AUGURI di Buone Feste da CNA Pisa!

In occasione delle festività natalizie si comunica che gli uffici saranno chiusi al pubblico nei giorni:

21 dicembre dalle ore 13.00
24 e 31 dicembre
Per urgenze si prega di contattare i seguenti recapiti, possibilmente anticipando la richiesta per email:
Settore paghepaghe@cnapisa.it 3492381099
Settore contabilitàmanis@cnapisa.it 3492705445
Patronatopisa@epasa-itaco.it 3487807223

IMU, SISTRI, INAIL – Di Maio accoglie le richieste di CNA

Vaccarino: “Incontro al MiSE rappresenta ricostituzione del tavolo delle piccole imprese”

“L’incontro con il vicepremier Luigi Di Maio al ministero dello Sviluppo economico rappresenta la ricostituzione del tavolo delle piccole imprese”. Il presidente nazionale della CNA, Daniele Vaccarino, è soddisfatto, pur ponendo il problema della composizione del tavolo e chiedendo una più attenta selezione degli interlocutori.

“Abbiamo apprezzato  – ha proseguito – che Di Maio abbia aperto sull’ulteriore deducibilità dell’Imu sugli immobili strumentali fino al 50 per cento e che si sia impegnato a esentare dalle sanzioni la fase di avvio della fattura elettronica. Al tempo stesso ha confermato la soppressione del Sistri e si è impegnato a trovare la copertura per il calo dei premi Inail determinato dallo stesso Istituto”.

L’incontro di oggi al ministero ha rappresentato l’occasione per affrontare gli altri temi della Legge di Bilancio a cominciare dal reddito di cittadinanza, rispetto al quale il vicepremier ha illustrato i paletti che dovrebbero evitare di trasformarlo in un disincentivo al lavoro e in un incentivo al nero.

In tema di infrastrutture Vaccarino ha chiesto, come già sostenuto a Torino, di procedere speditamente nel concludere le opere rimaste in sospeso e, nel contempo, a realizzare le opere minori e di manutenzione del sistema infrastrutturale italiano.

“Come CNA – ha proseguito – abbiamo dato la nostra piena  disponibilità a collaborare anche alla semplificazione, per la quale abbiamo messo a disposizione la nostra esperienza, nonché all’attesa riforma del Codice degli appalti, per favorire la suddivisione in piccoli lotti, contrastando quanto sta avvenendo”. In ultimo, Vaccarino ha chiesto che, con l’entrata in vigore della fattura elettronica, vengano a cessare una serie di provvedimenti collegati, onerosi ma ormai inutili, quali lo split payment, il reverse charge, la ritenuta dell’8 per cento sui bonifici bancari relativamente alla legge che favorisce le ristrutturazioni edilizie e l’efficientamento energetico.

(Fonte: Ufficio Stampa CNA)

PORTALE ENEA – Tutte le novità per le detrazioni fiscali

ENERGIA: tutte le novità per le detrazioni fiscali e l’efficienza energetica

Si è svolto l’11 dicembre il seminario organizzato da CNA in collaborazione con ENEA, in cui sono state illustrate le numerose semplificazioni delle procedure per caricare i dati richiesti sul portale ENEA e che dovrebbero rendere meno gravosa l’operazione di caricamento dati da parte dei beneficiari delle detrazioni fiscali e degli intermediari.

È stato sottolineato, innanzitutto, che le registrazioni precedentemente effettuate (quelle dal 2010 al 2018) al portale per la trasmissione dei dati relativi agli interventi di riqualificazione energetica ai sensi della L. 296/06 (consultabile a qui) sono valide anche per il nuovo portale e senza ulteriori registrazioni da parte degli utenti.

Inoltre è stato chiarito che il caricamento dei dati relativi all’intervento di efficienza energetica effettuato potrà essere eseguito sia dal soggetto beneficiario che da un intermediario (es. impresa che ha eseguito i lavori, commercialista, consulente, società di servizio di una associazione di categoria, etc.). In merito, CNA ha fatto rilevare l’opportunità di prevedere un ruolo ufficiale delle Associazioni di categoria nell’invio delle comunicazioni; si tratterebbe infatti di un ruolo attivo nella trasmissione di dati corretti e pertanto utili alla determinazione dell’effettivo risparmio energetico.

