Voucher per la partecipazione a fiere internazionali

Al via dal 17 febbraio 2020 il nuovo Bando della Camera di Commercio di Pisa per la partecipazione autonoma a mostre e fiere internazionali in Italia e all’estero.

I voucher, che coprono il 50% delle spese riconosciute e documentate, sono concessi fino a: 

– 2.000 euro per le manifestazioni svolte in Italia o in paesi esteri appartenenti alla UE

– 2.500 euro per quelle svolte in paesi esteri non UE.

I voucher sono concessi secondo l’ordine cronologico di arrivo delle domande fino all’esaurimento dei 100mila euro al momento stanziati.

Per informazioni:

Marlene Sotomayor Gonzalez
050 876594
sotomayor@cnapisa.it

CREDITO – 38 milioni per sostenere il credito alle PMI toscane grazie anche al lavoro di CNA Toscana

Sono attive dal 1° febbraio le tre misure individuate dalla Regione per facilitare l’accesso al credito delle Pmi toscane previste nell’ambito del fondo ‘Garanzia Toscana’

Sono misure che rientrano tra quelle del Patto per lo sviluppo, firmato lo scorso luglio tra Regione e parti sociali, fra cui anche CNA Toscana, per favorire gli investimenti delle imprese. Le risorse complessive attuali ammontano a 38 milioni di euro.

La prima misura, che mette a disposizione 21,5 mln di euro, consentirà di costituire una sezione speciale regionale del Fondo centrale di garanzia per le Pmi e servirà come riassicurazione delle garanzie rilasciate dai Confidi estendendo la copertura del fondo stesso. La seconda misura, che vale 10,5 mln di euro, permetterà di rilasciare garanzie alle imprese che non possono accedere al Fondo centrale, ma hanno comunque requisiti di solidità aziendale sufficienti. Infine, con i 6 mln di euro previsti dalla terza misura, viene costituito un ulteriore fondo per concedere un contributo alle imprese per l’abbattimento dei costi delle operazioni di garanzia riassicurate alla Sezione speciale regionale.

le tre misure nel dettaglio

Sezione speciale regionale del Fondo centrale di garanzia per le piccole e medie imprese (21,5 mln di euro): obiettivo della misura è finanziare, in compartecipazione al Fondo stesso, gli interventi di riassicurazione degli importi garantiti dai Confidi o altri soggetti garanti. I soggetti beneficiari sono le micro, piccole e medie imprese ed i liberi professionisti che hanno necessità di garantire operazioni finanziarie per programmi di investimento e le esigenze di capitale circolante estendendo la copertura fino al 90%. Per la costituzione del fondo è stato sottoscritto un accordo tra Regione, Ministero dello sviluppo economico e Ministero dell’economia e delle finanze.

Fondo regionale di garanzia (10,5 mln di euro): si tratta di fondo ad accesso diretto per le imprese che, pur non avendo i requisiti per poter accedere alla sezione speciale del Fondo centrale di garanzia, hanno però i requisiti di solidità aziendale sufficienti per poter accedere a garanzie affidabili. Si rivolge a micro, piccole e medie imprese e liberi professionisti sia per operazioni di investimento che per esigenze di liquidità. La concessione della garanzia prevede da parte del soggetto richiedente il rispetto di tutta una serie di requisiti riguardanti la propria solidità aziendale. L’importo massimo dei finanziamenti garantiti è di 750mila euro per gli investimenti e di 350mila euro sia per la liquidità che per il consolidamento di debiti. Durata massima della garanzia: 10 anni per gli investimenti, 7 per la liquidità e almeno 5 anni fino ad un massimo di 10 per il consolidamento di debiti. Copertura della garanzia: 80% per gli investimenti, 60% per la liquidità e 30% per il consolidamento debiti.

