CREDITO: Artigiancredito a fianco dei panificatori di CNA

Pane al Pane: liquidità immediata in 72 ore

Artigiancredito a fianco dei Panificatori di CNA in difficoltà a causa dei pesanti aumenti dei costi dell’energia.

Lo strumento prevede liquidità immediata in 72 ore fino a 24 mesi e Credito Diretto ACT fino a 60 mesi.

Per maggiori informazioni:

sdeales@finartcna.it –

jveracini@finartcna.it –

fpellegrini@finartcna.it

Cna Pisa presenta la 11° edizione Banchi di Gusto

Banchi di Giusto 2022 – Appuntamento 11 e 12 giugno sotto le Logge di Banchi

Torna, rinnovata, più ricca e alla sua 11′ edizione, ‘Banchi di gusto’, la due-giorni a cura di Cna Pisa che dà appuntamento in Logge di Banchi l’11 e 12 giugno.

Un appuntamento fisso del mercato del gusto ormai consolidato che, grazie alla sinergia e al contributo del Comune di Pisa, Camera di Commercio di Pisa, Toscana Sapori e Banca di Lajatico offre una vetrina e un salotto aperto e interattivo a tutti coloro che desiderano conoscere i principi dell’alimentazione e della gastronomia con i relativi aspetti storici, ambientali e salutistici.

“Local food experience”, questo il tema principale di questa edizione pronta ad offrire street food, laboratori, degustazioni, vendita diretta e show-cooking a cura di di Slow Food Toscana condotta Pisa e Monti Pisani sabato e domenica dalle 10 alle 20.

La kermesse sarà impreziosita dalla presenza di Slow Food che proporrà laboratori esperienziali a cittadini e visitatori. E proprio questa mattina (lunedì 6 giugno 2022), dopo aver presentato il nuovo presidente del consorzio di Cna Pisa, Toscana Sapori, Elisa Micheletti è stato sottoscritto il protocollo d’intesa tra l’associazione di categoria pisana e Slow Food Toscana unite da sempre dalla stessa filosofia che in campo agroalimentare significa proteggere il territorio, i suoi prodotti stagionali e mettere in rete i consumatori e i produttori.

Qualità, stagionalità, prodotti locali, eccellenze enogastronomiche del resto sono da sempre i punti di forza di CNA che per questa edizione ha coinvolto ben 18 produttori, non solo del territorio pisano ma anche regionale. Arriveranno infatti produttori dal fiorentino e dal grossetano che, amalgamandosi con i nostri produttori locali, offriranno un percorso degustativo virtuoso capace di coinvolgere tutti e 5 i sensi. Sottoscritti altresì accordi – confermato da Valter Tamburini, commissario straordinario della Camera di Commercio – anche con agenzie turistiche che offriranno, grazie al coordinamento di alcune guide, tappe e visite ai turisti che, arrivati in città, potranno godere di un tour enogastronomico ad hoc.

Entrando nel vivo del programma si inizia sabato 11 giugno con il taglio del nastro in Logge di Banchi per poi proseguire alle 16.30 con il laboratorio dell’olio a cura di Slow Food condotta Pisa e Strada dell’olio dei Monti Pisani. Alle 17.30 sarà la volta del laboratorio del gelato con la partecipazione del maestro gelatiere Gianfrancesco Cutelli che racconterà il rito della granita siciliana e alle 18.30 uno show-cooking con Leonardo Torrini de il Trippaio di Gavinana.

Si continua poi domenica 12 giugno con il laboratorio del formaggio alle 10.30 a cura di Angela Saba, produttrice del presidio e presidente del presidio Slow Food del Pecorino a Latte Crudo di Maremma. Alle 12 show-cooking con Benedetto Squicciarini de La Macelleria Lo Scalco di San Miniato e alle 17.30 si conclude con Manuel di Gregorio de Il Peposo di Pietrasanta.

A fare gli onori di casa ci ha pensato il presidente territoriale di CNA Pisa Francesco Oppedisano che ha detto: “Siamo molto felici di ripartire con questa nuova edizione che è anche una prova del fatto che come associazione di categoria abbiamo e portiamo avanti una strategia di filiera. Banchi di gusto è la più bella riprova che i nostri imprenditori sanno fare sistema. Ecco che confermiamo che all’interno del nostro filone agro-alimentare puntiamo a mettere insieme tutta la filiera a partire da chi produce fino ad arrivare al consumatore che sì è un cittadino ma è anche il turista che spesso si trova in città e deve poter godere, per trattenersi, di una tipologia di turismo sensoriale. Il tema della due-giorni è il local food experience e questo, in linea più generale, è ciò che stiamo facendo e vogliamo continuare a fare in CNA con tutto l’arcobaleno di mestieri che abbiamo. Questo approccio, di coinvolgimento e di sinergie, deve valere ovunque perché stimola buona impresa e aumenta la prosperità del nostro territorio. Ecco che quest’anno abbiamo alzato l’asticella con la collaborazione con slow food e l’accordo che stiamo sottoscrivendo con loro contribuisce a dare importanza a questo evento e a proseguire sulla strada che vogliamo”.

