CNA RESTAURATORI – Esito bando di qualifica

  • Al Consiglio Nazionale CNA Restauratori
  • Alla Presidenza Nazionale dell’Unione
  • Ai Responsabili Territoriali e Regionali dell’Unione

In questi giorni si sono rincorse le voci più disparate circa la situazione dei restauratori che hanno partecipato al Bando di qualifica. Per dare un quadro chiaro della situazione abbiamo inviato una richiesta di precisazione al Segretario Generale del MIBAC, a cui è seguita una risposta che rimettiamo in allegato, per opportuna conoscenza.

Resta inteso per la CNA l’obiettivo di incontrare il Ministro Bonisoli che più volte ha speso parole di elogio verso i restauratori, che abbiamo apprezzato, perché confermano che alla tutela del patrimonio artistico fra i più prestigiosi al mondo, hanno contribuito e contribuiscono anche coloro che da oltre 20 anni, chiedono il riconoscimento dei propri requisiti professionali.

Allegato: esito-bando-qualifica-restauratori-cna

SETTORE ARTIGIANO – 2017 molto positivo

Il 2017 per l’artigianato toscano è stato un anno molto positivo con un fatturato in crescita del 2,2% e occupazione aumentata dell’1,3%

Lo dice il IV Rapporto economico sul settore artigiano, promosso dall’EBRET, l’ente bilaterale dell’artigianato toscano.

Per il 2018 previsioni di crescita al 3,8%. Il comparto è ripartito ma non mancano le zone d’ombra: restano in affanno le aziende meno strutturate, la nati-mortalità delle imprese è ancora negativa (-1,1%), la crescita occupazionale è legata soprattutto alle figure flessibili. Sale finalmente anche la spesa per gli investimenti, ma i livelli pre-crisi sono ancora lontani

Il 2017 è stato l’anno della svolta per l’artigianato toscano, tornato finalmente a crescere, anche se in ritardo rispetto ad altri segmenti imprenditoriali della nostra regione. L’incremento registratosi nel fatturato delle imprese artigiane nel 2017 è stato pari al 2,2%, dato questo che, sulla base delle aspettative formulate dagli imprenditori, è destinato a crescere ancora nel 2018, quando è atteso un +3,8%.

Lo rivela il quarto Rapporto economico sul settore artigiano, promosso dall’Ente Bilaterale dell’Artigianato Toscano (EBRET) e presentato giovedì 28 giugno a Firenze.

Il comparto artigiano della Toscana, forte di oltre 100mila imprese e 250mila occupati, veniva da una lunga serie di performance negative, ultime delle quali erano state le diminuzioni di fatturato del 2015 (-2%) e del 2016 (-0,4%). Il ritorno alla crescita non riguarda peraltro tutti i settori: alcune eccezioni riguardano in particolare meccanica/impiantistica (-0,9%) ed autotrasporto (-5,6%).

Ad aumentare è anche il numero dei dipendenti (+1,3%), ma grazie soprattutto alla crescita del part-time (+6,8%) ed alle tipologie “flessibili”; le figure contrattuali a tempo determinato crescono inoltre in misura maggiore rispetto a quelle a tempo indeterminato.

Segnali interessanti arrivano anche in tema di capacità produttiva. Fra il 2016 ed il 2017 cresce dal 9,9% al 15,8% la quota di imprese che segnala livelli di attività elevati, mentre la quota di imprese che ha aumentato la propria spesa per investimenti è passata dal 19,1% del 2016 al 28,3% del 2017. Quest’indicazione è confermata anche dai dati di Artigiancredito Toscano, che nel 2017 ha visto aumentare del 15,8% le operazioni ammesse a garanzia con scadenza oltre il breve periodo. L’importo delle operazioni a medio/lungo termine garantite da Artigiancredito nel 2017 resta peraltro al di sotto della metà dei livelli raggiunti nel 2009, segno evidente che la crisi degli ultimi anni ha portato ad un drastico ridimensionamento del potenziale produttivo.

A cogliere la ripresa sono però solo le imprese più strutturate. Valori positivi nell’andamento del fatturato hanno riguardato unicamente le classi dimensionali al di sopra dei 500mila euro di fatturato annuo, mentre chi è rimasto al di sotto dei 100mila euro ha fatto registrare un significativo -7,7%. La ripresa c’è, dunque, ma è tutt’altro che generalizzata, e la quota di imprese con fatturato in aumento (24,3%) resta inferiore rispetto a quella delle imprese con fatturato in diminuzione (28,7%).