Fondo regionale per contributi in conto capitale per abbattimento costo operazioni di garanzia (6 mln di euro): l’intervento prevede la concessione di un contributo in conto capitale alle imprese per l’abbattimento dei costi delle operazioni di garanzia (voucher Garanzia) ammesse alla riassicurazione della ‘Sezione speciale regionale del Fondo centrale di garanzia per le piccole e medie imprese’, a partire dalla data della sua attivazione. Si riferisce a micro, piccole e medie imprese e liberi professionisti che abbiano ottenuto una garanzia da un soggetto garante autorizzato dalla Regione Toscana e riassicurata alla Sezione speciale a fronte di una operazione finanziaria. I soggetti garanti sono i confidi e gli intermediari che effettuano attività di rilascio di garanzie alle PMI iscritti ad apposito elenco regionale che sarà approvato in seguito ad un avviso pubblico per la raccolta di manifestazioni di interesse. Il contributo in conto capitale ammonta all’1% del finanziamento garantito e riassicurato con un massimo di 5mila euro ad impresa, da calcolarsi anche su più operazioni. Sono ammesse alla agevolazione le commissioni di garanzia pagate sulle operazioni finanziarie.

Per info rivolgersi all’ufficio credito di CNA Pisa:

Chiara Di Sacco 
cdisacco@finartcna.it 

COMPETITIVITÀ – La nuova “Nuova Sabatini” potenziata dalla Legge di Bilancio

Esce decisamente potenziata dalla Legge di bilancio recentemente approvata la Nuova Sabatini.

Un’ottima notizia. Si tratta, infatti, di uno dei principali strumenti agevolativi che hanno l’obiettivo di accrescere la competitività del sistema produttivo attraverso il sostegno all’acquisto di nuovi macchinari, impianti e attrezzature da parte di micro, piccole e medie imprese

Oltre a prevedere un rifinanziamento di 105 milioni di euro per il 2020 (540 milioni di euro complessivi per il periodo 2020-2025), la Legge di bilancio introduce alcune significative novità, con un forte orientamento all’innovazione tecnologica, al supporto delle aree in ritardo di sviluppo, alla sostenibilità ambientale.

Nello specifico, oltre alla conferma del contributo pari al 2,75% per acquisti “ordinari” di beni materiali e immateriali nuovi, viene mantenuta la maggiorazione del 30% per gli investimenti in beni strumentali “Impresa 4.0, con un contributo che sale così al 3,575%.

Ti interessa? Continua a leggere sul sito di CNA nazionale CLICCANDO QUI

 

Per informazioni:

marlene sotomayor cna pisa

 

Marlene Sotomayor Gonzalez
050 876594
sotomayor@cnapisa.it

SMART & START – Finanziamento agevolato fino all’80%

Hai una start up innovativa? Hai meno di 36 anni oppure sei una donna?
Questo è il finanziamento che fa per te.

Riparte “Smart&Start Italia”. Da lunedì 20 gennaio potranno essere presentate, esclusivamente per via telematica, le domande per chiedere le agevolazioni alle Start Up innovative secondo le modifiche apportate dal Decreto Crescita a questo regime di aiuti. Sarà importante non perdere l’attimo: le agevolazioni verranno concesse in base all’ordine cronologico di arrivo delle istanze.

Le novità del Decreto Crescita

I cambiamenti introdotti dal Decreto Crescita riguardano la semplificazione dei criteri di valutazione e di rendicontazione, il rafforzamento delle agevolazioni e l’introduzione di nuove premialità, in particolare nei confronti delle imprese meridionali, femminili e giovanili.

Finanziamento agevolato senza interessi per un importo pari all’80% delle spese ammissibili (compreso il capitale circolante), della durata massima di 10 anni.

Il finanziamento agevolato può essere elevato al 90% delle spese ammissibili se la compagine societaria della startup innovativa:

– è interamente costituita da giovani under 36 e/o da donne, oppure

– prevede la presenza almeno un esperto con titolo di dottore di ricerca (o equivalente), conseguito da non più di 6 anni e impegnato stabilmente all’estero in attività di ricerca o didattica da almeno 3 anni.

Misura dedicata a:

a) Startup innovative costituite da non più di 60 mesi, di piccola dimensione (micro e piccole imprese), con sede su tutto il territorio nazionale.

b) Persone fisiche che intendono costituire una startup innovativa.