Grazie a CNA per aver messo ancora una volta in piedi un perfetto connubio tra turismo ed enogastronomia – Valter Tamburini

Parole di apprezzamento da parte del commissario straordinario della camera di commercio Valter Tamburini che ha aggiunto: “La Camera di Commercio e Terre di Pisa è come sempre presente. Grazie a CNA che mantiene vivo, attrattivo e centrale questo appuntamento che ormai è stato calendarizzato e viene atteso dai pisani. Un appuntamento fisso per Pisa e per le sue attività economiche legate al food e wine. Una delle nostre scommesse era tesa proprio ad allungare il periodo di permanenza di visitatori e turisti sul nostro territorio e iniziative come queste sposano a pieno questo obiettivo e contribuiscono a far conoscere le eccellenze DOP e DOC della nostra provincia. Grazie a CNA per aver messo ancora una volta in piedi un perfetto connubio tra turismo ed enogastronomia, patrimonio anche culturale del nostro territorio”.

Intenti confermati anche da Silvia Rolandi, uno dei membri del comitato esecutivo di Slow Food Toscana che ha sottolineato come Slow Food da oltre 30 anni porti avanti un progetto teso a proteggere il territorio i prodotti stagionali e mettere in rete i consumatori e i produttori: “Slow food toscana non è niente senza i suoi livelli territoriali: ecco che ringrazio Giuseppe Fusco per essere qui con me stamani e la condotta Valdera, Volterra e Alta Val di Cecina e San Miniato che saranno tutti presenti in questa due-giorni con laboratori e show-cooking”.

A concludere l’assessore Paolo Pesciatini che ha definitivo l’iniziativa di CNA un vero e proprio atelier dei sapori e dei saperi: “È fondamentale e sintomatico che Banchi di Gusto sia giunto alla sua undicesima edizione. Il fatto che un’iniziativa duri così tanto nel tempo e che venga attesa è solo ed esclusivamente perché viene percepita come un appuntamento fisso di grande valore. Questo perché Cna è stata capace di innovarla ogni anno, perché ha proposto iniziative partendo sempre dal gusto e dai sapori. E questa è la qualitas latina, un connubio vincente capace di mettere insieme il nostro patrimonio comune con i piaceri della tavola, enogastronomia e la terra. Una grande soddisfazione ospitare questo evento all’interno di una struttura architettonica importante per la nostra città quale Logge di Banchi. Sembra quasi un ritorno alle origini e siamo felici di sostenere un’iniziativa che educa alla convivialità, al gusto, ai sapori e ad un turismo esperienziale tutto da vivere”.

(Fonte: Ufficio Stampa CNA Pisa)

CORSO HACCP – Addetto attività alimentari complesse

Al via il corso di 12 ore a cura dell’Agenzia Formativa Copernico di CNA Pisa

Certificazione obbligatoria di abilitazione a lavorare con gli alimenti: al via, nel mese di giugno, un corso di 12 ora per le sedi di Pisa e Santa Croce, Viareggio e Lucca.
Ad organizzarlo l’agenzia di formazione di CNA, Copernico, che a partire dal 13 giugno offrirà 12 ore di lezioni teoriche propedeutiche al rilascio dell’attestato riconosciuto dalla Regione Toscana.

Corso al via il 13 giugno che si terrà mediante formazione a distanza

La stagione estiva, infatti, è alle porte e sono tante le richieste e offerte di lavoro in ambito agro-alimentare, ristorazione, caffetteria ma anche servizio al tavolo, sagre, forno e pasticceria e, più ingenerale, inerenti il sempre più esteso e richiesto mondo del Food. Mansioni, queste, che possono essere ricoperte solo se in possesso della certificazione HACCP.

