AGROALIMENTARE – Per la vendita di prodotti alcolici serve nuovamente la licenza fiscale

Per la vendita di prodotti alcolici, a decorrere dal 30 giugno 2019, serve nuovamente la licenza fiscale rilasciata dall’Agenzia delle dogane

La vendita al minuto di prodotti alcolici ricomprende tutte quelle attività che si rivolgono direttamente al consumatore finale inclusi la vendita al dettaglio e la somministrazione di bevande alcoliche, qualsivoglia siano le classificazioni ed i requisiti per l’esercizio fissati dalla rispettiva normativa di riferimento.

Esemplificando, sono più soggetti alla denuncia ex art. 29, comma 2, del D.lgs. n.504 del 1995:

  • gli esercizi di vendita di liquori o bevande alcoliche di cui all’art.86 del Testo unico delle leggi di pubblica sicurezza, ovvero quelli annessi, ad esempio ad alberghi, locande, pensioni, trattorie, osterie, caffè ed esercizi simili;
  • la vendita al dettaglio di alcolici in esercizi di vicinato, nelle medie o grandi strutture di vendita ovvero i negozi al minuto, supermercati ed ipermercati;
  • gli esercizi di somministrazione al pubblico di bevande alcoliche, per il consumo sul posto, ovvero i ristoranti, tavole calde, pizzerie, birrerie, bar, gelaterie, pasticcerie ed esercizi similari;
  • gli esercizi operanti con carattere temporaneo nel corso di sagre, fiere, mostre e simili;
  • la vendita al dettaglio di bevande alcoliche per mezzo di apparecchi automatici.

DAL 30 GIUGNO 2019

Dopo neanche due anni, con l’articolo 13-bis introdotto dalla legge n. 58 del 28 giugno 2019, di conversione de D.L. n. 34 del 30 aprile 2019 (c.d. “Decreto crescita”), viene di fatto disposta l’abrogazione della precedente disposizione, cosicché i soggetti di cui sopra sono nuovamente tenuti a richiedere la licenza in questione, a decorrere dal 30 giugno 2019 (data di entrata in vigore della L. n. 58/2019).

L’Agenzia delle Dogane e dei Monopoli, ha provveduto a ripristinare il modello di “Denuncia di attivazione esercizio di vendita di prodotti alcolici assoggettati ad accisa e istanza per il rilascio della licenza di esercizio (art. 29, commi 2 e 4 e art. 63, comma 1 del D.lgs. 26 ottobre 1995, n. 504)”, senza emanare al momento ulteriori indicazioni operative in merito.

Viene ripristinato il precedente modello senza fare cenno alla modifica apportata dall’art. 13-bis della L. n. 58/2019, che – a decorrere dal 30 giugno 2019 – ha modificato il comma 2 dell’art. 29 del D.lgs. n. 504/1995, reintroducendo la licenza in questione.
A tutt’oggi non risulta che alcuna autorità pubblica abbia provveduto a diramare indicazioni in merito.

Per accedere alla pagina dedicata del sito dell’Agenzia delle Dogane e dei Monopoli e scaricare il modulo clicca qui.

Per scaricare il testo della nota dell’Agenzia delle Dogane e dei Monopoli n. RU113015/2017 clicca qui.

È intenzione della CNA, una volta ridefinito il quadro istituzionale, di proporre una modifica reintroducendo la SEMPLIFICAZIONE in materia di esercizi di vendita di prodotti alcolici assoggettati ad accisa, così come era stata modificata dall’articolo 1, comma 178, della legge 4 agosto 2017, n. 124 (Legge annuale per il mercato e la concorrenza), prevedendo anche l’esonero dalla tenuta del registro di carico e scarico.

Dal primo luglio 2019 accisa ridotta per i birrifici artigianali

Istruzioni delle Dogane per la trasmissione telematica dei dati

L’Agenzia delle Dogane ha reso noto con la nota inviata alla CNA,  n. 84845 del 24 luglio 2019 (pubblicata il 29 luglio 2019 e in allegato) le istruzioni in tema di digitalizzazione delle accise e obbligo di trasmissione telematica dei dati delle contabilità dei depositari autorizzati che esercitano l’attività di microbirrifici.

La nota stabilisce che gli operatori che non intendono avvalersi dell’agevolazione prevista dal decreto sui microbirrifici del 4 giugno 2019, dopo aver proceduto all’aggiornamento dei dati della licenza, dovranno utilizzare il tracciato ALCODA previsto per i depositari autorizzati del settore prodotti alcolici.

L’Agenzia delle Dogane ha emanato le istruzioni in tema di digitalizzazione Accise e obbligo di trasmissione telematica dei dati delle contabilità dei depositari autorizzati esercenti “Microbirrifici”, per consentire la gestione del periodo transitorio in attesa della Determinazione dell’Agenzia Dogane e Monopoli.