È stato inoltre evidenziato che, per ciascuna tipologia di intervento, non è necessario, almeno in questa prima fase, inserire tutti i dati richiesti dal portale. I dati obbligatori da caricare affinché la pratica possa essere inviata correttamente all’ENEA, sono contrassegnati in giallo e in verde nelle mascherine, come evidenziato nella Guida Rapida e riepilogati dallo schema seguente:

Qualora un dato obbligatorio non venga inserito, il sistema non consentirà di proseguire oltre, evitando in tal modo che una pratica inviata in modo incompleto possa essere successivamente rigettata. Il sistema, al contrario, rimanderà automaticamente alla pagina contenente i dati non corretti o mancanti per l’integrazione. I box evidenziati in verde segnalano la compilazione “accompagnata” dei dati; per ogni tipologia di intervento, infatti, si potrà scorrere un menù a tendina tra cui selezionare le diverse opzioni possibili.

Uno degli argomenti più delicati affrontati nel corso del seminario, riguarda la possibilità che il mancato invio dei dati relativi ai lavori effettuati dal 1.1.2018 al 21.11.2018, o il loro invio oltre il termine dei 90 giorni con scadenza ultima prevista per il 19 febbraio 2019, possa comportare o meno, per l’utente, la perdita del diritto ad usufruire della detrazione fiscale.

L’Agenzia delle Entrate, sentita per le vie brevi, sulla questione non si è ancora pronunciata ufficialmente. Sembrerebbe tuttavia intenzionata a dare indicazioni in merito in occasione dell’emanazione della consueta circolare indirizzata ai CAF con le istruzioni per la compilazione delle dichiarazioni dei redditi, la cui uscita è prevista per fine marzo–inizio aprile 2019, ben oltre quindi il termine del 19 febbraio.

Ed è proprio sull’eccessiva ristrettezza e la evidente non congruità di questi termini che si sono incentrate le richieste della CNA di una proroga dei 90 giorni attualmente previsti, per consentire alle imprese ed agli utenti di inviare i dati richiesti con un maggior lasso temporale a disposizione ed in un clima di  maggiori certezze.

Al riguardo, ENEA ha dichiarato la volontà di verificare con il MiSE e l’Agenzia delle Entrate la possibilità di rivedere i termini previsti.

(Fonte: Ufficio Stampa CNA)

ASSEMBLEA CNA PENSIONATI – Italia impaurita

Italia impaurita, condividiamo la sicurezza rilanciando partecipazione civica

IL Presidente Nazionale di CNA Pensionati, Giovanni Giungi, ha lanciato l’idea di un protocollo di intesa fra CNA Pensionati e ANCI per realizzare sul territorio progetti partecipati per la cura e il ripristino del decoro delle città, rendendole così più sicure

Sentirsi sicuri in un mondo in grande trasformazione sta diventando una sfida titanica. E se anche i numeri dimostrano che furti, reati, rapine sono in forte calo dal 2012 a oggi, la percezione degli italiani,  anziani in primis, è di tutt’altro tenore.

Ma a CNA Pensionati declinare la sicurezza solo in termini di difesa non basta. Così oggi, con l’Assemblea nazionale svoltasi a Roma presso la sede della CNA, l’associazione ha lanciato l’idea di una sicurezza condivisa. Non a caso il titolo dell’assise era “Condividiamo la sicurezza- Riscopriamo la bellezza”. Una sicurezza che va raggiunta con la collaborazione fra forze dell’ordine, comuni, reti del volontariato e dell’associazionismo e che si declina non solo, appunto, per difendere se stessi ma anche e soprattutto avendo cura della propria città, del proprio quartiere con progetti di riqualificazione di parchi, palazzi, strade. Senza dimenticare – ed è questo il grande allarme rilanciato nel corso dell’assise –  di prendere coscienza dello stato di straordinario inquinamento del pianeta che rischia nel giro di pochi decenni, se non si prendono provvedimenti urgenti, di sottoporci a terrorizzanti catastrofi naturali.

A parlare di questi argomenti, insieme al presidente di CNA Pensionati Giovanni Giungi e al segretario Nazionale Beatrice Tragni, sono stati Maria Chiara Cifari dell’ANCI;  il maggiore Michele d’Agosto, Ufficiale addetto al gruppo carabinieri di Roma; Maria Luisa Parmigiani, direttrice Fondazione Unipolis; Matteo Lepore, assessore all’immaginazione civica del comune di Bologna; il segretario generale della CNA Sergio Silvestrini. Ha concluso l’assemblea Luca Mercalli, Giornalista scientifico, Presidente della società metereologica italiana.