Ecco che l’agenzia formativa di CNA offre – con tre referenti per ciascuna città pronte a dare informazioni e consigli utili – un corso di 12 ore suddiviso in 3 giornate da 4 ore ciascuna a partire dal 13 fino al giugno 2022. Per andare ancora di più nel dettaglio si ricorda che il corso HACCP (Hazard Analysis and Critical Control Points) sarà modulato intorno al processo di controllo che mira a prevenire la contaminazione degli alimenti, sia di natura biologica che chimica o fisica, attraverso il monitoraggio dei “punti della lavorazione” degli stessi in cui si prospetta un pericolo di contaminazione.

In Italia infatti dal 2005, dopo l’abrogazione del Libretto Sanitario, per addetti e titolari di attività alimentari è stata istituita l’obbligatorietà della partecipazione, idoneamente documentata, a corsi di formazione di base che rilasciano la certificazione di abilitazione a lavorare con gli alimenti.

In relazione alla natura dell’esercizio e delle mansioni imputabili al lavoratore, la legge prevede distinzione tra attività semplici e attività complesse e tra Addetti e Responsabili dei Piani di Autocontrollo.
Argomenti, questi, che saranno approfonditi durante le lezioni che, per favorire una più ampia partecipazione, si terranno mediante formazione a distanza (FAD sincrona).

Per avere ulteriori informazioni sul corso e per iscriversi contattare le referenti:

Eveli Ramacciotti (corsi su Pisa e Santa Croce) – ramacciotti@cnapisa.it – 050/876326
Monica Dal Pino (corsi su Viareggio) – dalpino@cnalucca.it – 0584/439023
Debora Domini (corsi su Lucca) –  domini@cnalucca.it – 0583/4301115

Foto di eric montanah da Pexels

DL 24 – Nuove Disposizioni per il superamento del green pass

Dal 1° aprile al via il percorso di uscita, con le nuove misure dettate dal decreto legge numero 24 pubblicato sulla Gazzetta Ufficiale, tra cui la fine dell’Italia suddivisa in zone colorate, il graduale superamento del green pass e l’eliminazione delle quarantene precauzionali.

“Disposizioni urgenti per il superamento delle misure di contrasto alla diffusione dell’epidemia da COVID-19, in conseguenza della cessazione dello stato di emergenza”

SCARICA IL Cartello-controllo-green-pass-base-RISTORANTE

SCARICA IL Cartello-controllo-green-pass-base-BAR

Green Pass base

Dal 1° al 30 aprile 2022 serve qui:

luoghi di lavoro pubblici o privati, per chiunque svolga la propria attività lavorativa
scuole
istituzioni universitarie e di alta formazione artistica, musicale e coreutica
mense e catering, ristorazione al banco o al tavolo al chiuso
concorsi pubblici
corsi di formazione
spettacoli ed eventi sportivi all’aperto
mezzi di trasporto.

Green Pass rafforzato

Dal 1° al 30 aprile 2022 serve qui:

convegni e congressi
spettacoli ed eventi sportivi al chiuso
attività di centri culturali, sociali e ricreativi al chiuso
piscine, palestre,  sport  di squadra e di contatto, centri benessere, anche nelle strutture ricettive, per le attività al chiuso
feste al chiuso, sale gioco e da ballo.

Vaccini

Fino al 15 giugno 2022 l’obbligo rimane in vigore per personale scolastico, delle istituzioni universitarie e di alta formazione artistica, musicale e coreutica, del comparto della difesa, polizia locale e istituti penitenziari.
Fino al 31 dicembre 2022 resta l’obbligo con la sospensione dal lavoro per gli esercenti le professioni sanitarie e i lavoratori in ospedali e RSA. Il green pass servirà fino alla stessa data per i visitatori in RSA, hospice e reparti di degenza degli ospedali.

Dispositivi di protezione

Dal 1° al 30 aprile 2022 resta l’obbligo di FFP2 nei seguenti casi:
mezzi di trasporto spettacoli al chiuso o all’aperto in sale teatrali, sale da concerto, sale cinematografiche, locali di intrattenimento e musica dal vivo e in altri locali assimilati, nonché per gli eventi e le competizioni sportive.

Fino al 30 aprile 2022 restano obbligatori in tutti i luoghi al chiuso.

Dall’obbligo rimangono esclusi:
bambini sotto i 6 anni persone con patologie e disabilità incompatibili con l’uso della mascherina, quanti devono comunicare con una persona con disabilità in modo da non poter fare uso del dispositivi chi sta facendo sport.

Fino al 30 aprile 2022 per i lavoratori sono considerati dispositivi di protezione individuale le mascherine chirurgiche.

Negozi e servizi alla persona

Dal 1° aprile non è necessaria l’esibizione di alcun tipo di green pass in nessun negozio o altre attività di servizi alle persone e alle cose.