Sono ammissibili piani di impresa che prevedono spese (compreso il capitale circolante) di importo non superiore a 1,5 milioni di euro e non inferiore a 100.000 euro e che siano, congiuntamente o alternativamente:

a) caratterizzati da un significativo contenuto tecnologico e innovativo;

b) mirati allo sviluppo di prodotti, servizi o soluzioni nel campo dell’economia digitale, dell’intelligenza artificiale, della blockchain e dell’internet of things;

c) finalizzati alla valorizzazione economica dei risultati del sistema della ricerca pubblica e privata.

Le domande di agevolazione, insieme ai piani di impresa, possono essere presentate dal 20 gennaio 2020 esclusivamente per via elettronica.

Per informazioni: 

marlene sotomayor cna pisa

 

Marlene Sotomayor Gonzalez
050 876594
sotomayor@cnapisa.it

Bando Internazionalizzazione – Nuova apertura con contributi a fondo perduto fino al 50%

In apertura il 18 dicembre il nuovo Bando Internazionalizzazione rivolto a imprese manifatturiere e turistiche per promozione su mercati esteri

Contributi a fondo perduto fino al 50%  alle imprese per la realizzazione di progetti di Internazionalizzazione per partecipazione a fiere internazionali, apertura show room all’estero, attività promozionali su mercati esteri e consulenze su internazionalizzazione

PER IMPRESE MANIFATTURIERE E PER PROMOZIONE SU MERCATI ESTERI DI ATTIVITÀ TURISTICHE

Partecipazione a fiere e saloni internazionali, Promozione mediante utilizzo di uffici o sale espositive all’estero, Servizi di supporto per l’organizzazione di eventi promozionali in Italia e all’estero, Supporto specialistico all’internazionalizzazione, Supporto all’innovazione commerciale per la fattibilità di presidio su nuovi mercati.

Finalità e obiettivi: supportare le piccole e medie imprese toscane, anche in forma associata, mediante il sostegno a programmi di investimento finalizzati all’internazionalizzazione in Paesi esterni all’area UE.

Per informazioni:

Marlene Sotomayor Gonzalez
050876594
sotomayor@cnapisa.it

Bando Conciliamo – Gli aiuti per il welfare aziendale

Finanziamenti a fondo perduto per la realizzazione di progetti  di welfare aziendale volti al supporto della conciliazione vita-lavoro

Come ad esempio:
– misure per incentivare la natalità e la condivisione dei carichi di cura tra uomini e donne;
– l’incremento dell’occupazione femminile;
– il supporto alla cura di anziani e disabili;
– e molto altro ancora.

Si prevede l’erogazione di contributi a fondo perduto con una minima compartecipazione alle spese da parte delle aziende.

L’importo è  graduato  sulla base della dimensione aziendale, con i seguenti scaglioni :

  • da 15mila a 50mila euro per imprese con meno di 10 dipendenti e ricavi fino a 2 milioni di euro nell’ultimo esercizio contabile.  Il richiedente deve contribuire per il 10% dell’importo. 
  • da 30mila a 100mila euro per aziende con meno di 50 dipendenti e ricavi fino a 10 milioni. il richiedente deve contribuire per il 15% dell’importo
  • da 100mila a 300mila euro  per aziende tra 50 e 250 dipendenti e i ricavi fino a 50 milioni, il richiedente deve contribuire per il 20% dell’importo 
  • da 250mila a 1,5 milioni di euro per aziende con  oltre 250 dipendenti e i ricavi superiori a 50 milioni, il richiedente deve contribuire per il 30% dell’importo 

Le domande vanno presentate entro le ore 12.00 del 18 dicembre.

Per info: 

Marlene Sotomayor Gonzalez
sotomayor@cnapisa.it
050 876594

AGEVOLAZIONI – Risorse per la valorizzazione dei titoli di proprietà industriale

Pubblicato in Gazzetta Ufficiale il decreto di programmazione 2019 dei bandi Brevetti+, Marchi+ e Disegni+.

Il Ministero dello Sviluppo Economico ha messo a disposizione delle PMI le risorse per la valorizzazione dei titoli di proprietà industriale, in particolare:

  • 21,8 milioni di euro per la misura brevetti+
  • 13 milioni di euro per la misura disegni+
  • 3,5 milioni di euro per la misura marchi+

I bandi saranno pubblicati prossimamente e le domande potranno essere presentate nel 2020.

Per informazioni:

Marlene Sotomayor 
sotomayor@cnapisa.it