Nell’artigianato toscano restano inoltre di segno negativo i processi di nati-mortalità imprenditoriale: nel 2017 le imprese registrate presso le Camere di Commercio sono diminuite dell’1,1%, principalmente nell’edilizia e nel settore manifatturiero. E, nonostante i segnali di recupero, i processi di selezione imprenditoriale sono destinati a proseguire anche nel 2018.

Il Giardino degli Antichi Sapori – Oggi la presentazione ufficiale in Camera di Commercio

25, 26 e 27 maggio – Giardino Scotto, Pisa
Viaggio nella cultura pisana attraverso arte, storia e tradizioni culinarie

Non solo cibo, bensì cultura, sensazioni, sentimenti, storie ed esperienze. E nella rassegna “Il Giardino degli Antichi Sapori” organizzata dalla CNA di Pisa dal 25 al 27 maggio, nella splendida e rinnovata cornice del Giardino Scotto in pieno centro storico a Pisa, ci saranno tutti questi ingredienti. In occasione del Giugno Pisano, un intero mese durante il quale, come ogni anno, attraverso rievocazioni storiche e di costume e le iniziative culturali, gli spettacoli, i concerti e le manifestazioni ad esse correlate, si perpetuano festeggiando le tradizioni della città di Pisa. “Il giardino degli antichi sapori” ha l’obiettivo di far conoscere la città fin dalle sue più antiche origini, ripercorrendo le principali epoche storiche che l’hanno caratterizzata, soffermandosi principalmente sull’epoca medievale, quando Pisa ha vissuto una fiorente espansione, fino a diventare un centro strategico per l’Italia e il Mediterraneo. Luogo deputato ad accogliere l’evento sarà il Giardino Scotto, interessato negli anni passati da diversi interventi archeologici. Durante le tre giornate previste per lo svolgimento dell’evento si terranno delle conferenze gratuite sull’argomento che permetteranno ai visitatori di apprendere i risultati di queste campagne di scavo.

«Il giardino degli antichi sapori” sarà un percorso anche nei gusti e nei sapori del passato attraverso degustazioni delle pietanze che si consumavano in epoca medievale, preparate con prodotti a km zero e con l’impegno delle aziende agroalimentari di portare avanti metodologie di coltivazione orientate alla sostenibilità ed eco compatibilità, all’insegna del mangiar sano e genuino. Le aziende agroalimentari del territorio, riunite nel Consorzio Toscana Sapori si faranno portavoce dell’immenso patrimonio enogastronomico pisano, presentando i prodotti tipici della zona che verranno elaborati e trasformati dai cuochi dell’Associazione Cuochi in pietanze e ricette della più antica tradizione della cucina toscana, in un excursus storico che ripercorrerà la tradizione culinaria dall’antichità ad oggi. E non a caso l’evento si può fregiare del patrocinio di “Vetrina Toscana” il progetto di Regione e Unioncamere Toscana che promuove ristoranti e botteghe che utilizzano prodotti tipici del territorio, oltre che del brand “Terre di Pisa” lanciato da Cciaa Pisa.

Inoltre l’evento si fregerà della presenza della chef Cristina Pistolesi che terrà dei laboratori sulla cucina medievale, con ricette rivisitate e tramandate ai giorni nostri e come special guest anche lo chef stellato Luciano Zazzeri de La Pineta di Marina di Bibbona, si cimenterà in uno show cooking proprio nel giorno di apertura della rassegna venerdì 25 maggio a partire dalle ore 17. Unitamente alle antiche arti e i mestieri legati all’agricoltura, al mondo rurale e all’artigianato, per comprendere la loro evoluzione nel tempo, a testimonianza di una tradizione radicata sul territorio e della esigenza di divulgazione del sapere popolare, caratteristica di ogni aggregazione sociale.

