FITA News – Francia: dal 1° Aprile obbligo di esibizione del modello A1 relativo al distacco dei lavoratori

Dal 1° aprile 2017, i lavoratori esteri, dipendenti o meno, che effettuano prestazioni di lavoro in Francia,devono essere in grado di esibire agli organi di controllo il modello A1, rilasciato dall’ente competente dello Stato di provenienza del lavoratore.

Il modello A1 attesta la condizione del lavoratore nel sistema di sicurezza sociale, si dimostra di essere in
regola con i versamenti previdenziali e certifica che il lavoratore i non ha nessun obbligo di pagare i
contributi in un altro Stato.

Nonostante questa norma si riferisca, in generale, alle attività svolte in Francia in regime di distacco, le
istituzioni francesi, anche in base a quanto disposto dalla Legge Macron (distacco temporaneo), sarebbero
orientate a renderla applicabile anche agli autisti provenienti dall’estero ed impegnati ad effettuare
operazioni di cabotaggio o di trasporti internazionali.

L’obbligo di esibizione è stabilito dall’articolo 27 della Legge Francese n.1827/2016 che ha introdotto questa misura nell’ambito di una politica di maggior rigore verso io distacchi.
La norma origina dalla normativa europea di coordinamento dei sistemi di sicurezza sociale:

  • REGOLAMENTO (CE) N. 883/2004 del Parlamento europeo e del Consiglio del 29 aprile 2004 relativo al coordinamento dei sistemi di sicurezza sociale (versione consolidata del 08.01.2013);
  • REGOLAMENTO (CE) N. 987/2009 del Parlamento europeo e del Consiglio del 16 settembre 2009 che stabilisce le modalità di applicazione del regolamento (CE) n. 883/2004 relativo al coordinamento dei sistemi di sicurezza sociale (versione consolidata del 08.01.2013);

La richiamata normativa comunitaria non crea un sistema previdenziale europeo ma coordina le normative dei vari sistemi previdenziali nazionali, in modo da garantire la tutela dei diritti di sicurezza sociale dei lavoratori migranti e l’esercizio del diritto alla libera circolazione dei cittadini europei.

La regolamentazione comunitaria in materia di sicurezza sociale è immediatamente e direttamente applicabile ai Paesi che fanno parte dell’Unione europea.
In estrema sintesi, in caso di distacco di lavoratori in ambito europeo l’azienda distaccante è tenuta a richiedere all’Istituto previdenziale il rilascio del modello A1 sulla sicurezza sociale che certifica la legislazione previdenziale applicata al lavoratore.

I Regolamenti richiamati, non hanno fissato uno specifico regime sanzionatorio sulla materia lasciando,
quindi, i singoli Stati, liberi di prevederlo o meno.

La Francia ha introdotto dall’1 aprile p.v. una sanzione pari a oltre 3 mila euro per ciascun lavoratore in
capo al “donneur d’ordres établi en France” (letteralmente “committente stabilito in Francia”) qualora in
caso di controllo non venga esibito il modello A1 da parte, a seconda dei casi, del lavoratore distaccato,
dell’azienda distaccante o del rappresentante designato dall’azienda sul territorio francese. Tale sanzione
raddoppia nel caso in cui, nei due anni successivi alla prima infrazione, venga reiterata la mancata
esibizione del documento in parola.

Si segnala infine che la predetta sanzione non è applicabile quando al momento del controllo venga
presentato, in sostituzione del modello A1, un documento attestante l’avvenuta richiesta dello stesso
all’Istituto previdenziale competente (l’INPS nel caso di lavoratore italiano) purché, in ogni caso, il
modello sia presentato entri due mesi alle autorità di controllo.

Per ottenere il modello comunitario A1, si può accedere al Link:
http://www.inps.it/portale/default.aspx?imenu=107&&idarea=6&idlingua=1&ipagina=4.

Per maggiori dettagli in merito alle modalità di richiesta e compilazione del più volte richiamato modello A1,si allega il “messaggio” n. 218 del 20.1.2016 diffuso dall’INPS e precedenti note emesse dall’Istituto.
Si evidenzia che le domande di distacco relative ai lavoratori subordinati (opzione 3 del modello INPS),
potranno essere presentate solo dai datori di lavoro o dai soggetti delegati da questi ultimi alla gestione
delle posizioni contributive (rappresentanti legali o consulenti del lavoro).
si inbvitsa a pprendere visione degli Allegati:
1. INPS – Messaggio n.218 del 20.01.2016
2. INPS – Circolare n.99 del 21.7.2010
3. Allegato 1 della Circ. n.99/2010: Mod. A1
4. Allegato 4 della Circ. n.99/2010: nota informativa

Procedure operative per veicoli superiori a 35 quintali – Probabile proroga sino al 19 Aprile 2017 (informativa da nazionale CNA FITA)

La circolare del MIT Prot. RU 4791 del 27 Febbraio 2017, ha introdotto delicate e critiche
innovazioni in tema di procedure operative per l’effettuazione della revisione dei veicoli pesanti.
A tal proposito, tra le principali questioni che suscitano forte preoccupazione nella categoria, vi è quella della modifica del modello per la richiesta della revisione che viene integrato, sul retro, con la dichiarazione di assunzione di responsabilità che dovrà essere obbligatoriamente compilata, quando ricorre il caso, dalle
officine; quest’ultime, a fronte di ciò, potrebbero conseguentemente rivendicare la necessità di un’attività che va oltre la normale manutenzione, una sorta di pre-collaudo.

