioni: 

 

Maurizio Bandecchi 

bandecchi@cnapisa.it
Tel: 348 7807224