«Questa iniziativa nasce nell’ottica di valorizzare la città ed il territorio di Pisa – ha fatto notare Matteo Giusti presidente di CNA Pisa – puntando ad esaltare e a far conoscere i siti meno rinomati al grande pubblico e suggerendo una nuova proposta di turismo che coinvolga il territorio attraverso le sue diverse espressioni partendo dalla storia, tradizioni, cultura ed espressioni artistiche, usufruendo delle bellezze naturali, fino al suo patrimonio agro-alimentare che promuove le tradizioni eno-gastronomiche basate sul rispetto del territorio e dei suoi prodotti. “Il giardino degli antichi sapori” vuole offrire una visione della città non più riduttiva e limitata, dal punto di vista culturale e artistico, alla fama, da sempre goduta e riservata unicamente alla torre di Pisa e a Piazza dei Miracoli. La città è depositaria anche di un immenso patrimonio storico e culturale, sconosciuto ai più, ma non per questo meno pregevole o poco meritevole di attenzione. La sede prescelta è il Giardino Scotto, luogo di indubbio fascino e bellezza, ad oggi non inserito tra i principali e consueti percorsi turistici, che è stato interessato negli anni passati da importanti campagne di scavo archeologico, onde portare a conoscenza di tutti i tesori che si nascondono sotto la superficie della città, affinché gli abitanti del territorio possano recuperare le proprie radici e apprendere le fonti dei propri usi e tradizioni da trasmettere alle future generazioni». «Nel Giardino dei Sapori – ha ribadito Valter Tamburini presidente della Camera di Commercio di Pisa – ciò avverrà anche attraverso la valorizzazione del patrimonio eno-gastronomico locale, la relazione tra i nostri consumi e la filiera produttiva agricola ed agroalimentare con riferimento al tessuto produttivo locale e alla stagionalità. E inoltre attraverso la valorizzazione e tutela del patrimonio culturale e produttivo rappresentato dall’artigianato artistico. In piena sintonia con il marchio Terre di Pisa che abbiamo lanciato come Cciaa». Sono previsti alcuni seminari con dimostrazioni di acconciature e trucco, in un excursus storico dall’età medievale ai giorni nostri. Ovviamente in un quadro di rievocazione e valorizzazione delle tradizioni di Pisa non potrà mancare la musica nei tre giorni di manifestazione, durante i quali si racconterà e si potrà ascoltare come è cambiata la musica ed il gusto musicale negli anni. Per consentire una più larga partecipazione delle famiglie, sono previsti momenti dedicati ai bambini come vere e proprie ludoteche, ma anche laboratori didattici per permettere ai più piccoli di imparare e conoscere, divertendosi, la storia di Pisa.

Programma
Venerdì 25 maggio
Ore 16 – Inaugurazione
Ore 16-20 – Mostra mercato enogastronomica/artistico-tradizionale
Ore 16-19 – Laboratori con i bambini
Ore 17-18 – Cooking show con lo chef stellato Luciano Zazzeri

Sabato 26 maggio
Ore 10-20 – Mostra mercato enogastronomica/artistico-tradizionale
Ore 10-13 – Laboratori con i bambini
Ore 11-13 – Paolo Ciolli, chef scrittore, presentazione libro ‘Pisa da gustare’ e show cooking
Ore 16-19 – Laboratori con i bambini
Ore 16.30-18 – Laboratori di cucina con Cristina Pistolesi. Cuciniamo insieme: lezione di cucina dove gli spettatori saranno i veri protagonisti dello show cooking, elaborando insieme alla chef Cristina Pistolesi una ricetta medievale
Ore 18-19 – Battaglia Mazzascudo
Ore 19 – Aperitivo in Musica con l’associazione cuochi pisani accompagnato dalle voci del Ensemble Pisa Early Music

Domenica 27 maggio
Ore 10-20 – Mostra mercato enogastronomica/artistico-tradizionale
Ore 10-13 – Laboratori per bambini
Ore 11-13 – Cooking show Paolo Ciolli, presentazione libro ‘Pisa da gustare’
Ore 16-19 – Laboratori per bambini
Ore 16 -17 – Show cooking con la chef Elisa Masoni con“Canederli alla toscana”
Ore 17-18 – Balestrieri
Ore 19 – Aperitivo in musica con l’associazione cuochi pisani accompagnato dalle voci del Ensemble Pisa Early Music

Attività – Rievocazioni storiche. L’epoca medievale sarà rappresentata anche attraverso una serie di manifestazioni di rievocazione storica: guardie all’entrata del Giardino che accolgono i visitatori; benedizione delle bandiere; guerra con le spade; battaglia con il Mazzascudo; scuole di sbandieratori e tamburini.

