• credito - conta su cna


  • rappresentanza - conta su cna

     


  • finart






  • petizione carrozzerie


  • Burocrazia - Conta su CNa



  • no allo split payment
  •  

    internazionalizzazione - conta su cna
Stampa

trasporto persone, CTM vince gara da 4mln di €

on . Postato in Ultime notizie

trasporto persone

primi frutti per l’alleanza CTM - CTT Nord:

vinto appalto da € 4milioni nei prossimi cinque anni per trasporto scuole e sociale. stop ai massimi ribassi.

 

Comincia a dare i primi frutti la collaborazione fra CTM (Consorzio Toscano Mobilità di trasporto persone promosso da CNA) e Ctt Nord. In una inedita alleanza che ha visto anche la partecipazione di 3MT e di B&B service, oltre a CTM e Ctt Nord, la compagine si è assicurata il servizio di trasporto sociale e scolastico del Comune di Livorno, per i prossimi 5 anni, e con importo a base d’asta di 800mila euro all’anno, ovvero per un importo di circa 4milioni di euro, vincendo una gara difficile che ha messo a dura prova la capacità delle imprese locali di farsi valere. La gara è stata vinta anche grazie alla grande qualità dell’offerta con il rinnovo totale del parco mezzi, le garanzie per il servizio e per l’ accompagnamento. Oltre che un sufficiente ribasso.

Un’alleanza nata sotto l’ombrello di una collaborazione territoriale che faccia da diga contro abusivi, lavoro nero ed anche gare al massimo ribasso e possa anche gettare le basi per un trasporto persone (cittadini e turisti) all’altezza dei tempi, che è stata ripagata da questa prima soddisfazione. E che ha segnato un cambio di passo verso gli scenari in rapido mutamento del trasporto persone in Toscana.  

Lo sguardo ora volge verso le prossima fase di affidamento dei servizi di scuolabus e verso le gare del cosiddetto trasporto debole, quello per capirsi che devono servire meglio di adesso le aree a domanda debole e coprire i servizi che non presentano un determinato numero minimo di utenti. “Tutti casi- spiega il Presidente di CTM Riccardo Bolelli in cui solo la flessibilità e la capillare presenza delle nostre ditte nei rispettivi territorio, può assicurare una risposta adeguata in termini di qualità e di costi, nella correttezza e nella trasparenza. Vogliamo anche ringraziare il Comune di Livorno che ha fatto una scelta chiara nella direzione da noi auspicata affinché il sistema di affidamento del servizio di trasporto sociale tramite gara d’appalto sia riservato a chi ha i requisiti per poter effettuare il trasporto di terze persone secondo un sistema trasparente, che escluda a priori forme di affidamento al massimo ribasso o peggio a soggetti non autorizzati a svolgere il trasporto persone, senza autorizzazioni né qualifiche professionali: tutti fattori che porterebbero  inevitabilmente a dequalificare il servizio anche in termini di sicurezza, oltreché a determinare una distorsione della concorrenza”.

“Questa vittoria – commenta ancora Riccardo Bolelli  è un risultato che non era scontato e che ci lascia una grande soddisfazione con la consapevolezza che potremo fare un ottimo lavoro per ripagare il nostro territorio con un servizio all’altezza delle aspettative. Questa alleanza è un segnale che vogliamo dare in tutte le direzioni: verso chi fa concorrenza sleale e verso le stazioni appaltanti. E’ quindi positivo che torni una piena legalità e una correttezza anche formale nella spesa pubblica su queste voci che troppo spesso sinora hanno seguito altre discutibili strade. La concorrenza sleale, infatti - fa notare ancora Bolelli- la fanno imprese che non sono del luogo (ovvero quelle che poi ci devono mettere per forza la faccia e rispondere di ciò che fanno) che hanno solo l’apparenza in regola, e che di fatto per stare nei ribassi ne inventano di tutte, ma anche soggetti locali che, alla prova dei fatti, in regola hanno ben poco, a partire dalla condizioni di lavoro in cui tengono i loro autisti sottopagati e senza applicare le norme che invece le nostre imprese devono e vogliono rispettare. E ci rivolgiamo anche alle amministrazioni pubbliche perché da qui in avanti applichino in modo corretto le nuove norme sugli appalti di servizi e di trasporto senza farsi prendere la mano dalla voglia di risparmi spesso assurdi che poi si concretizzano solo in contenziosi, in lavori e servizi mal eseguiti, in varianti in corso d’opera e quant’altro possa mascherare con l’apparenza, una sostanza fatta di illegalità e che impedisce alle imprese serie di stare sui mercati”.

Stampa

Albo Gestori Ambientali - diritto annuale 2016 - scadenza 30.04.2016

on . Postato in CNA Informa

ll 30 aprile 2016 scade il termine per il versamento del diritto annuo di iscrizione all'Albo Gestori Ambientali. Gia' dal 2014 viene inviato a tutte le imprese un avviso di pagamento tramite PEC all’indirizzo di posta certificata dichiarato dall’impresa al Registro delle Imprese.
NON arriverà il bollettino cartaceo per posta.
Nell'area riservata alle imprese del sito ufficiale dell'Albo Nazionale Gestori Ambientali (www.albogestoririfiuti.it) è disponibile il servizio per il pagamento telematico del diritto annuo.

Stampa

CONTRIBUTI SISTRI CONFERMATA LA SCADENZA del 30 aprile 2016

on . Postato in CNA Informa

Nonostante il nuove servizio di tracciabilità dei rifiuti non sia ancora stato assegnato  e nonostante  numerosi ma purtroppo infruttuosi tentativi anche di CNA nazionale anche quest’anno si avvicina la scadenza per il pagamento del contributo SISTRI per l’anno 2016 .
Tale sistema pur non obbligando più le imprese alla operatività non rinunzia, però, a pretendere i soldi a fronte di un servizio inesistente dopo che già le imprese hanno pagato a vuoto il contributo per l'utilizzo del Sistri negli anni precedenti.
Dicemmo lo scorso anno che si sperava fosse l'ultima gabella e che si potesse aver messo nel 2015 la parola fine a questo insulso sistema che però è stato pervicacemente difeso dal Ministero Ambiente fino alle attuali conferme.
Le sanzioni però sono rimaste e per la loro dimensione omettere di versare il contributo, diventa un rischio troppo forte da correre per le imprese soggette.
I nostri uffici rimangono a disposizione per ogni ulteriore informazioni o approfondimenti.
Ufficio Ambiente Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. E' necessario abilitare JavaScript per vederlo.; Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. E' necessario abilitare JavaScript per vederlo. tel 050 876 366 -

Stampa

. Canone RAI Disponibile il modello con cui si autocertifica di non possedere un apparecchio TV

on . Postato in CNA Informa

 

E’ disponibile il nuovo modello, che ha valenza di dichiarazione sostitutiva, per certificare all’Agenzia delle Entrate di non essere in possesso di un apparecchio televisivo ai fini del pagamento del canone Rai.

E’ quanto si evince dal comunicato stampa emanato dall’Agenzia delle Entrate, nella giornata di ieri 24 marzo 2016, per indicare le modalità operative utili all’invio dello stesso modello.

Accesso utenti registrati