In particolare, a seguito della pubblicazione (in data 14 giugno 2019) del decreto del Ministero dell’Economia e delle Finanze del 4 giugno 2019 e della circolare n. 4 del 28/06/2019, che abbiamo già provveduto ad inviare, con la nota n. 84845 del 24 luglio 2019, le Dogane hanno chiarito che:

gli operatori che opteranno per la licenza come Microbirrificio o Piccola birreria nazionale dovranno continuare ad utilizzare il tracciato ALCOMB limitatamente ai tipi record A – Dati di controllo, E – Riepilogo dell’accisa ed R – Ravvedimento.

Il tipo record C non dovrà essere più utilizzato.

La segnalazione “42 – Importo non congruente con dati giornalieri/crediti e riaccrediti”, fino all’eliminazione del relativo controllo, non dovrà essere presa in considerazione;

-gli operatori che non intendono avvalersi dell’agevolazione prevista dal DM 04/06/2019, dovranno utilizzare, dopo aver proceduto con l’aggiornamento dei dati della licenza, il tracciato ALCODA previsto per i depositari autorizzati del settore prodotti alcolici. 

GELATO – Il grande business dolce

Nel 2018 il giro d’affari del gelato artigianale italiano ha toccato quota 2,7 miliardi di euro. Ma la crescita in valore di questo mercato viaggia ormai a un ritmo del 10 per cento annuo. Ed è probabile quindi che quest’anno il fatturato del settore possa arrivare, se non superare addirittura, ai tre miliardi. Con un enorme impatto sulla filiera agro-alimentare, grazie al previsto acquisto di circa 240mila tonnellate di latte, 70mila tonnellate di zucchero, 23mila tonnellate di frutta fresca e 32mila tonnellate di altri prodotti, spesso eccellenze tricolori, quali il pistacchio di Bronte e le nocciole di Piemonte, Lazio e Campania, le mandorle siciliane e i limoni delle Costiere sorrentina e amalfitana.

Questo il risultato della ricerca condotta da CNA Agroalimentare.

Continua a leggere CLICCANDO QUI

PIZZA PISA FESTIVAL – Esiti del Premio Trofeo San Ranieri Contest

A trionfare è stata… la pizza!

In attesa della seconda ed ultima serata di questo primo PizzaPisaFestival, durante la giornata i maestri pizzaioli si sono sfidati nel contest ‘Trofeo San Ranieri Miglior Pizza’; e scatenati nel preparare impasti morbidi, perfettamente lievitati, rapidi da cuocere e croccanti al punto giusto, da sciogliere in bocca arricchiti da una sfrenata varietà di condimenti uno più ghiotto ed originale dell’altro.

A testimoniare la ricchezza e la varietà delle pizze in gara fra i venti pizzaioli che si sono iscritti al Contest pisano, oltre alla giuria sono stati i non pochi appassionati che hanno assistito alle due mattinate dedicate alla gara che hanno potuto assaggiare gli ‘spicchi’ che non erano serviti alla giuria per assegnare i punteggi. Con una apposita scheda voto infatti i giurati dovevano dare un voto da 1 a 10 all’aspetto, al profumo, all’impasto, alla cottura all’equilibrio fra gli ingredienti ed anche ad un aspetto poco indagato nel mondo dei professionisti della pizza, ovvero l’arte di saper raccontare il proprio prodotto ed il proprio lavoro a coloro che la pizza si accontentano di… mangiarla.

Giuria in grande imbarazzo nel selezionare i migliori prodotti per la bravura di tutti i contendenti E voti altrettanto in equilibrio con pochi punti di scarto fra i concorrenti.

A decidere quindi sono stati pochissimi dettegli. Ma la graduatoria. si sa, ad un certo punto va compilata ed ecco i verdetti. A premiare i vincitori l’assessore Rosanna Cardia del Comune di Pisa, il direttore di Confcommercio Federico Pieragnoli, il vicepresidente CNA Pisa Marco Ammannati.

Diego Boni vincitore del premio per il miglior utilizzo prodotti territorio; Antonio Boscolo ha ricevuto il Premio per il miglior impasto ed anche quello per il 3 posto assoluto, mentre al secondo posto si è piazzato Antonio Buonaugurio (con la sua pizza al Caciocavallo ‘apPisa’, con il gioco di parole fra appeso -in gergo partenopeo- come deve essere un caciocavallo come si deve) e naturalmente l’omaggio alla città ospitante. Infine al primo posto si è piazzato Manuel Maiorano che si è meritato il premio più ambito, ‘nonostante’ la giovane età e la tutto sommato non lunga esperienza, come ha detto il presidente di Giuria Luigi Ricchezza. Oltre alla soddisfazione i vincitori si portano a casa (con un po’ di fatica!) un totale di 750 chili di farina offerta da Grandi Mulini Italiani ed anche un cesto con i prodotti del territorio Pisano del consorzio Toscana Sapori. E stasera aperti gli stands fino a tardi per aspettare anche gli spettatori della attesa partita del Pisa contro la Triestina per il turno di andata della finale di Play off per la promozione in serie B.