L’educazione, il rispetto, il recupero di valori che appaiono dimenticati e colpevolmente considerati obsoleti è stato al centro anche dell’intervento del segretario generale della CNA, Sergio Silvestrini. “Alzarsi all’arrivo dell’insegnante, imparare il senso civico come materia di base, ritrovare il rispetto della regola e del rigore è importante. Occorre tornare a un mondo in cui sia superato il narcisismo e la vanità e si ricominci selezionare la qualità – ha detto – oggi va recuperato un dono straordinario che abbiamo smarrito: l’umiltà.  E’ una modalità con cui ci porgiamo verso l’altro sapendo che è un portatore di una verità, seppure diversa dalla nostra. Ecco riscoprire questo valore è, in fondo, una delle grande sfide che ci aspettano”. “Siamo immersi in un processo di cambiamento molto veloce – ha aggiunto  – e un’altra grandissima sfida del XXI secolo penso sia quella di coniugare la velocità di cambiamento della tecnologia con la profondità del pensiero”. “L’insicurezza, specie sociale – ha concluso –  è una bestia terribile che va domata, una comunità che ha paura non si governa. In questo senso l’iniziativa di CNA Pensionati è la strada giusta da intraprendere nel futuro”.

Sicurezza condivisa, si diceva. Un’idea che il Presidente Giungi ha spiegato nella sua relazione e che CNA Pensionati ha messo nero su bianco con il progetto ‘Nonni per le città’. “Oggi vogliamo lanciare  un protocollo d’intesa tra CNA Pensionati e Anci che incentivi e promuova la realizzazione del progetto Nonni per le città in tutto il territorio nazionale, un progetto che è anche un modello di impegno sociale che punta su pratiche quotidiane, creative, sperimentali e condivise in grado di dare risposta a bisogni comuni che contraddistinguono la vivibilità di strade, piazze e parchi – ha detto Giungi – è prima di tutto il degrado, che attanaglia molti luoghi delle nostre città, il vero nemico da abbattere. C’è una quotidianità di gesti, piccoli lavori, riparazioni, manutenzioni, creazioni, tutti legati alla trasmissibilità del nostro saper fare, che possono diventare un vero e proprio antidoto alle paure e alla sensazione di insicurezza”. “Ma il progetto che abbiamo lanciato prova ad andare al di là di ciò che abbiamo sottolineato sino ad ora – ha aggiunto – Ci proponiamo, infatti, un obiettivo ambizioso. Quello di essere piccoli ambasciatori di un tratto distintivo dell’anima del nostro Paese e dei suoi cittadini: la bellezza. Conservare e ripristinare i nostri luoghi della bellezza è un atto di cultura ed educazione civica per il bene comune del nostro Paese”.

L’idea della sicurezza partecipata lanciata da CNA Pensionati piace anche all’Arma dei carabinieri. “Avere la collaborazione di gruppi sociali sul territorio è un aiuto prezioso – ha detto il Maggiore D’Agosto – io credo che un nostro valore fondativo, la disciplina, vada recuperata anche nella gestione dei nostri spazi comuni”.

L’esperienza dei progetti che coinvolgono la cittadinanza è qualcosa che il comune di Bologna ha già sperimentato. Non a caso l’assessore all’Immaginazione civica Lepore si è detto pronto a collaborare, più e meglio, con CNA Pensionati per il progetto Nonni per le città.

Ha concluso l’Assemblea Luca Mercalli che ha lanciato un vero e proprio allarme sul riscaldamento globale e l’inquinamento, snocciolando numeri terrificanti: “Il riscaldamento globale è già pari a 1 grado. Un po’ come aver la febbre a 38. Ora ci stiamo avviando a raggiungere i 2 gradi e se non iniziamo una cura immediata ci avviamo a raggiungere i 5 a fine secolo. La terra è un grande malato e da quando usiamo carbone, gas e petrolio abbiamo superato il livello di sostenibilità. Dobbiamo porvi rimedio subito altrimenti nel giro di qualche decennio i nostri mari aumenteranno di oltre 1 metro, la pianura padana si trasformerà d’estate in un territorio come il Pakistan e, alla fine del secolo, la specie umana ha grandi probabilità di estinguersi”.   “Si parla tanto di sicurezza legata alla criminalità – ha concluso –  e di allarme migrazioni. Tutti piccoli mostri se paragonati al gigantesco mostro dell’inquinamento di cui non si ha assolutamente percezione e di cui nessuno praticamente parla”.

(Fonte:Ufficio Stampa CNA)

GOVERNO – CNA al Viminale

Vaccarino: “Manovra orientata a investimenti e rilancio infrastrutture”

Si è svolto oggi al Viminale l’incontro tra le principali sigle di rappresentanza delle imprese, tra cui CNA e il ministro del’Interno, Matteo Salvini, e il sottosegretario Giancarlo Giorgetti. Per la confederazione erano presenti il presidente nazionale e il segretario generale, Daniele Vaccarino e Sergio Silvestrini.