Come dire, aumento dei costi ed allungamento dei tempi di fermo del veicolo.
Ricordiamo che, allo stato attuale la circolare del MIT Prot. RU 4791 del 27 Febbraio 2017, prevede che siano demandati alle officine private tutti “i controlli visivi con mano d’opera che non possono essere svolti dagli operatori (del MIT) durante l’attività di revisione perché il controllo degli stessi presuppone lo smontaggio di alcune parti del veicolo in contrasto con quanto riportato dalla Direttiva 2010/48/UE o l’utilizzo di attrezzatura specifica non presente in sede di revisione”.
La stessa circolare esplicita poi che i “controlli visivi” che devono effettuare le officine, sono quelli elencati nella colonna “D” dell’allegato 2 (esplicitati nell’allegato 3) alla più volte richiamata circolare del 27.2.1017, tra cui:
  • Stato dello sterzo
  • Assi
  • Fuselli
  • Cuscinetti delle ruote
  • Ecc.

Ai fini della revisione, per queste ed altre particolari parti del mezzo, la circolare prevede un’attestazione, a cura dell’autoriparatore, di corretta manutenzione del veicolo “ed in particolare che sono stati controllati e ritenuti conformi alla norma i punti ricompresi nell’allegato 3 della circolare del 27.2.2017”.

Le associazioni hanno stigmatizzato che sino ad oggi invece, tali verifiche venivano effettuate in fase di revisione direttamente dai tecnici del MIT e, molte PMI, effettuano direttamente la manutenzione ordinaria senza ricorrere agli autoriparatori.

L’allarme della categoria, lanciato anche in occasione della manifestazione effettuata il 18 Marzo c.a., ha
determinato la convocazione con il Dott. Maurizio Vitelli, Direttore Generale per la Motorizzazione presso
Ministero delle Infrastrutture e dei Trasporti.

L’incontro, tenutosi il 30 Marzo 2017, se non altro, è servito a chiarire alcuni aspetti procedurali ed è
terminato con l’impegno del Dott. Vitelli di far slittare l’entrata in vigore delle nuove procedure al 19 Aprile
c.a. (già posticipata al 4.4.2017).
In questo frangente ci saranno ulteriori confronti per cercare di trovare soluzioni condivise che garantiscano la sicurezza e nello stesso tempo non penalizzino ulteriormente le imprese di autotrasporto.
Rispetto alla norma richiamata, il Direttore Generale per la Motorizzazione si è impegnato a rivedere (e
scrivere meglio) in particolare:
1. Esplicitare in maniera chiara e netta che la certificazione che deve rilasciare l’officina non attiene ad
un “PRECOLLAUDO” ma è riferita alla normale attività di MANUTENZIONE PROGRAMMATA; a tal
proposito verrà corretta la certificazione che deve rilasciare l’officina riportando precisamente la
parola “manutenzione programmata”.
2. Che il requisito principale che deve possedere l’officina è quello della MECCATRONICA ( perché
principalmente pertinente alle parti relative alla sicurezza del veicolo) .
3. Se il veicolo e prevalentemente utilizzato all’estero, non deve recarsi presso un’officina italiana per
ottenere la certificazione in parola, è sufficiente una dichiarazione anche di una officina che si trova
all’estero, l’importante è che dichiari che la manutenzione è stata eseguita secondo le prescrizioni
dell’apposita direttiva europea.
4. La certificazione dell’officina avrà una validità, orientativamente, non anteriore a due mesi
precedenti alla data prevista per la revisione.

Il dottor Vitelli si è soffermato molto sul fatto che l’officina non deve effettuare un precollaudo bensì
certificare di aver assolto al controllo di quelle parti che, nel periodo ricadente nella revisione, sono soggette a manutenzione così come previsto dalle sequenze di intervento date dai manuali tecnici del mezzo.

Il problema rimane però la responsabilità che si deve assumere l’officina e che sicuramente non potrà non
avere ripercussioni sui costi e sui tempi che rimangono in capo all’impresa di autotrasporto.
Permangono pertanto tutte le criticità e perplessità del caso.

Il Responsabile Nazionale Mauro Concezzi