NOVITÀ BOLLINO BLU degli impianti di riscaldamento – Procedure e costi uguali in tutta la Toscana

Lo ha annunciato CNA Toscana dopo l’incontro con l’Assessore Federica Fratoni

Passaggio al Catasto  Regionale degli Impianti Termici attraverso la piattaforma SIERT (Sistema Informativo Efficienza Energetica della Regione Toscana), migrazione dei dati dai catasti provinciali e comunali, formazione dei manutentori, tempistiche, politiche della Regione sono i temi principali affrontati da CNA Toscana con l’assessorato all’ambiente della Regione.

All’incontro con l’Assessore regionale all’Ambiente, Federica Fratoni, hanno partecipato il presidente di CNA Installazione Impianti Toscana Maurizio Narra, il portavoce regionale dei termoidraulici Paolo Pagliarani e una delegazione di dirigenti delle CNA territoriali; presenti il direttore dell’Agenzia Regionale Recupero Risorse (A.R.R.R), Stefano Bruzzesi, e David Tei, funzionario del settore ambiente energia della Regione Toscana.

Le proposte e le preoccupazioni della CNA Toscana sono state affrontate e discusse in un clima di forte condivisione e collaborazione, in particolare rispetto alle modalità di passaggio al SIERT (prevista a partire dal 1/1/2018) e all’invio dei rapporti di controllo di efficienza energetica (RCEE).

Siamo in un fase delicata per le imprese che operano nel settore della manutenzione degli impianti termici impegnate  in questo periodo con le loro attività di controllo degli impianti di riscaldamento – commenta Maurizio Narra, presidente CNA Installazione Impianti Toscana – La Regione ha assicurato che svolgerà tramite A.R.R.R una transizione che prevede la coesistenza dei vari catasti provinciali fino all’avvenuta formazione dei manutentori; l’Assessore Fratoni ha inoltre condiviso la richiesta di CNA di prevedere centri di assistenza tecnica presso le sedi delle associazioni di categoria, la possibilità di sostenere gli interventi di messa in sicurezza degli impianti termici non conformi  là dove siano accertate condizioni economiche di difficoltà del responsabile dell’impianto, la creazione di strumenti finanziari per sostenere il rinnovo del parco degli impianti termici in toscana, la costituzione di un tavolo tecnico per dirimere le problematiche tecnico/normative”.

Di particolare interesse – prosegue il presidente regionale degli installatori CNA – è il profilo che secondo l’assessore Fratoni dovrà assumere l’Agenzia Regionale Recupero Risorse, ossia di strumento operativo delle tematiche energetiche della Regione Toscana, con possibilità di raggiungere gli obiettivi della programmazione in questa materia attraverso politiche attive”.

Nelle prossime settimane saranno perfezionati i dettagli delle attività formative rivolte ai manutentori, tenendo conto delle varie realtà territoriali e delle loro criticità, e al personale delle associazioni di categoria.

CNA Toscana – aggiunge Paolo Pagliarani, portavoce regionale dei termoidraulici CNA – ha da sempre sostenuto con forte convinzione la costituzione del catasto regionale telematico degli impianti termici come una grande occasione di semplificazione delle procedure, della loro unificazione su tutto il  territorio toscano, dell’omogeneizzazione dei costi dei bollini per i cittadini; a regime sarà uno strumento essenziale per definire compiutamente le politiche di contenimento dei consumi energetici con la messa in campo di strumenti per le imprese e i cittadini”.

Conclude Narra: ”Abbiamo molto apprezzato la disponibilità della Regione nel recepire i suggerimenti e le proposte della categoria. Del resto i manutentori svolgono in questa fase un ruolo essenziale e CNA è impegnata a dare il proprio contributo, perché questa fase venga gestita nel miglior modo possibile”.

IN SOSTANZA

Con l’avvio del nuovo “Sistema Informativo sull’Efficienza Energetica della Regione Toscana” (SIERT) verrà attivato il catasto regionale degli impianti termici, accessibile telematicamente via web, ed entrerà in vigore un unico bollino per l’autocertificazione degli impianti valido su tutto il territorio regionale.

In questo modo, la Regione Toscana, grazie al lavoro e alla collaborazione di tutti gli operatori del settore, creerà un solo catasto che faciliterà il sistema di controllo e verifica degli impianti termici, riducendo l’elusione e rendendo tutte le attività connesse più semplici ed efficaci. Il SIERT sarà attivo nelle varie Province non appena sarà eseguito il passaggio della banca dati dal vecchio software in uso alla nuova piattaforma. Da quel momento si aprirà un “periodo finestra” in cui sarà possibile utilizzare sia il vecchio software che il nuovo in modo da poterlo testare ed imparare ad utilizzarlo

Dalle informazioni e garanzie che abbiamo ricevuto , non dovrebbero esserci grosse novità rispetto al programma attualmente utilizzato su Pisa

La Regione Toscana provvederà a realizzare una campagna di comunicazione rivolta ai cittadini su tutto il territorio regionale, per informare correttamente sugli obblighi di manutenzione collegati all’utilizzo degli impianti di climatizzazione (estiva e invernale) e sui vantaggi che da tali attività derivano, in termini ECONOMICI, AMBIENTALI e non ultimi di SICUREZZA. 

La Regione Toscana attraverso le proprie Agenzie Energetiche e con la collaborazione di CNA, ha in programma la realizzazione di una serie di incontri informativi sul nuovo sistema.

Il calendario di tali incontri è ancora in fase di definizione: sarà nostra cura avvisarvi tempestivamente delle date, che saranno stabilite in accordo con l’Agenzia Energetica Provincia di Pisa.

La partecipazione come nostra consuetudine sarà  GRATUITA, in modo da agevolare la più ampia frequenza possibile delle imprese di manutenzione e installazione interessate. 

Per ulteriori informazioni: 

 

Marcello Bertini

bertini@cnapisa.it