Isolamento e autosorveglianza

Dal 1° aprile 2022 i positivi al Covid devono rimanere in isolamento fino all’accertamento della guarigione, con test antigenico rapido o molecolare. In quest’ultimo caso, la trasmissione, con modalità anche elettroniche, al dipartimento di prevenzione territorialmente competente del referto determina la cessazione del regime dell’isolamento.

Dal 1° aprile 2022 chi ha avuto contatti stretti con soggetti positivi deve rispettare un regime di autosorveglianza, con obbligo di indossare mascherine FFP2 al chiuso o in presenza di assembramenti, fino al decimo giorno successivo alla data dell’ultimo contatto e di effettuare un test antigenico rapido o molecolare per la rilevazione del Covid, anche presso centri privati abilitati, in caso di sintomi, se ancora sintomatici, al quinto giorno successivo alla data dell’ultimo contatto.

Lavoro

Prorogate fino al 30 giugno le disposizioni sul lavoro agile nel settore privato

SCARICA IL Cartello-controllo-green-pass-base-RISTORANTE

SCARICA IL Cartello-controllo-green-pass-base-BAR

Foto di Marcus Herzberg da Pexels

Il Distretto rurale diventa realtà per promuovere tipicità e agricoltura

Firma all’Unione Valdera dell’accordo per la programmazione

CNA Pisa è alla sua terza partecipazione al distretto rurale, dopo il distretto della Valdicecina, il distretto Pisano Livornese ed ha colto con piacere l’opportunità di partecipare anche al costituendo Distretto Rurale della Valdera e del Valdarno inferiore.

Gli artigiani sono degli attori strategici per favorire lo sviluppo territoriale e l’integrazione fra le attività agricole e altre attività locali

Perché? La nostra associazione di categoria crede che gli artigiani non solo siano parte integrante della filiera, ma anche degli attori strategici per favorire lo sviluppo territoriale e l’integrazione fra le attività agricole e altre attività locali. Gli Artigiani sono capaci di esprimere produzioni di beni e servizi di particolare specificità, coerenti con le tradizioni e le vocazioni naturali e territoriali del nostro nuovo distretto rurale.

L’intento di CNA è di partecipare in maniera attiva e proattiva alla progettualità integrata di territorio

[Tra i firmatari il nostro presidente della Valdera Nico Panicucci, nella foto qui a fianco. Farà  parte del consiglio del distretto anche Daniele Fagiolini ristoratore e grande conoscitore del territorio e dei suoi prodotti].

CNA Ristorazione – Stop a nuove aperture di attività alimentari e di somministrazione in centro storico

La decisione dell’amministrazione pisana è stata annunciata ieri in Comune alle associazioni di categoria che chiedevano da tempo rassicurazioni e tutele per le imprese locali ormai vessate da circa due anni dalle misure restrittive imposte dall’emergenza sanitaria.

Nicola Micheletti

Alla tavola rotonda hanno partecipato anche la coordinatrice sindacale Sabrina Perondi e il presidente CNA Toscana Ristorazione Nicola Micheletti.

Una misura di forte buon senso che apprendiamo con vero piacere

“Una misura di forte buon senso che apprendiamo con vero piacere – interviene il presidente provinciale e regionale CNA Ristorazione Nicola Micheletti – . La decisione dell’amministrazione comunale nella figura dell’assessore alle attività produttive Paolo Pesciatini relativa al blocco di nuove licenze va a tutelare tutte quelle aziende e imprese che in questi anni complicati hanno investito risorse immani per mantenere le proprie attività aperte. Speriamo che questo sia un primo passo nella riprogrammazione turistica alla luce di quelli che saranno i nuovi trend per il rilancio di una piazza che ha innumerevoli potenzialità nello sviluppo di questo settore”.

(Fonte: Ufficio Stampa CNA Pisa)

Divieto di somministrazione all’aperto dopo la mezzanotte: CNA Ristorazione chiede la cancellazione di una parte dell’ordinanza sindacale

È l’appello del presidente CNA Ristorazione Pisa e Toscana Nicola Micheletti dopo l’emanazione dell’ordinanza del sindaco di Pisa Michele Conti, che vieta la somministrazione di bevande alcoliche dopo la mezzanotte

“In un periodo così complesso per le attività emettere un’ordinanza del genere può creare solamente forti malumori e complicare ancora di più il percorso di ripartenza del quale necessitiamo urgentemente. Sarebbe auspicabile che i controlli venissero fatti per la città a garanzia del quieto vivere della comunità e non per creare uno stato di polizia nei confronti di chi s’impegna a mantenere la città pulita e sicura credendo e investendo in essa”.

