SCUOLABUS – Chiarito equivoco, accesso libero alla città

Bolelli, Cna ringrazia l’Assessore Pesciatini e Pisamo “occorre però riflessione sul tema dei ticket per i bus”

Accesso libero per gli Scuolabus anche al centro cittadino di Pisa.

Il presidente di Cna Bus Riccardo Bolelli, aveva sollevato nel corso di un incontro in agosto con l’Assessore alle Attività Produttive ed al Turismo Paolo Pesciatini, il problema di una interpretazione del Regolamento Comunale in materia di accessibilità con bus all’area urbana di Pisa, che riguardava anche gli Scuolabus. Adesso grazie ad un chiarimento ottenuto dalla Pisamo che gestisce gli accessi ed i relativi ticket è stato chiarito una volta per tutte che tutti gli scuolabus possono accedere liberamente alla città.

“Gli scuolabus di qualsiasi Comune, riconoscibili da logo, possono quindi transitare nella ZTL per bus turistici, senza obbligo di adempiere ad alcuna formalità – Si legge nella comunicazione di PIsamo ricevuta dalla CNA –

Sono rilasciate autorizzazioni a titolo gratuito alle aziende che effettuano servizio per le scuole (fino alla scuola media) con sede nel Comune di Pisa, a condizione che la richiesta sia inoltrata direttamente dall’istituto scolastico.

È consentito inoltre l’accesso al centro cittadino ai bus che trasportino comitive scolastiche composte da alunni delle scuole materne, elementari e medie, di qualsiasi provenienza; in questi casi la Pisamo rilascia contrassegno autorizzativo da ritirare al check point in via Pietrasantina, a condizione che la richiesta sia inoltrata direttamente dall’istituto scolastico. Ad esse è riservata una tariffa scontata del 50% e le modalità per richiederla sono identiche alla precedente”.

“Da parte nostra ci sentiamo di ringraziare pubblicamente sia l’assessore Paolo Pesciatini che la Pisamo nelle persone del direttore Alessandro Fiorindi e della responsabile front-office Antonella Pilloni i quali si sono prontamente attivati per chiarire questa norma che in passato aveva dato luogo applicazioni difformi. Ed è evidente che permettere a tutti gli scuolabus, a prescindere dalla modalità di immatricolazione, alla città, facilità molto la fruibilità del centro storico e dei luoghi oggetto di visita didattica non solo per l’esenzione dal ticket, ma anche per la migliore accessibilità, molto utile in casi di bambini o ragazzi fino alle medie”.

“Da parte nostra infine – conclude Bolelli – cogliamo anche l’occasione per una riflessione sul tema “Ticket”, peraltro di portata più ampia della singola città perché a Pisa, come in altri casi, Lucca e Firenze soprattutto, – fa notare Bolelli – sia la stazione ferroviaria che l’aeroporto non sono direttamente raggiungibili con i bus turistici e rappresenta una inaccettabile discriminazione verso tutto il settore dei bus già vessato dai ticket, a cui è impedito l’accesso alle aree urbane, vittima di divieti di accesso perfino alle più importanti infrastrutture dedicate alla mobilità e tutto questo nonostante sia incessante la spinta normativa verso macchine sempre più costose e meno inquinanti”.

(Fonte: Ufficio Stampa CNA Pisa)

FITA CNA PISA – Chiama e Vai, presentato nuovo servizio

Un servizio innovativo per Pontedera, che collega il parcheggio scambiatore del cimitero

Il comune di Pontedera ha reintrodotto i servizi di  collegamento con il parcheggio scambiatore del cimitero e aggiudicato un nuovo servizio innovativo di trasporto da nome CHIAMA E VAI.

Si tratta di un servizio di trasporto rivolto alle persone con più di 65 anni e a cittadini con indice ISEE minore di 10mila euro.

Locandina servizio Chiama e vAi - CNA PisaÈ un servizio a prenotazione con numero dedicato (vedi foto): numero 331 5433373

Grazie ai buoni rapporti di collaborazione fra CNA PISA e CTT Nord il servizio è eseguito in sub-affidamento da CTM.