Laboratori per i bambini (Associazione Culturale CoolTouralMente)
Viaggio attraverso le spezie: fascia d’età: 5-12 anni. Laboratorio finalizzato, attraverso un’esperienza multisensoriale, alla conoscenza delle erbe aromatiche e delle spezie in medicina, cosmesi ed in cucina. I partecipanti potranno dipingere utilizzando le spezie precedentemente conosciute riuscendo così ad apprezzare il loro colore, il profumo intenso e la loro consistenza.
I piccoli arcieri. fascia d’età: 5-12 anni. L’arco è una delle armi più semplici e antiche che l’uomo abbia costruito e utilizzato e nell’immaginario collettivo sono gli arcieri medievali ad essere sicuramente collegati alle grandiose battaglie. Fortunatamente i tempi sono cambiati ma l’arco e le frecce rimangono un gioco affascinante e facile da costruire! Basta una canna di bambù e dello spago e tutti possiamo difendere Pisa dagli attacchi dei nemici! Al termine una bella gara di tiro con l’arco! I bambini potranno portare a casa i loro lavori.
Costruiamo il castello, fascia d’età: 5-10 anni. A cosa serviva il giardino Scotto? Cosa sono questi torrioni che lo circondano? Scopriamo come erano costruite le fortezze nel medioevo, a cosa servivano e costruiamo un modellino 3d di un castello, con merli, ponti levatoi, torrioni di guardia. I bambini, al termine del lavoro, potranno portare a casa i loro lavori.
Pisa e i suoi simboli, fascia d’età: 5-12 anni. Lo stemma di Pisa, nei primi anni del XIII secolo, conteneva l’immagine di un’aquila nera col volo abbassato, in campo d’oro, oggi simbolo della Provincia, sostituita poi dalla famosa “Croce”. Scopriamo insieme quale era l’origine di questi simboli e a cosa servivano gli stemmi come questo nel Medioevo. Tramite alcuni pannelli verranno illustrate le origini di questo stemma che campeggia tutt’oggi in ogni angolo della città. I partecipanti potranno, dopo la spiegazione, realizzare piccoli calchi in gesso della croce pisana e dell’aquila da poter usare come pendagli.

Programma laboratori
Venerdì 25 maggio 16-19 – Costruiamo il castello. I piccolo arcieri
Sabato 26 maggio 10-13 – Viaggio attraverso le spezie. Costruiamo il castello
Sabato 26 maggio 16-19 – I piccolo arcieri. Pisa e i suoi simboli
Domenica 27 maggio 10-13 – Pisa e i suoi simboli
Domenica 27 maggio 16-19 – Viaggio attraverso le spezie. Costruiamo il castello
Ciascun laboratorio ha la durata di 1 ora e 30 minuti. I laboratori sono adatti a bambini tra i 5 e i 12 anni. Il costo è di 5 euro a laboratorio, per chi ne prenotasse più di uno sono previsti alcuni pacchetti: 2 laboratori 9€; 3 laboratori 13€ e 4 laboratori 17€.

Partners dell’evento “ll giardino degli antichi sapori” promosso da CNA Pisa – “Terre di Pisa” Camera di Commercio di Pisa, “Vetrina Toscana” Regione e Unioncamere Toscana, Consorzio Toscana Sapori, Letizia Lenzi Presidente Compagnia Balestrieri; Massimo Catastini di Ordo Civitas Pisarum (Mazzascudo), Ivana Cerato e Marta Borghese Stairway To Event, Associazione Culturale CoolTouralMente; Cristina Pistolesi di Art in Cooking; David Belsito Presidente Associazione Cuochi Pisani, Giorgio Dracopulos, critico enogastronomico. Hanno assicurato la loro presenza alla manifestazione in vari momenti: Luciano Zazzeri (chef e titolare del ristorante stellato La Pineta di Marina di Bibbona), Paolo Ciolli, (scrittore e chef livornese), Elisa Masoni, chef presso ristorante “La Quercia di Castelletti” di Signa (FI), ben 16 produttori locali di cibi e vini, Bonanni, Destri, Corvaia e Benvenuti (artigiani)