Nicola Micheletti – CNA Ristorazione Pisa e Toscana

È l’appello del presidente CNA Ristorazione Pisa e Toscana Nicola Micheletti intervenuto dopo l’emanazione dell’ordinanza firmata dal sindaco di Pisa Michele Conti con la quale ha vietato la somministrazione di bevande alcoliche – anche nelle aree di pertinenza dei pubblici esercizi – dopo la mezzanotte. Micheletti, che ha raccolto le proteste e la preoccupazione di molti associati CNA Pisa, desidera sottolineare che sono proprio gli imprenditori, i ristoratori e i gestori dei locali i primi a contrastare e a prevenire qualsiasi episodio di degrado e malamovida anche e attraverso le loro attività. Ecco che pone l’accento su questo ultimo aspetto chiedendo al sindaco di “rivedere l’ordinanza nella parte in cui non permette agli imprenditori di somministrare ordinatamente e con sicurezza, e nel rispetto delle normative vigenti, alcolici nei pressi di tavolini esterni in tutto il centro storico”.

Vietare questa possibilità, oltre a far allontanare ancora di più la tanto auspicata ripartenza di imprenditori e ristoratori che da due anni stanno facendo i conti con la crisi economica scaturita dalla pandemia, non significa aumentare specularmente la sicurezza nel centro quanto semmai andare a creare zone di bivacco, zone di fortuna che contrastano con gli obiettivi perseguiti dal Comune. Gli imprenditori e i ristoratori semmai, grazie alle loro attività, contribuiscono a rendere il centro storico più sicuro, in ordine e, se vogliamo, frequentato in modo sano. Ecco che come CNA chiediamo al sindaco e al Comune di Pisa di eliminare la parte di ordinanza che prevede il divieto di somministrazione di alcolici oltre alla mezzanotte, una misura che penalizza fortemente le imprese già vessate da tasse e ripercussioni economiche, non da ultime le annunciate misure sui rincari energetici”.

(Fonte: Ufficio Stampa CNA Pisa)

Guida “Osterie d’Italia 2022”: Slow Food premia l’Antico Ristoro Le Colombaie di San Miniato

Guida “Osterie d’Italia 2022”: l’unica chiocciolina di Slow Food della provincia di Pisa assegnata all’Antico Ristoro Le Colombaie di San Miniato

Questa mattina (mercoledì 1 dicembre 2021), nella sede di CNA Pisa, il prestigioso riconoscimento allo chef e titolare Daniele Fagiolini

Nella foto da sx verso dx Gianmarco Mazzanti, Coordinatore Regionale della Guida Osterie d’Italia,  Daniele Fagiolini, membro di presidenza di CNA Pisa Ristorazione e titolare de Le Colombaie, Nicola Micheletti, Presidente Cna Ristorazione Toscana, Francesco Oppedisano, presidente territoriale CNA Pisa, Elisa Montanelli, vice sindaco del Comune di San Miniato

 Un luogo di grande qualità dove la voglia di raccontare il territorio emerge costantemente

È con queste parole che il sussidiario “Osterie d’Italia 2022” di Slow Food, uno dei “manuali sacri” del mangiar bene, accompagna il prestigioso conferimento – l’unico della provincia di Pisa – della rinomata “chiocciolina” all’Antico Ristoro Le Colombaie, nella frazione di Catena di San Miniato.

Una grande soddisfazione per il titolare e chef patron Daniele Fagiolini, membro di presidenza di CNA Pisa Ristorazione, arrivato questa mattina nella sede di CNA Pisa a Ghezzano insieme a Francesco Oppedisano, presidente territoriale CNA Pisa, Simone Giglioli ed Elisa Montanelli, rispettivamente sindaco e vice sindaco del Comune di San Miniato, Nicola Micheletti, Presidente Cna Ristorazione Toscana e Gianmarco Mazzanti, Coordinatore Regionale della Guida Osterie d’Italia.

Osterie d’Italia 2022, presentata in anteprima al Piccolo Teatro Strehler di Milano lo scorso ottobre, rispetto all’edizione precedente testimonia uno scenario davvero incoraggiante. Innanzitutto, nella crescita dei numeri: su 1713 locali recensiti (1697 in Osterie d’Italia 2021), la guida conta ben 120 novità, tra cui compaiono molte nuove aperte proprio negli ultimi due anni.

Per dare qualche dato, numeri alla mano, le regioni che contano più osterie rappresentate sono la Campania (177), la Toscana (145) e il Piemonte (136), seguite da Emilia Romagna (124) e Puglia (111).