Presenti alla conferenza stampa di lancio del servizio, il Presidente di CNA Pisa, Matteo Giusti, il Presidente di CTT Nord, Andrea Zavanella, il Sindaco di Pontedera, Simone Millozzi, e Riccardo Bolelli, portavoce CNA Bus.

Il nuovo servizio va nella direzione auspicata da CNA Pisa e per cui la categoria del trasporto persone ha lottato: cioè trovare nuove sinergie fra imprese locali e concessionari del servizio di trasporto pubblico locale svolgendo oltre ai servizi di linea anche servizi più flessibili e anche meno costosi nei vari casi di domanda debole.

Ti interessa? CLICCA QUI PER AVERE TUTTE LE INFORMAZIONI PER UTILIZZARE IL SERVIZIO

(Fonte: Ufficio Stampa CNA Pisa)

CNA PISA – Incontro con assessore Paolo Pesciatini

Bolelli “Estendere lotta abusivismi anche al trasporto persone, più spazi di sosta e no ai ticket per scuolabus”

Lotta agli abusivi, “occorre estendere azioni di controllo e repressione anche al trasporto persone” questo il messaggio lanciato dal Presidente Bus Ncc di Pisa nonché portavoce regionale e nazionale per i bus Riccardo Bolelli che ha incontrato l’assessore alle attività produttive ed al turismo del Comune di Pisa Paolo Pesciatini il quale si è dichiarato molto sensibile sul tema.

Le zone di maggiore densità di presenza di abusivi sono nell’area di Pisa: Aeroporto Galilei, Stazione e Duomo.

In seguito alle positive, recenti, esperienze già avviate di controlli e attività antiabusivi per il trasporto persone (che quindi impatta negativamente sia sulle imprese di noleggio con conducente che taxi) condotte con successo dalla Polizia Municipale del Comune di Pisa, CNA ha richiesto “un supplemento di attenzione e di azione repressiva degli abusivi sempre più presenti in questo settore”.

Specie in questo periodo estivo di dense presenze turistiche, gli operatori regolari del trasporto persone, peraltro soggetti a una serie di norme stringenti e non semplici da seguire, si trovano a dover fronteggiare una concorrenza sleale da parte di soggetti che operando in modo del tutto irregolare e fuori delle regole, sottraggono risorse ed occasioni di lavoro alle imprese regolari e alimentano un mercato nero in cui dominano evasione fiscale e contributiva, mancanza di sicurezza e di rispetto delle norme.

L’incontro ha anche toccato altri nodi come la viabilità, le zone di carico scarico e di sosta destinate agli ncc ed ai cosiddetti trenini.

“Una viabilità più scorrevole e con una piena agibilità delle corsie preferenziali per mezzi pubblici – ha osservato Bolelli – rende migliore, più rapido e più efficiente il servizio di trasporto pubblico non di linea (taxi ed ncc) e si potrebbero adottare alcuni interventi per migliorare la situazione.  Anche per la zona intorno al Duomo è necessario prevedere idonee aree di sosta per permettere l’attesa dei clienti e lo stesso per l’area aereoportuale vista l’attuale insufficienza degli stalli previsti per Ncc e quelle già presenti, peraltro, sia per Ncc che per i taxi, inoltre andrebbero monitorate in modo più continuo perché spesso utilizzate in modo improprio.

Altro tema su cui Pesciatini si è dichiarato pronto ad approfondire è quello dei ticket cui sono sottoposti anche gli scuolabus per le uscite didattiche che non possono accedere al centro città, ad esempio agli spazi museali sui Lungarni, spesso oggetto di viste da parte delle scuole. Questo nemmeno in caso di bambini delle scuole elementari e materne, nonché per portatori di handicap, per i quali gli spostamenti sono altrimenti molto difficoltosi, da qui la richiesta di una deroga. Il fronte “Ticket” è peraltro di portata più ampia della singola città perché “a Pisa come altri casi, Lucca e Firenze soprattutto, – fa notare Bolelli – sia la stazione ferroviaria che l’aeroporto non sono direttamente raggiungibili con i bus turistici e rappresenta una inaccettabile discriminazione verso tutto il settore dei bus già vessato dai ticket, a cui è impedito l’accesso alle aree urbane, vittima di divieti di accesso perfino alle più importanti infrastrutture dedicate alla mobilità e tutto questo nonostante sia incessante la spinta normativa verso macchine sempre più costose e meno inquinanti”.