Espositori – Pachineat srl pomodori pachino conserve, Pani e Tulipani (formaggi azienda agricola Pedrazzi e salumi ‘Lo scalco’), Liquori Malloggi, Sirenetta (gelato), Fattoria Uccelliera, Vapori di Birra, Stile di Vino, Azienda agricola L’Avvenire formaggi bio, Valle di Pinino (miele), Biscottificio la Scala (prodotti da forno), L’Oro della Toscana Roberto Primiceri (olio), Profumo di pane (pane e grani antichi), Arcenni Tuscany (chiocciole), Fattoria Sommiano (vino), Birrificio di Buti, Antico Pastificio Morelli (pasta secca)

GIARDINO DEGLI ANTICHI SAPORI – Viaggio nella cultura pisana attraverso arte, storia e tradizioni culinarie

Un viaggio nel passato tra degustazioni di piatti tradizionali, spettacoli, rievocazioni, antichi mestieri, approfondimenti, giochi e laboratori dedicati ai bambini.

A Pisa al Giardino Scotto da venerdì 25 maggio a domenica 27 maggio.
Un evento dedicato a tutti coloro che amano Pisa e il suo territorio, la sua storia, le sue tradizioni. 

PROGRAMMA DETTAGLIATO

Venerdì 25 maggio 2018

16.00 Inaugurazione

16.00-20.00 mostra mercato enogastronomica/artistico-tradizionale

16.00-19.00 laboratori con i bambini

17.00-18.00 cooking show con lo chef stellato L. Zazzeri

Sabato 26 maggio 2018

10.00-20.00 mostra mercato enogastronomica/artistico-tradizionale

10.00-13.00 laboratori con i bambini

11.00-13.00 Paolo Ciolli – chef scrittore – presentazione libro PISA DA GUSTARE e show cooking

16.00-19.00 laboratori con i bambini

16.30-18.00 laboratori di cucina con Cristina Pistolesi

CUCINIAMO INSIEME: LEZIONE DI CUCINA DOVE GLI SPETTATORI SARANNO I VERI PROTAGONISTI DELLO SHOW COOKING , ELABORANDO INSIEME ALLA CHEF CRISTINA PISTOLESI UNA BELLISSIMA RICETTA MEDIEVALE

18.00-19.00 Battaglia Mazzascudo

19.00 Aperitivo in Musica con l’Associazione cuochi pisani accompagnato dalle voci del Ensemble Pisa Early Music

Domenica 27 maggio 2018

10.00-20.00 mostra mercato enogastronomica/artistico-tradizionale

10.00-13.00 laboratori per bambini

11.00-13.00 cooking show Paolo Ciolli – presentazione libro PISA DA GUSTARE

16.00-19.00 laboratori per bambini

16.00 -17.00 Show cooking con la chef Elisa Masoni con il piatto “Canederli alla Toscana”

17.00-18.00 Balestrieri

19.00 Aperitivo in Musica con l’Associazione cuochi pisani accompagnato dalle voci del Ensemble Pisa Early Music

Per ulteriori informazioni: perondi@cnapisa.it

“Artour, il Bello in Piazza” a Porto di Marina di Pisa: fino a domenica sera artigianato artistico e enogastronomia

Partenza con il sole e subito tanto pubblico per gli stands degli artigiani del gusto e dell’artigianato artistico lungo le banchine del Porto di Pisa con ARTour, aperti per tutta la domenica fino alle 19.

All’inaugurazione si sono presentati il vicesindaco del Comune di Pisa Paolo Ghezzi e il Presidente della Camera di Commercio di Pisa Valter Tamburini con anche la Direttrice della Camera di Commercio Cristina Martelli insieme ai vertici di Cna Pisa: il Presidente Matteo Giusti e il Direttore Rolando Pampaloni.

Grande successo di pubblico fin dalla mattina per gli espositori selezionati fra prodotti della tradizione enogastronomica in questa occasione abbinati con gioielli, pitture e borse artistiche, ricami biancheria e vestiti per l’infanzia, ferro battuto e ceramiche,  e le inimitabili creazioni in alabastro, tutti rigorosamente made in Pisa (e dintorni) grazie alla mostra mercato itinerante ARTour di Gusto portata in riva al mare dalla CNA di Pisa e a fare da cornice alle suggestive imbarcazioni ospitate dal Porto.