La regione che si aggiudica il maggior numero di Chiocciole è ancora una volta la Campania (23), seguita da Toscana e Piemonte (22) e Puglia ed Emilia Romagna (19) nel totale di 246 Chiocciole in tutta Italia.

E la sola assegnata nella provincia di Pisa è proprio quella di Daniele Fagiolini, titolare e chef patron del ristorante ricavato in un vecchio fienile della fattoria “Le Colombaie”, poi restaurato e adibito a enoteca. Qualche anno dopo Fagiolini lo ha trasformato in osteria realizzando il suo sogno. Da allora è passato molto tempo ma Daniele continua a manifestare lo stesso entusiasmo, cucinando i prodotti del territorio con sapienza e fantasia.

Daniele Fagiolini insieme al sindaco di San Miniato, Simone Giglioli

Proprio lui che conosce molto bene la cucina tipica toscana e, grazie ad anni di esperienza nel territorio pisano, sa quali siano i produttori e gli allevatori locali migliori e quando approvvigionarsi delle materie prime della migliore qualità. In tre parole: eccellenza, chilometro zero e filiera corta.

Qualità confermate anche dal sindaco e vicesindaco di San Miniato che hanno ribadito il loro impegno e sostegno alle tante eccellenze del territorio e da Gianmarco Mazzanti, Coordinatore Regionale della Guida Osterie d’Italia, che ha ricordato come la chiocciolina non sia solo ed esclusivamente sinonimo di mangiar bene “ma anche di prodotti di elevatissima qualità, sinergia coi produttori, straordinaria accoglienza e frutto di un grande gioco di squadra”, elementi imprescindibili ribaditi da Fagiolini che ha potuto esprimerli e potenziarli nella grande casa di CNA.

Soddisfazione anche da parte del presidente regionale di CNA ristorazione Nicola Micheletti che ha sottolineato come l’associazione di categoria pisana faccia “da collante e da aggregatore facendo incontrare ristoratori e produttori locali – vere e proprie eccellenza di tutta la provincia – e coordinandoli dà vita a veri e propri risultati straordinari”.

Un riconoscimento che è un grandissimo orgoglio per CNA

A concludere il presidente territoriale di CNA Pisa che, dopo essersi complimentato con Fagiolini, ha sottolineato “come questo riconoscimento sia un grandissimo orgoglio per CNA che, come una grande famiglia, si impegna ogni giorno per sostenere, valorizzare e far espandere i propri imprenditori e artigiani avendo sempre un occhio di riguardo al territorio che ha immense potenzialità e qualità”.

(Fonte: Ufficio Stampa CNA Pisa)

BANCHI DI GUSTO: Al via la X edizione a Pisa

Ecosostenibilità & spreco alimentare: taglio del nastro in Logge di Banchi per la X edizione di “Banchi di Gusto”

Inaugurazione ufficiale sabato mattina (13 novembre 2021) in Logge di Banchi per la “due-giorni” di CNA e Toscana Sapori dedicata alle eccellenze enogastronomiche del territorio con show-cooking, dibattiti e vendita diretta

Ecosostenibilità e lotta allo spreco alimentare ma anche valorizzazione delle eccellenze enogastronomiche del territorio, solidarietà, vendita diretta, artigianato-artistico e show-cooking di prima categoria realizzati in sinergia da chef, scuole e produttori locali

Taglio del nastro questa mattina, alla presenza del presidente territoriale CNA Pisa Francesco Oppedisano e dell’assessore alle attività produttive Paolo Pesciatini, per  “Banchi di gusto”, la “due-giorni” a cura di CNA Pisa e Toscana Sapori che per la sua decima edizione dà appuntamento oggi e domani in Logge di Banchi.

Presenti al taglio del nastro anche la presidente di Toscana Sapori Valentina Giambastiani e l’associazione cuochi pisani.

Un appuntamento fisso del mercato del gusto ormai consolidato che, grazie alla sinergia e al contributo del Comune di Pisa, Camera di Commercio di Pisa, Terre di Pisa, Associazione Cuochi Pisani, IPSAR G. Matteotti e Banca di Lajatico offre una vetrina e un salotto aperto e interattivo a tutti coloro che desiderano conoscere i principi dell’alimentazione e della gastronomia con i relativi aspetti storici, ambientali e salutistici.

Arrivati da tutta la provincia di Pisa – ma anche dalla Toscana intera – i produttori che, insieme all’ associazione cuochi pisani e agli studenti dell’IPSAR Matteotti, offriranno alla città ma anche a visitatori e turisti una “due-giorni” esperienziale tutta da vivere e da gustare.