(Fonte: Ufficio Stampa CNA Pisa)

Cna Fita Toscana sul tragico incidente di Bologna

Dopo il tragico incidente di Bologna interviene Cna Fita Toscana, associazione che in Toscana rappresenta le piccole e medie imprese dell’autotrasporto.

Il primo pensiero è certamente rivolto ai familiari della vittima e ai feriti di questo terribile incidente – commenta Giuseppe Brasini, Presidente Cna Fita Toscana – dalle immagini che abbiamo visto le conseguenze potevano essere ben peggiori”.

“Quando accadono certi eventi – osserva il Presidente Cna Fita Toscana – l’impatto mediatico ha sempre connotazioni rilevanti; il rischio è di sentire anche dichiarazioni fuori luogo esternate in modo inopportuno dall’impeto del momento”.

Il trasporto, come qualsiasi altra attività,  ha un fattore di rischio statisticamente associato ad una serie di eventi, purtroppo anche drammatici come questi; il rischio zero non esiste e peraltro la percentuale di incidenti che vedono coinvolti i mezzi pesanti sul totale è al disotto del 10%, segno che  il comparto ha degli standard sono adeguati.

Dice il Presidente Brasini: “Certo dobbiamo costantemente lavorare tutti insieme per ridurre quella percentuale e migliorare gli standard di sicurezza; nel caso specifico l’incidente di  Bologna ha coinvolto un mezzo che trasportava merce pericolosa dove il fattore di rischio inevitabilmente sale e le conseguenze possono disegnare scene apocalittiche come quelle di pochi giorni fa. Alcune dichiarazioni di questi giorni sono però inaccettabili: “mine vaganti” “tir con licenza di uccidere” ecc..; come sempre si è puntato il dito su un’intera categoria dipingendola come causa principale di un sistema, quello dei trasporti, inadeguato e insicuro. L’attenzione anche mediatica che si riserva quando è coinvolto un mezzo pesante alcuni giornalisti dovrebbero riservarla anche quando vengono coinvolte le autovetture, causa sempre più spesso di intralci alla normale circolazione dei veicoli e fonte di comportamenti inadeguati”.

Aggiunge il Presidente Cna Fita Toscana “La litania sulla modalità del trasporto in Italia dove l’80% delle merci si muove su gomma, è indubbiamente il primo argomento sul quale ci sentiamo di portare un semplice dato: ci ricordiamo ancora tutti, purtroppo, le 32 vittime dell’incidente ferroviario a Viareggio, anche in quel caso si trattava del trasporto di merci pericolose”.

È del tutto evidente che il problema non è solo se la merce viaggia su strada o su ferro, ma gli standard di sicurezza con i quali viene eseguito il trasporto, che vanno ad aggiungersi a tutta un’altra serie di aspetti, non ultimo il cosiddetto fattore umano. Sembra abbastanza chiaro dalle immagini che  il “comportamento del conducente”, malore, colpo di sonno o distrazione, sia stato la causa del tamponamento a Bologna e sul fattore umano non c’è norma che tenga.

Conclude  Brasini “La tecnologia e l’innovazione dei mezzi possono essere le soluzione in grado di ridurre il rischio, penso ad esempio alla presenza a bordo del mezzo del dispositivo  di frenata automatica a lettura radar. Non sarebbe male che il Governo incentivasse le imprese all’acquisto di questi sistemi”.