ArTour è un evento organizzato e coordinato da CNA Pisa insieme al Consorzio Toscana Sapori-Italian Food & Wine in collaborazione con Artex Artigianato Artistico, Comune di Pisa, Camera di Commercio con il marchio Terre di Pisa e con la partecipazione del Porto di Pisa.

Una location prestigiosa quella del Porto di Pisa per questa rassegna che mette insieme l’arte del gusto con l’arte della materia, le tradizioni culinarie con la tradizione dell’artigianato artistico. Sarà una due giorni dedicata al gusto e alla creatività sarà animata dalle performance di maestri cuochi e pasticceri con dimostrazioni, show cooking e food art.

Fino alle 19 di domenica 22 aprile sarà possibile curiosare assaggiare, ed anche acquistare tanti prodotti originali delle nostre terre.

Ecco gli espositori del cibo:

L’Avvenire Azienda Agricola Biologica, formaggi; Liquorificio MALLOGGI, liquori distillati; Pani & Tulipani che esporrà i salumi de Lo Scalco di San Miniato ed i Formaggi dell’Azienda Agricola PEDRAZZI; Stile di Vino, vino; Azienda Agricola  Biologica San Luigi I TARTUFI DI TEO, tartufo; PASTA BERTOLI  Azienda Agricola La Ghiraia, pasta secca e olio; Arcenni Tuscany società agricola, lumache; L’oro della Toscana, olio; Birrificio di Buti, birra; Olio Real, olio; Fattoria Uccelliera, vino; Morelli Antica Grapperia Toscana liquori, distillati; La Gora Azienda Agricola, legumi e altro; Armando in Portoazzurro        , confetture; Dolce Pendente, pasticceria; e con la collaborazione dell’Associazione Cuochi Pisani .

 E come artigianato Artistico sono presenti:

Cerella Patrizia, pittrice artigiana; Soc. coop. ARTIERI ALABASTRO, alabastro; Soffio di Ferro di Luca Bonanni , ferro battuto; Ceccarelli Annalisa, gioielli

Rosso Ramina, Lucca, ceramica; Emanuela Bulgarelli, abbigliamento corredini per neonati; Cose Vane di Bertagna Vanessa, gioielli.

Artour di Gusto – Sapori e Saperi a Marina

Vieni a trovarci sabato 21 e domenica 22 aprile, Porto di Marina di Pisa, dalle ore 10,00 alle ore 19,00

Un evento organizzato e coordinato da CNA Pisa insieme al Consorzio Toscana Sapori – Italian Food & Wine in collaborazione con Artex Artigianato ArtisticoComune di PisaPorto di Pisa e sotto il brand di Terre di Pisa, Camera di Commercio,
Di cosa si tratta?
Una rassegna di artigianato artistico e cibo di eccellenza sarà protagonista indiscussa al Porto di Pisa, in una cornice di bellezza unica dove l’Arno si ricongiunge al mare.

Una location prestigiosa che vede ospitare per la prima volta ARTour il bello in Piazza, mostra mercato itinerante dell’artigianato artistico, 2 giorni dedicati all’Artigianato di qualità e allo shopping e un’occasione per chi è in cerca di oggetti espressione del saper fare e dei mestieri del territorio.

Accompagneranno i maestri artigiani altrettante eccellenze nel campo dell’enogastronomia, del nostro territorio che presenteranno con degustazioni i loro prodotti tipicamente toscani.

Nelle due giornate, a partire dalle ore 10.00, sarà possibile visitare, acquistare e dialogare direttamente con i maestri artigiani e con i produttori che saranno lieti di far degustare le loro prelibatezze.

Performance e molto altro
Non mancheranno le prestazioni di abili maestri di cucina, con rappresentazioni artistiche elaborate con scalpello per creare sculture di margarina da pasticceria.

Show cooking
Previsti sia il sabato che la domenica, degli show cooking dove i maestri di cucina elaboreranno, trasformando i prodotti presenti in piatti unici ed appetitosi.