Banchi di degustazioni, vendita diretta dei prodotti, piatti della tradizione locale utilizzando materie prime offerte dai produttori ma anche assaggi ricavati – visto il tema legato allo spreco alimentare – riutilizzando gli scarti di alimenti saranno il valore aggiunto della manifestazione che, per questa edizione, ospiterà anche i mestieri dell’artigianato- artistico di CNA offrendo alla città un’occasione esperienziale a tutto tondo dove food, arte e artigianalità faranno rete con percorsi inclusivi favoriti dai maestri artigiani nei settori di ceramica, tessitura e dipinti su tela.

Infine, non certo per ordine d’importanza, questa edizione aprirà le braccia anche alla solidarietà: sarà, infatti, presente uno stand a cura dell’associazione Il sorriso di Andrea (http://www.ilsorrisodiandrea.org/) , l’associazione benefica nata per ricordare Andrea Baldini, il ragazzo prematuramente scomparso nel marzo 2020 in seguito ad una estenuante lotta contro un tumore raro. Durante la manifestazione sarà infatti possibile acquistare panettoni artigianali realizzati dalla pasticceria Fratelli Sbrana di San Giuliano Terme e il ricavato delle vendite sarà interamente devoluto all’acquisto dei pensierini di Natale per i piccoli pazienti del reparto di Oncoematologia Pediatrica dell’AOUP dove ha combattuto anche Andrea la sua battaglia.

Un’occasione di ripartenza

“Un’occasione di ripartenza. Si parla di gusto inteso in tutte le sue sfumature – interviene il presidente di CNA PISA Francesco Oppedisano -. Gusto per la valorizzazione del territorio, delle nostre eccellenze, dei produttori locali e degli artigiani e, non da ultimo, della solidarietà. Grazie a questa occasione scopriamo, ancora più fortemente, il rapporto tra la città e le aziende del territorio, un rapporto da curare e da coltivare frequentemente. Ed è proprio questa una delle mission di CNA: creare un turismo esperienziale, non solo food ma anche artigianato artistico. Pisa e la Toscana non sono solo monumenti ma anche eccellenze a tutto tondo. Dobbiamo scongiurare un turismo mordi &fuggi e creare legami virtuosi e longevi che portino affluenza e valore per il nostro territorio”.

PROGRAMMA:

SABATO 13 NOVEMBRE
vendita degustazione fino alle 20
ore 15.00 focus “una logistica sostenibile” con Simone Stacchini di MYSPESA
ore 17.00 show cooking con Maurizio Tommasoni ( Ristorante Teste & Lische )
ore 18.00 show cooking con Francesco Grasso  ( Toscana Food Service )

DOMENICA 14 NOVEMBRE 2021
Apertura ore 10.00 con vendita e degustazione dei prodotti
ore 11.00 FOCUS cibo e salute: pasta a basso contenuti di carboidrati
ore 12.00 show cooking con Carmine Iovine ( Ristorante La Buca)
ore 17.00 show cooking con Veronica Vanni ( Ristorante La Divina Commedia del Gusto – Vicopisano)
ore 18.00 show cooking con Antonio Geri ( Ristorante QuattordiciOttanta –Legoli )

(Fonte: Ufficio Stampa CNA Pisa)

Ecosotenibilità e spreco alimentare: il 13 e 14 novembre torna a Pisa la X edizione di Banchi di Gusto

Dalle 10 alle 20 in Logge di Banchi la “due-giorni” di CNA e Toscana Sapori dedicata alle eccellenze enogastronomiche del territorio con show-cooking, dibattiti e vendita diretta

Ecosostenibilità e lotta allo spreco alimentare ma anche valorizzazione delle eccellenze enogastronomiche del territorio, solidarietà, vendita diretta, artigianato-artistico e show-cooking di prima categoria realizzati in sinergia da chef, scuole e produttori locali. Torna, rinnovata e più ricca, “Banchi di gusto”, la “due-giorni” a cura di CNA Pisa e Toscana Sapori che per la sua decima edizione dà appuntamento in Logge di Banchi sabato 13 e domenica 14 novembre. Un appuntamento fisso del mercato del gusto ormai consolidato che, grazie alla sinergia e al contributo del Comune di Pisa, Camera di Commercio di Pisa, Terre di Pisa, Associazione Cuochi Pisani, IPSAR G. Matteotti e Banca di Lajatico offre una vetrina e un salotto aperto e interattivo a tutti coloro che desiderano conoscere i principi dell’alimentazione e della gastronomia con i relativi aspetti storici, ambientali e salutistici.