(Fonte: Ufficio Stampa CNA Toscana)

Emergenza vuotatura fosse biologiche – Occorrono centri di stoccaggio

Occorrono immediatamente centri di stoccaggio temporaneo o definitivo. È questa l’unica soluzione per questa gravissima emergenza rifiuti

È necessario che la Regione Toscana con il coinvolgimento dei Prefetti individui immediatamente siti dove effettuare lo  stoccaggio temporaneo o definitivo dei  cosiddetti ‘fanghi da depurazione’. Lo afferma CNA Toscana che ieri pomeriggio ha tenuto una riunione con le imprese di autospurgo, alla quale hanno partecipato numerose imprese del settore nonostante sia stata convocata con solo un giorno di preavviso (in allegato una foto).

“CNA Toscana incontrerà l’assessore regionale all’ambiente, Federica Fratoni, e invierà in giornata una lettera ai Prefetti per sottolineare la gravità del problema e l’urgenza di affrontarlo” dichiara Giuseppe Brasini, presidente CNA FITA Toscana.

Anche le imprese di autospurgo non possono effettuare il proprio lavoro di vuotatura fosse biologiche e pulitura pozzi neri: la recente sentenza del TAR della Lombardia ha bloccato di fatto tale attività in questa regione dove veniva inviata la maggiore quantità dei  cosidetti ‘fanghi da depurazione’ prodotti in Toscana (tali fanghi devono essere per legge smaltiti in centri specializzati o bruciati negli inceneritori).

Dal momento che le imprese che effettuano questo lavoro sono obbligate a smaltire entro 48 ore altrimenti incorrono nel penale e gli impianti privati esistenti in Toscana stanno chiudendo tutti per ferie e/o manutenzione, gli autospurghi non sono in grado di effettuare il servizio.

Dal 6 agosto infatti centri privati non accetteranno più conferimenti e di conseguenza da lunedì l’attività delle imprese di autospurgo sarà bloccata con gravi conseguenze economiche per tali imprese, oltre ai disagi per la cittadinanza (privati cittadini, ospedali, musei, alberghi, ecc. ecc.).

Il problema riguarda anche società pubbliche: Publiacqua ha comunicato alle imprese di autospurgo la chiusura immediata dei propri impianti, in conseguenza sempre della sentenza del TAR della Lombardia, poiché ha difficoltà nello smaltire i fanghi disidratati prodotti dall’impianto stesso.

Aggiunge Michele Santoni, portavoce settore trasporto merci CNA Toscana: “Sulle soluzioni di medio/lungo periodo è auspicabile che il governo proceda alla revisione del decreto legislativo 99/92 relativo allo spandimento dei fanghi in agricoltura; nell’immediato occorrono soluzioni tampone con l’individuazione di centri di stoccaggio temporaneo. E’ necessario però che la Regione garantisca alle imprese la certezza della destinazione dove conferire e anche dove effettuare il trattamento: occorre un piano preciso per non ritrovarsi nuovamente all’emergenza, magari per un’altra tipologia di rifiuto. E’ impensabile infatti che, come sta già accadendo, siano contattati paesi come Bulgaria e Polonia per lo smaltimento di tali fanghi, con conseguenze economiche pesanti per cittadini e imprese”.

CNA Toscana invita le imprese di autospurgo a contattare gli uffici dell’Associazione per la necessaria assistenza.

AUTOTRASPORTO – Rinvio del fermo dei servizi a settembre

Il 26 Luglio 2018 UNATRAS ha incontrato il Ministro Toninelli ed ha differito il fermo all’ultima settimana di Settembre 2018

Ecco, di seguito  il resoconto del responsabile nazionale FITA CNA Mauro Concezzi circa l’esito della trattativa con il governo che ha determinato il rinvio del fermo dei servizi annunciato per il 6-9 agosto e per adesso rinviato all’ultima settimana di settembre.

“Vi informiamo dell’esito dell’incontro che si è svolto il 26 Luglio 2018, in merito all’agognato confronto con i vertici del Ministero delle Infrastrutture e dei Trasporti (MIT) per affrontare le tematiche relative alle rivendicazioni che hanno portato UNATRAS (Unione Nazionale Associazioni Trasporto Merci, organismo unitario di coordinamento fra le associazioni di categoria dell’autotrasporto di merci per conto di terzi a cui aderiscono: ASSOTIR, CNA – FITA, CONFARTIGIANATO TRASPORTI, FAI, FIAP, SNA CASARTIGIANI, UNITAI), alla proclamazione del fermo dei servizi di autotrasporto dal 6 al 9 Agosto c.a.