Seguici anche su Facebook CLICCANDO QUI

TURISMO LENTO – Progetto “Cammini e percorsi” secondo bando dell’Agenzia del Demanio

La Scadenza è fissata al 16 aprile 2018 per il secondo bando del Progetto Cammini e Percorsi inseriti in bandi di concessione di valorizzazione aperti a tutti coloro i quali proporranno un valido progetto di investimento e riqualificazione e un canone d’affitto. Si tratta di un progetto innovativo a rete promosso dall’Agenzia del Demanio, dal Ministero dei Beni e delle Attività Culturali e del Turismo e dal Ministero delle Infrastrutture e dei Trasporti, in collaborazione con gli altri Enti che partecipano all’iniziativa con immobili di proprietà – Anas S.p.A., Comuni, Province, Regioni – e di concerto con le Amministrazioni competenti. Con il progetto Cammini e Percorsi inquadrato nell’ambito del Piano Strategico del Turismo 2017 – 2022 e a supporto del Sistema Nazionale delle Ciclovie Turistiche e del Piano Straordinario della Mobilità Turistica – vengono avviate azioni congiunte volte al recupero e al potenziamento dell’offerta turistica, ricettiva, culturale e alla messa a rete di immobili di interesse storico e paesaggistico presenti sul territorio riconducibili sia al patrimonio minore sia al patrimonio culturale legate al tema del turismo lento, per la scoperta di territori attraverso una mobilità dolce lungo itinerari di livello interregionale e/o regionale.

Per maggiori informazioni: 
http://www.agenziademanio.it/opencms/it/progetti/camminipercorsi/bandoconcessionevalorizzazionecammini/

(Fonte: Ufficio Stampa CNA)

ITALIAN CRAFTS B2B ABBIGLIAMENTO – 2 giornate di incontri d’affari tra operatori statunitensi e cinesi e imprese artigiane selezionate

FIRENZE – FORTEZZA DA BASSO, QUARTIERE MONUMENTALE – PRIMO PIANO – 26 E 27 APRILE 2018

La presente per comunicare che Firenze Fiera e Artex – Centro per l’Artigianato Artistico e Tradizionale della Toscana, con il supporto della Regione Toscana, organizzano l’evento ITALIAN CRAFTS b2b, con l’obiettivo di offrire alle imprese del settore artigianato un’iniziativa B2B di promozione sui mercati esteri.

Due giorni di incontri business con operatori di mercato provenienti dagli Stati Uniti e Cina attraverso i quali le imprese potranno consolidare o avviare la propria presenza su tali mercati. ITALIAN CRAFTS B2B si svolgerà il 26 e 27 Aprile presso la Fortezza da Basso di Firenze al I° Piano dei Quartieri Monumentali.

IL PROGETTO È APERTO A TUTTE LE AZIENDE ARTIGIANE, NON SOLO AGLI ESPOSITORI DELLA MOSTRA DELL’ARTIGIANATO.

Il progetto è rivolto a tutti i settori dell’artigianato, in particolare per quanto riguarda il settore abbigliamento, siamo in contatto con un azienda localizzata in Florida che funge da ufficio buyer per molti retailer di grande dimensioni di Stati Uniti, Messico e Florida.

MODALITA’ DI PARTECIPAZIONE PER LE AZIENDE:

– Compilazione ed invio per email dei due Form da richiedere :

“domanda di adesione” + “company profile” (in inglese)

– Invio di numero 10 immagini di prodotti rappresentativi e/o cataloghi aziendali e indicazioni

di prezzi/fasce (massimo 1 mega a foto).

Il materiale sarà sottoposto al buyer il quale sceglierà, sulla base del proprio business, le aziende da

incontrare. Sulla base di tali indicazioni sarà finalizzato il programma degli incontri.

COSTI DI PARTECIPAZIONE PER LE AZIENDE:

Fee di ingresso per la partecipazione – 50,00 euro + iva. Costo b2b – 120,00 euro + iva.

La Fee di ingresso sarà gratuita per le AZIENDE ESPOSITRICI DELLA MOSTRA

INTERNAZIONALE DELL’ARTIGIANATO 2018.

Chi fosse interessato, può contattare i seguenti indirizzi di posta elettronica: 

marialena.angeli@artex.firenze.it  i.serafini@artex.firenze.it

EVENTO – Artour di Gusto: 21 e 22 aprile a Marina di Pisa. Scopri come partecipare

Artour di Gusto, organizzato con il patrocinio del Comune di Pisa ed inserito tra le iniziative di “Marenia d’Inverno”, è una mostra mercato dell’artigiano di alta gamma con pezzi unici o piccole serie.