“L’incontro di oggi è stato utile – ha dichiarato Vaccarino al termine dell’incontro-. Sul tema delle infrastrutture c’è una disponibilità da parte del ministro a non bloccarle, TAV compresa. Su questo c’è la volontà del vicepremier Salvini a lavorare. Abbiamo ribadito il nostro favore per l’aumento della deducibilità dell’IMU quest’anno, ma invitato anche a continuare su questa strada perché si arrivi alla totale deducibilità.

Bene anche l’abolizione del SISTRI, ma abbiamo ricordato che deve esserci una legge sulla tracciabilità dei rifiuti fatta nel modo più semplice possibile perché le imprese possano utilizzarla. Sulla riduzione dei premi INAIL, per i quali è necessario un intervento del Governo, abbiamo avuto rassicurazioni sulla possibilità che sia trovata una soluzione già nella Legge di Bilancio.

Complessivamente abbiamo riscontrato un’attenzione particolare a tutte le tematiche che in rappresentanza delle imprese abbiamo portato al tavolo. Soprattutto abbiamo ribadito la necessità di una manovra che sia orientata sempre di più agli investimenti e al rilancio delle infrastrutture in generale. Che abbia attenzione alle opere di manutenzione, che sono quelle più vicine e con maggiori ricadute sul sistema delle piccole imprese.

È stata sollecitata la questione della modifica della legge sugli appalti per semplificare le procedure e permettere alle piccole imprese una reale partecipazione” ha concluso.

(Fonte: Ufficio Stampa CNA)

SERVIZIO CIVILE – Graduatorie finali – Bando 2018

Pubblichiamo le graduatorie finali delle selezioni dei Progetti di Servizio Civile Bando 2017 (fatte salve le verifiche da parte del Dipartimento della Gioventù e del Servizio Civile):

Progetto ACCOGLIENZA E INTEGRAZIONE >

Progetto GENERAZIONI AMICHE >

Progetto GENERAZIONI IN CAMMINO >

Progetto MATERA SENSIBILE >

Progetto OVER >

Per altre informazioni CLICCA QUI

Prezzario dei Lavori Pubblici della Toscana – Anno 2019

La Regione Toscana con la delibera di Giunta Regionale n. 1287 in data 27 novembre 2018 ha  approvato, di concerto con il Provveditorato Interregionale Opere Pubbliche per le Regioni Toscana, Marche e Umbria, il “Prezzario dei Lavori Pubblici della Toscana – Anno 2019”.

Entra in vigore il  primo gennaio 2019: i suoi prezzi hanno validità fino al 31 dicembre 2019 e possono essere transitoriamente utilizzati fino al 30 giugno 2020 per i progetti a base di gara la cui approvazione sia intervenuta entro tale data.

Di seguito trovate vi rimando ai link per consultare, stampare ed esportare il Prezzario dei Lavori Pubblici della Toscana:

http://prezzariollpp.regione.toscana.it/

http://dati.toscana.it/dataset/prezzario-lavori-pubblici

ACCESSO AL CREDITO AGEVOLATO – Aggiornamento Nuova Sabatini

NUOVA SABATINI

A causa dell’esaurimento delle risorse finanziarie disponibili, a partire dal 04/12/2018 è stata disposta la chiusura dello sportello. Pertanto, a partire da tale data,  le domande presentate dalle imprese sono considerate irricevibili.
Tuttavia, per coloro che sono intenzionati a fare investimenti, sono stati aperti a partire dal 20/09/2018 i seguenti bandi:

  • FONDO ROTATIVO PER PRESTITI Sub Azione A.1 «Aiuti per investimenti produttivi per progetti strategici»
    prestito a tasso zero, non supportato da garanzie personali e patrimoniali, dal 50% ad un max di 70% per investimenti ammessi non inferiori a € 40.000,00 e non superiori a € 200.000,00
  • FONDO DI MICROCREDITO Sub Azione A.2 «Aiuti agli investimenti in forma di microcredito»
    prestito a tasso zero, non supportato da garanzie personali e patrimoniali, dal 55% ad un max di 70% per investimenti ammessi non inferiori a € 10.000,00 e non superiori a € 40.000,00

Sono ammissibili a finanziamento le seguenti spese:
Attivi materiali nuovi: impianti, macchinari e attrezzature, nonché opere murarie e assimilate solo se funzionalmente correlate agli investimenti materiali e nel limite del 20% del costo totale del progetto di investimento ammissibile.
Attivi immateriali: attivi (diversi da attivi materiali o finanziari), quali diritti di brevetto, licenze, knowhow o altre forme di proprietà intellettuale.