All’incontro ha partecipato il Ministro Toninelli, lasciando poi la prosecuzione della riunione al Sottosegretario Edoardo Rixi.

Hanno preso parte all’incontro anche il Vice Capo di Gabinetto, D.ssa Maria Teresa Di Matteo e il responsabile della Direzione generale per il trasporto stradale e per l’intermodalita, Dr. Antonio Parente.

Il Ministro ha introdotto i lavori scusandosi per l’intempestività della convocazione ma ha spiegato che ciò è dipeso dalle tantissime questioni a cui è stato chiamato in questi primi mesi di insediamento.

Tra le tematiche più urgenti da affrontare ci sono sicuramente quelle sollevate dall’autotrasporto e per questo, ha spiegato il Ministro, per questo è stato fatto il possibile per promuovere l’incontro con le associazioni datoriali di questo settore.

Toninelli ha quindi chiesto ad UNATRAS di entrare nel merito delle criticità rivendicate in occasione della proclamazione del fermo.

I rappresentanti dell’organismo unitario di coordinamento dell’autotrasporto, hanno ricordato che le aspettative più stringenti sono legate alla questione di una migliore definizione degli importi delle deduzioni forfetarie per le quali la richiesta è quella della riconferma dei 51 euro riconosciuti lo scorso anno (il comunicato del MEF del 16.7.2018 prevede 38 euro); altrettante principali ed impellenti criticità riguardano: la certezza delle risorse strutturali (48 milioni di euro in meno nel 2019 e 2020; a partire dal 1° Gennaio 2019 taglio del 15% sul fondo destinato al recupero delle accise: 254.655.000 euro in meno) – il contingentamento della circolazione dei veicoli pesanti imposto dall’Austria – il ripristino della piena funzionalità del sistema delle revisioni dei mezzi pesanti presso le Motorizzazioni – la ripubblicazione dei “costi minimi di sicurezza” ed il rispetto dei tempi di pagamento – l’estensione del rinvio della fatturazione elettronica anche agli acquisti di carburante effettuati extrarete. 2

Il Ministro Toninelli, sul tema delle deduzioni forfetarie, ha informato che sta dialogando con il Ministero dell’Economia e delle Finanze (MEF) per cercare di ottenere un incremento dei 38 euro ufficializzati dallo stesso MEF con il comunicato n°112 del 16 Luglio 2018.

Toninelli ha esplicitato di essere perfettamente consapevole che mantenere l’importo attualmente indicato dal MEF, significherebbe non solo disattendere le aspettative delle imprese ma anche e soprattutto, determinare un aumento delle tasse che lui vuole assolutamente scongiurare o comunque ridurre al minimo.

Il Ministro ha inoltre spiegato che con l’attuale stanziamento dedicato a questa voce, 67,6 milioni di euro, il proporzionale importo da riconoscere avrebbe dovuto essere inferiore a 35 euro.

Secondo il MEF infatti, da alcuni anni, a seguito dell’introduzione nel modello della dichiarazione dei redditi di alcuni righi e codici dedicati, è possibile individuare esattamente lo stanziamento complessivo necessario che, per l’anno 2017, a fronte dei 51 euro riconosciuti per i trasporti effettuati personalmente dall’imprenditore (ai sensi dell’art. 66, comma 5, primo periodo, del TUIR), è stato di 100 milioni di euro (anche se la cifra ufficialmente stanziata è stata pari a 70 milioni di euro): la riparametrazione di questa cifra ai 67,6 milioni di euro disponibili per il 2018 da un valore per impresa pari a € 34,476 / viaggio fuori comune.

L’indicazione di 38 euro, rappresenta pertanto un primo piccolo risultato dello scontro-confronto con il MEF: Toninelli si è impegnato a proseguire il confronto con il MEF per cercare di ottenere ancora di più e far emettere, in tempi utili, un nuovo comunicato che vada oltre la sopra richiamata cifra sottolineando, nello stesso tempo, che non ci sono certezze in tal senso e di non aspettarsi incrementi eccezionali.

