ecobonus cna

Strategia Energetica Nazionale – Penalizzate ancora una volta le piccole imprese

Gli aspetti più critici legati al costo della bolletta e al ruolo delle imprese rispetto agli obiettivi climatici 2030

“La tanto attesa Strategia Economica Nazionale non ci convince su molti aspetti”: questo il commento della CNA sui contenuti della Strategia Energetica Nazionale presentata ieri alla Camera dal ministro dello Sviluppo Economico Calenda e dal Ministro dell’Ambiente Galletti.

Pur condividendo l’obiettivo di rafforzare l’impegno dell’Italia nella transizione verso l’energia pulita, la Strategia non tiene conto in alcun modo delle caratteristiche del sistema economico italiano, penalizzando ancora una volta le imprese di minore dimensione sia in termini di riduzione del costo della bolletta elettrica che in relazione alla valorizzazione del ruolo che queste possono svolgere per il raggiungimento degli obiettivi climatici al 2030.

Già la fase di consultazione preliminare degli stakeholders da parte del MISE ha coinvolto soltanto una parte specifica della filiera dell’energia (produttori e grande industria), lasciando da parte i soggetti a valle. E ciò emerge con evidenza dal contenuto della SEN presentata ieri.

In particolare, CNA non condivide alcune ipotesi applicative presentate in relazione all’efficienza energetica, alle rinnovabili  e al costo dell’energia.

 

Ti interessa? Continua a leggerlo sul sito di CNA nazionale!