Sono ammesse le spese sostenute a partire dal giorno successivo a quello di presentazione della domanda.

MARCHI+3

Riaperto il Bando Marchi +3 a partire dall’11/12/2018 grazie alle nuove risorse stanziate dal Ministero dello Sviluppo Economico. Ricordiamo che il presente bando copre le spese già sostenute per Marchi già registrati alla data di apertura del Bando.

Le domande possono essere presentate a partire dalle ore 9 dell’11 dicembre 2018. Da tale data vengono, infatti, riaperti i termini per l’attribuzione del numero di protocollo alle imprese, che potranno compilare il form online sul sito www.marchipiu3.it, attivo fino ad esaurimento delle risorse disponibili.

Per ulteriori informazioni: 

marlene _sotomayor_cna _pisa

Marlene Sotomayor Gonzalez
Area Sviluppo Economico CNA di Pisa
Tel. 050 876594
Mail: sotomayor@cnapisa.it

 

GIORNATA DELL’IMPIANTISTA – Martedì 18 dicembre

Un giornata di approfondimento e aggiornamento che ti sarà utile per svolgere al meglio il tuo lavoro!

Giornata dell’Impiantista – 1° Edizione

Questo anno, per la prima volta, è stata organizzato un seminario che coniuga gli interessi del settore elettrico con quello termoidraulico, affrontando in tempo reale le novità normative che riguardano i singoli mestieri.

Abbiamo deciso di chiamarla “Giornata dell’impiantista” perché si tratta un giorno dedicato a noi, alle nostre problematiche e al nostro metodo per affrontarle con il lavoro e la professionalità.

A conclusione dell’incontro, ci sarà un piccolo buffet e la consegna dell’Agenda 2019 che ha l’ambizione di interpretare in maniera più esplicita il senso di appartenenza alla nostra associazione.

Quando?
Martedì 18/12/2018 – ore 16:45

Dove?
Presso la Sala Bonsignori – CNA di Pisa (Via G.Carducci, 39, Loc. La Fontina, S. Giuliano Terme)

La partecipazione è gratuita ma è richiesta la registrazione QUI: https://goo.gl/forms/PFuhqR3Mt0EhjXA93

PROGRAMMA

ore 16:45| Registrazione Partecipanti

ore 17:00| Saluti del Presidente Installazione e Impianti CNA Pisa, Marco Ammannati, e del Presidente di CNA Pisa, Matteo Giusti

ore 17:15| Intervento Ing. Alessandro Scheveger 

Nuovo portale ENEA per le detrazioni fiscali per l’efficienza energetica

Biomasse sì o no? Vincoli in Toscana

Gruppi di sicurezza per accumuli: sono obbligatori?

Le manutenzioni degli impianti sono obbligatorie?  

ore 18:00 | Intervento Ing. Stefano Cheli – Società DIA Srl 

Industria 4.0 e tecnologia Iot, applicazioni pratiche in ambito civile

ore 18:30 | Discussione e scambio opinioni con i membri della Presidenza

ore 18:45 | Conclusione della giornata dell’impiantista: buffet e consegna delle Agende 2019

La partecipazione è gratuita ma è richiesta la registrazione QUI: https://goo.gl/forms/PFuhqR3Mt0EhjXA93

ABOLITO SISTRI – Forte apprezzamento della CNA

Per migliaia di imprese si tratta della liberazione da un incubo.

CNA esprime un forte apprezzamento per la decisione del Governo di abolire il Sistri a partire dal 1° gennaio 2019.

Il Sistri non ha mai funzionato, ma ha sicuramente impedito che si mettesse a punto nel nostro Paese un sistema efficace e semplice di tracciabilità dei rifiuti pericolosi, come in moltissime occasioni, e in tutte le sedi istituzionali, la CNA ha chiesto in questi anni.

L’abolizione del Sistri è prevista dal “Decreto semplificazione” di prossima approvazione da parte del Consiglio dei Ministri.

A questo punto sarà finalmente possibile, con la collaborazione delle associazioni delle imprese, costruire un nuovo strumento per tracciare i rifiuti pericolosi basato su una struttura semplice e ad alta efficienza. Dovrà essere in pratica, il contrario del Sistri, un sistema che si è dimostrato sempre molto complicato e inefficiente.

(Fonte: Ufficio Stampa CNA)