Prime risposte concrete che, stando a quanto affermato dal Ministro, dovrebbero arrivare con il riconoscimento di maggiori deduzioni da ufficializzare con un nuovo comunicato MEF da emettere prima del 20 Agosto 2018, termine ultimo per effettuare il pagamento delle tasse con la sola maggiorazione dello 0,40%.

Il Ministro delle Infrastrutture e dei Trasporti si è quindi impegnato ad istituire ed avviare, entro Settembre, un tavolo di confronto palesando così, la volontà di affrontare quanto prima le pesanti difficoltà che affliggono le imprese di autotrasporto e lavorare per un processo di ristrutturazione del settore nel comune interesse di stabilire regole certe e garantire la competitività delle imprese italiane.

Il Ministro a fronte di questi impegni ha chiesto di concedergli il tempo minimo necessario per avere riscontri dal MEF e per avviare il tavolo permanente di confronto e pertanto, di revocare il fermo nazionale dei servizi di autotrasporto.

I membri di UNATRAS, hanno ritenuto il confronto utile per l’avvio di una interlocuzione ma senza risposte concrete per le rivendicazioni avanzate dalla categoria.

Nonostante ciò, UNATRAS ha apprezzato l’apertura e l’impegno manifestato, anche dal Sottosegretario Rixi, per questo motivo ha ritenuto, all’unanimità, di attendere l’esito di quanto dichiarato dal Ministro senza revocare il fermo programmato dal 6 al 9 agosto ma di differirlo all’ultima settimana di Settembre.

(FONTE:Circolare CNA Fita n. 15/2018)

FITA CNA – Proclamato il fermo del trasporto dal 6 al 9 agosto

È blocco tir: senza circolare Agenzia mancati risparmi fino a 12.700 euro

Dall’ultima protesta sono passati più di dieci anni, ma la misura è colma e i padroncini hanno deciso di replicare. Patrizio Ricci, presidente CNA Trasporti al Corriere della Sera spiega i motivi del blocco dei tir in programma per il 6,7,8 e 9 agosto: senza la circolare dell’Agenzia delle Entrate che dovrebbe rendere operative le deduzioni, fermi i 68 milioni previsti dal precedente Governo. Un risparmio mancato per ogni impresa tra i 3mila e i 12.700 euro l’anno. La beffa dei ritardi nella presentazione delle denunce dei redditi, che gli autotrasportatori non hanno potuto presentare nei termini previsti (30 giugno). “La scadenza della denuncia dei redditi non può essere rimandata” dichiara Ricci.

Per informazioni:

Maurizio Bandecchi – CNA Pisa

Maurizio Bandecchi 

bandecchi@cnapisa.it
348 7807224

CNA Fita – Deduzioni Forfetarie

Il mondo dell’artigianato sollecita per la terza volta la diffusione del comunicato dell’Agenzia delle Entrate

Il 2 Luglio 2018, CNA Fita, le associazioni di riferimento dell’artigianato ed il mondo della cooperazione, si sono attivate nuovamente per sollecitare il Ministro Toninelli per la diffusione del comunicato dell’Agenzia delle Entrate che rende noti gli importi ed effettivamente fruibile la deduzione forfetaria per spese non documentate in base ai viaggi effettuati personalmente dagli esercenti autotrasporto c/terzi di minori dimensioni (Art. 66, comma 5, TUIR).

Per cercare di ovviare al fatto, poi concretizzatosi, di arrivare, anche quest’anno, alla dichiarazione dei redditi senza ancora conoscere l’importo esatto della misura e con tutte le criticità che ne conseguono, il 24 Maggio 2018 era stata inviata la prima lettera di sensibilizzazione al Vice Capo di Gabinetto Dottoressa Maria Teresa di Matteo e quindi , il 7 Giugno c.a., come UNATRAS, era stato sollecitato il Ministro Toninelli appena insediato.