Arriveranno da tutta la provincia di Pisa – ma anche dalla Toscana – i produttori che, insieme all’ associazione cuochi pisani e agli studenti dell’IPSAR Matteotti, offriranno alla città ma anche a visitatori e turisti una “due-giorni” esperienziale tutta da vivere e da gustare.

Banchi di degustazioni, vendita diretta dei prodotti, piatti della tradizione locale utilizzando materie prime offerte dai produttori ma anche assaggi ricavati – visto il tema legato allo spreco alimentare – riutilizzando gli scarti di alimenti saranno il valore aggiunto della manifestazione che, per questa edizione, ospiterà anche i mestieri dell’artigianato- artistico di CNA offrendo alla città un’occasione esperienziale a tutto tondo dove food, arte e artigianalità faranno rete con percorsi inclusivi favoriti dai maestri artigiani nei settori di ceramica, tessitura e dipinti su tela.

Infine, non certo per ordine d’importanza, questa edizione aprirà le braccia anche alla solidarietà: sarà, infatti, presente uno stand a cura dell’associazione “Il sorriso di Andrea” (http://www.ilsorrisodiandrea.org/) , l’associazione benefica nata per ricordare Andrea Baldini, il ragazzo prematuramente scomparso nel marzo 2020 in seguito ad una estenuante lotta contro un tumore raro. Durante la manifestazione sarà infatti possibile acquistare panettoni artigianali realizzati dalla pasticceria Fratelli Sbrana di San Giuliano Terme e il ricavato delle vendite sarà interamente devoluto all’acquisto dei pensierini di Natale per i piccoli pazienti del reparto di Oncoematologia Pediatrica dell’AOUP dove ha combattuto anche Andrea la sua battaglia.

“Il futuro e la ripartenza devono proprio ripartire dalla filiera, dalle nostre eccellenze enogastronomiche e artigianali e soprattutto dalle sinergie e dai processi virtuosi che associazioni, enti e istituzioni hanno il dovere di promuovere e favorire. Solo attraverso partecipazione, condivisione ed eventi inclusivi come questo possiamo scongiurare un turismo “fast” e “mordi e fuggi” dando valore ai nostri produttori, al territorio e alla città che ha tanto da offrire”.

Parole confermate dal commissario straordinario della Camera di Commercio Valter Tamburini, dal presidente di Toscana Sapori Valentina Giambastiani e dal presidente dell’associazione cuochi pisani Stefano Fantozzi che ha portato l’esempio, insieme al preside dell’IPSAR G Matteotti Salvatore Caruso, della giusta sinergia nella realizzazione dell’evento tra cuochi e studenti.

A concludere l’assessore alle attività produttive del Comune di Pisa Paolo Pesciatini che ha detto: ““Banchi di Gusto è un’iniziativa importante che simboleggia la straordinarietà delle nostre eccellenti aziende. In questa decima edizione si vengono ad unire artigianato artistico e prodotti tipici agroalimentari che costituiscono un vero e proprio prodotto culturale del nostro contesto ambientale e territoriale, capace di suscitare emozioni e sensazioni per attivare un turismo di qualità. Possiamo dire che anche in questa occasione, dopo il Food and Wine Festival, è possibile gustare la Toscana da Pisa, grazie al valore delle nostre specialità gastronomiche che contrastano l’omologazione di gusti. Ringrazio la CNA perché ha accolto con commozione al suo interno anche un’iniziativa di solidarietà che vedrà la presenza dell’associazione “Il sorriso di Andrea”, uno dei tanti lasciti che avevo condiviso con l’assessore Gianna Gambaccini negli ultimi giorni prima della sua prematura scomparsa”.

PROGRAMMA:

Sabato 13 novembre 2021
Apertura ore 10.00 con vendita e degustazione dei prodotti

ORE 12 – TAGLIO DEL NASTRO

ore 17.00 show cooking con Maurizio Tommasoni ( Ristorante Teste & Lische )
ore 18.00 show cooking con Francesco Grasso ( Sport Village , San Rossore )

Domenica 14 novembre 2021

Apertura ore 10.00 con vendita e degustazione dei prodotti

ore 11.00 FOCUS cibo e salute: pasta a basso contenuti di carboidrati

ore 12.00 show cooking con Carmine Iovine ( Ristorante La Buca)

ore 17.00 show cookin con Veronica Vanni ( Ristorante La Divina Commedia del Gusto – Vicopisano)

ore 18.00 show cooking con Antonio Geri ( Ristorante QuattordiciOttanta –Legoli )