FATTURAZIONE ELETTRONICA - deleghe agli intermediari per la gestione dell'intero processo

FATTURAZIONE ELETTRONICA – Deleghe agli intermediari per la gestione dell’intero processo

Da fine agosto in campo procedure massive con gestione accentrata

Come è noto l’Agenzia delle Entrate con il Provvedimento n.117689 del 13 giugno 2018, ha disciplinato le modalità di conferimento delle deleghe agli intermediari per l’utilizzo dei servizi legati alla fatturazione elettronica e specificato le funzionalità e le informazioni che saranno rese disponibili ai delegati in virtù dell’utilizzo dei servizi medesimi, nel rispetto della legge sulla privacy (cfr Notizia 22 giugno 2018).

Rispetto a quanto già indicato nella predetta Notizia 22 giugno 2018 è importante sottolineare che, laddove sia già in corso una delle deleghe previste dal modello unico di delega (ad esempio quella per l’accesso al cassetto fiscale), il nuovo rilascio della delega, effettuata flaggando il campo corrispondente nell’attuale modello UNICO, rinnova il tempo di durata della delega stessa.

Attualmente, l’esercizio delle deleghe indicate nel modello unico  è conferito dal titolare di partita Iva:

  • direttamente attraverso le funzionalità rese disponibili, all’interno della propria area riservata, agli utenti Entratel/Fisconline;
  • presentando l’apposito modulo di delega/revoca presso un qualsiasi Ufficio territoriale dell’Agenzia delle Entrate.”.

La presentazione del modulo cartaceo da parte del contribuente presso qualsiasi sede territoriale dell’Agenzia delle Entrate può essere delegata all’intermediario. In questo caso occorre che il soggetto rilasci al proprio intermediario la procura speciale di cui all’articolo 63 del DPR 600/1973, debitamente sottoscritta dal soggetto delegante con firma autenticata.

E’  bene ricordare che, a seguito delle ultime modifiche apportate al citato articolo 63 (cfr. art. 7-quater, comma 1, D.L. 30 settembre 2005, n. 203 e art. 6-bis, comma 1, D.L. 22 ottobre 2016, n. 193 entrambi convertiti), oltre ai professionisti iscritti in albi professionali e soggetti equipollenti,  sono abilitati ad autenticare le firme contenute nelle procure anche le seguenti figure:

  1. coloro che, in possesso del titolo di studio ed in qualità di ragionieri o periti commerciali, hanno svolto per almeno dieci anni, alle dipendenze di terzi, attività nelle materie tributarie ed amministrativo-contabili;
  2. coloro che sono iscritti nel ruolo o nel registro dei revisori ufficiali dei conti o dei revisori contabili, ed hanno svolto almeno cinque anni di attività;
  3. coloro che hanno conseguito da almeno due anni il diploma di laurea in giurisprudenza o in economia e commercio;
  4. professionisti di cui alla norma UNI 11511 certificati e qualificati ai sensi della legge 14 gennaio 2013, n. 4.

Quando la procura è rilasciata ad un funzionario di un centro di assistenza fiscale o di una società di servizi di cui all’articolo 11 del decreto ministeriale 31 maggio 1999, n. 164, l’autentica della firma deve essere rilasciata dal responsabile dell’assistenza fiscale del predetto centro o dal legale rappresentante della predetta società di servizi.

E’ bene sottolineare che l’autenticazione da parte del rappresentate per l’assistenza fiscale del Caf ovvero del rappresentante legale della società di servizi è indispensabile solamente qualora il funzionario a cui è rilasciata la procura non sia compreso nei soggetti indicati dal terzo periodo del comma 2 dell’articolo 63 del DPR 600/1973, compresi, quindi, quelli indicati nei suddetti punti da 1 a 4. Qualora il funzionario sia in possesso dei menzionati requisiti potrà  autenticare la firma del soggetto che sottoscrive la procura.

Nonostante tali possibilità diverse sedi delle CNA hanno rappresentato serie difficoltà nell’adottare tali procedure, specialmente laddove si chiede il rilascio delle deleghe per moltissimi contribuenti assistiti. Difficoltà operative che, spesso, sono state riscontrate anche dalla rispettiva sede territoriale dell’Agenzia delle Entrate.

Proprio per risolvere tali problematiche, sentita a riguardo  l’Agenzia delle Entrate per le vie brevi, siamo in grado di anticipare che, già dalla fine del mese di agosto, verranno messe in campo delle procedure interamente telematiche che consentiranno agli intermediari di inviare le deleghe sottoscritte dai propri assistiti, anche in forma massiva. Deleghe che verranno gestite da un team ad hoc dell’Agenzia delle Entrate nel più breve tempo possibile e sicuramente adottando criteri uniformi per il rilascio.