L’impegno preso dal precedente Governo è quello di riconoscere alle imprese di autotrasporto aventi titolo, l’importo di euro 51,00 per i viaggi effettuati fuori dall’ambito comunale e di euro 17,85 per quelli effettuati in ambito comunale.

Le imprese di autotrasporto artigiane rappresentano il 68,86% del totale delle imprese iscritte alla CCIAA e sono quelle che maggiormente hanno subito gli effetti della congiuntura.

Per ovviare a tutte le difficoltà correlate alla predisposizione delle dichiarazioni dei rettiti e salvaguardarle le imprese da ulteriori e pesanti criticità, è stato nuovamente chiesto al Ministro delle Infrastrutture e dei Trasporti Danilo Toninelli di intervenire, anche nei confronti del MEF, per sollecitare la diffusione della circolare con cui vengono individuati gli importi come già stabiliti ed attesi dalla categoria.

Ci riserviamo di inviare tempestiva comunicazione non appena avremo un cenno di riscontro.

RIMBORSO ACCISE SUI CARBURANTI – Solo se viene indicata la targa

Con Nota 7 giugno 2018, n. 64837, l’Agenzia delle Dogane e Monopoli ha stabilito che ai fini del riconoscimento del credito d’accisa, gli esercenti attività di trasporto devono richiedere il rilascio della fattura elettronica al gestore di carburante con indicazione della targa del veicolo rifornito di gasolio.

L’informazione sui dati del veicolo risponde ad esigenze di verifica della spettanza del beneficio fiscale (appartenenza alla categoria ammessa al beneficio ai sensi dell’art. 24-ter, TUA) e di riconducibilità dell’agevolazione all’effettivo avente diritto che ne ha la disponibilità esclusiva.

Per informazioni: 

Francesco Manis
Ufficio Consulenza Fiscale

050876429
manis@cnapisa.it

Bus, aeroporto Galilei e Pisamover – CNA “Obiettivo: semplificare i trasferimenti”

Incontro CNA con il Sindaco Filippeschi

Il portavoce dei Bus CNA (sia a livello locale che nazionale), Riccardo Bolelli, ha incontrato in questi giorni il Sindaco di Pisa Marco Filippeschi, per poter direttamente rappresentare il disagio degli operatori del trasporto persone in questi primi giorni di applicazione dell’ordinanza che ha vietato l’accesso ai bus nell’area del terminal aeroportuale, per dirottarli verso il parcheggio scambiatore Aurelia collegato al Pisamover.

“Dando per assodato che c’è una determinata volontà dell’Amministrazione Comunale di mantenere il terminal bus nel parcheggio scambiatore – ha annotato Riccardo Bolelli a margine dell’incontro –, abbiamo da un lato fatto presente che si dovrebbe poter differenziare la posizione ed il ruolo dei bus turistici che non hanno flussi regolari e che hanno solo l’esigenza di fare le operazioni di carico scarico dei passeggeri nel modo più semplice e veloce possibile, da quella delle linee autorizzate e del trasporto pubblico locale che hanno altre esigenze operative. In ogni caso noi siamo impegnati fin d’ora a minimizzare l’impatto per i passeggeri dei bus che dovranno fruire del sistema parcheggio – navetta del Pisamover – sia in termini di tempi, che di facilità di accesso, che di costi. È necessario minimizzare le “rotture di carico” e le modalità di transfer dei flussi di passeggeri. E su questo registriamo con favore l’interessamento in questa direzione del Comune di Pisa, confermato dalla disponibilità anticipata dai vertici del Pisamover”.

“L’obiettivo di tutti – ha concluso Bolelli – dovrebbe essere di ottimizzare il servizio di accesso al terminal aeroportuale in tutti i suoi aspetti e per tutte le situazioni, lasciando da parte singoli egoismi e piuttosto collaborare tutti, Istituzioni infrastrutture e imprese nella direzione di migliorare la capacità di accoglienza della nostra Regione, nell’ottica della migliore gestione possibile della risorsa turistica, linfa decisiva dell’economia toscana”.

(FONTE: Ufficio Stampa CNA Pisa)