Nella prestigiosa cornice del nuovo porto di Pisa, la CNA, il 21 e 22 Aprile, ha organizzato il week end Artour di Gusto, un evento dedicato al glamour, eleganza, ricercatezza e life stile.

Chi può partecipare?

L’opportunità di esporre potrà essere data solo a 10 artigiani che verranno selezionati da un comitato interno a CNA.

È possibile candidarsi fino al prossimo 30 marzo complilando una apposita scheda da richiedere.

Quali prodotti potranno essere esposti?

I prodotti che verranno esposti dovranno essere di manifattura artigianale Made in Italy e riguardare i seguenti settori:

–          Moda e accessori

–          Biancheria per la casa

–          Orafo

–          Bigiotteria

–          Articoli da regalo

–          Complementi d’arredo

–          Design

Verranno allestiti 10 stand 3mx3m con disponibilità di impianto elettrico e illuminotecnico, sarà inoltre garantita un’immagine coordinata di tutti gli allestitori, al fine di garantire visibilità e eleganza della manifestazione.

È possibile visionare le strutture all’indirizzo:
http://www.artex.firenze.it/it/content/artour-il-bello-piazza

Come partecipare?

È possibile candidarsi fino al prossimo 30 marzo complilando una apposita scheda da richiedere.

A rendere l’evento ancora più attrattivo, saranno presenti, anche stand che accoglieranno prodotti del settore food & wine e del life style con show cooking e degustazioni con prodotti del nostro territorio.

Inoltre, in concomitanza con Artour di Gusto, al fine di avere il maggior numero di è stato organizzato il 1° Tuscany Tuna Contest, una gara di drifting al tonno rosso, non solo una competizione, ma un momento di ritrovo tra equipaggi che condividono la passione per il mare e per la pesca sportiva.

Tutti gli eventi saranno coordinati al fine di attirare il maggior numero di visitatori e di turisti, e dare il giusto rilievo ai prodotti e agli artigiani di Artour con Gusto.

La comunicazione dell’evento sarà gestita direttamente da CNA Pisa, attraverso social media e campagne pubblicitarie su riviste di settore, in modo da raggiungere il più largo numero di visitatori possibili

Per info e per partecipare: 

Barbara Carli
050 876548
carli@cnapisa.it

ARTIGIANATO – Firmato il nuovo Ccnl

 CNA: “Grande soddisfazione per l’intesa raggiunta. Molti gli elementi innovativi”

“CNA esprime grande soddisfazione per l’intesa raggiunta dopo otto mesi di trattativa da CNA Federmoda, CNA Produzione, CNA Artistico e Tradizionale e CNA Servizi alla Comunità che, con le altre associazioni imprenditoriali e Filctem Cgil, Femca Cisl e Uiltec Uil, hanno rinnovato il Contratto collettivo nazionale di lavoro degli Artigiani area Tessile-Moda e area Chimica, Ceramica, Gomma-Plastica. Un contratto che riguarda circa 250mila addetti distribuiti in oltre 100mila imprese e accorpa i precedenti Ccnl delle diverse aree”. Lo si legge in un comunicato della Confederazione.

Gli incrementi retributivi concordati sono pari a 45 euro per l’area Tessile-Moda e a 48 euro per l’area Chimica, Ceramica, Gomma-Plastica. A integrale copertura del periodo di vacanza contrattuale è stato prevista l’erogazione di un importo “una tantum” pari a 120 euro nell’area Tessile-Moda e a 80 euro nell’area Chimica, Ceramica, Gomma-Plastica.

Molti gli elementi innovativi del Ccnl: viene garantita maggiore flessibilità nell’utilizzo dei contratti a tempo determinato e dell’apprendistato; è stata inserita una specifica regolamentazione contrattuale che consente l’assunzione di personale con retribuzioni inferiori al livello di inquadramento previsto per un periodo di 24 mesi.

“Altrettanta soddisfazione – aggiunge la nota della CNA – esprimiamo per  la sottoscrizione nell’area Tessile-Moda di un avviso comune sulla legalità e di un documento relativo alla responsabilità solidale, alla sub-fornitura e alla concorrenza sleale da portare all’attenzione delle istituzioni competenti per condividere azioni comuni”.

(FONTE: Ufficio Stampa CNA)