(Fonte: Ufficio Stampa CNA Pisa)

PIZZA PISA FESTIVAL – Apertura straordinaria fino a tardi per aspettare i tifosi dopo la partita

Si è aperto ieri mattina con le prima fasi del contest Trofeo San Ranieri da assegnare al miglior pizzaiolo. E vista la novità della coincidenza con la finale Play off del Pisa, gli stand rimarranno aperti fino a notte fonda per aspettare i tifosi del Pisa dopo la fine della partita.

Gradito l’abito da sera: ovvero rigorosamente qualcosa di nerazzurro! Inaugurazione ufficiale ed apertura al pubblico invece a partire dalle 17.

pizza pisa festivalIl Pisa Pizza Festival è frutto di una nuova collaborazione fra CNA e Confcommercio Pisa, la compartecipazione della Camera di Commercio di Pisa, il patrocinio del comune di Pisa, gli sponsor Banca di Pisa e Fornacette, Unipol Sai Assicurazioni, formaggi Famiglia Busti, Grandi Molini Italiani.   L’ingresso è gratuito e c’è la possibilità di degustare e assaggiare direttamente presso i vari stands.

L’evento si è aperto martedì con il contest Trofeo San Ranieri, ma la premiazione è prevista oggi (mercoledì) alle 15,30 per il piazzaiolo più talentuoso, a insindacabile giudizio di una Giuria tecnica di qualità. A seguire, sono tanti gli appuntamenti da non perdere: dai laboratori per bambini, agli show-cooking, dai Master Class ad un convegno finalizzato ad approfondire la conoscenza delle farine. 

PROGRAMMA Mercoledì 05 giugno

9.30 – 14.00 Contest
15.30 premiazione Premio Trofeo San Ranieri Contest
16.00 Convegno Farine “Le farine…un’evoluzione in atto”
18.00 apertura stands gastronomici e Laboratori
18.00 Pizza al Tegamino
19.00 Master class “A lezione di Lievito Madre”
20.00 Pizza napoletana e fritta
21.00 Show Cooking a 4 mani con chef stellato Fabrizio Girasoli, conduce Claudio Mollo
Dalle 22,30 Operazione Pizza Post Stadio

Ore 16 CONVEGNO SULLE FARINE “Le farine…un evoluzione in atto”

Tavola Rotonda con: Prof. Andrich (UNIPI); Luigi Ricchezza (Tecnico Linea Pizzeria GMI); Stefano Gatti, panificatore; Gabriele Rotini, responsabile CNA Agroalimentare Nazionale; Stefano Bernardeschi, panificatore CNA Agroalimentare Pisa; Nicola Giuntini ,vice pres. vicario ASSIPAN Confcommercio;

Rachele Borelli, presidente ASSIPAN Confcommercio Pisa;

conduce Claudio Mollo, giornalista enogastronomico

CONTEST

pizza pisa festivalTrofeo San Ranieri per la “miglior pizza” Il contest per il pizzaiolo più talentuoso

giuria tecnica Sarà composta da:

Presidente di Giuria Luigi Ricchezza

4 Chef Debora Corsi e Maria Probst* il 4/6;

Daniele Fagiolini e Stefano Pinciaroli il 5/6

2 Giornalisti (Margherita Mattei e Luca Managlia o Claudio Zeni)

2 Pizzaioli Mario Cipriano 3 spicchi Gambero Rosso e Gabriele Dani 1 spicchio Gambero Rosso

Fornitori di settore Stefano Busti di Formaggi Famiglia Busti,Enrica Calchini di PachinEat, Antonio Valente Distributore di Latticini, Edo Volpi di Vapori di Birra. Maggiori info sui personaggi coinvolti sul sito www.pizzapisafestival.it

PREMIAZIONE mercoledì 5 giugno alle ore 15:30

1^ premio “Miglior pizza” PREMIO SAN RANIERI (premio 350 kg Farine GMI)

2^ premio (premio 250 kg Farine GMI)

3^ premio (premio 150 kg Farine GMI)

Verrà consegnato ai primi 3 classificati un cesto di prodotti del territorio.

Verranno consegnate ai primi 3 classificati tre targhe e tre attestati;

tutti i partecipanti riceveranno gli attestati di partecipazione.

I premi verranno consegnati da:

Sindaco di Pisa, Michele Conti,

Presidente di Giuria, Luigi Ricchezza (Tecnico Linea Pizzeria GMI)

Presidente CNA Matteo Giusti

Presidente Confcommercio Federica Grassini

Responsabile Vendite Linea Pizzeria GMI, Matteo Rebek

SHOW COOKING

ore 18 Pizza al Tegamino a cura di Gabriele Dani

ore 19 Lezione di Lievito Madre a cura di Stefano Bernardeschi e Stefano Gatti

ore 20 Pizza Napoletana e fritta con Giovanni Santalpia

ore 21 Show cooking “a 4 mani”: Luca D’Auria e Fabrizio Girasoli, (1 stella Michelin proprietario del Ristorante Butterfly Lucca).

STANDS PRODUTTORI

Birrificio di Buti (birra)

Vapori di Birra (birra)

Opificio Birraio (birra)

Agrisole (vino)

Famiglia Formaggi Busti (formaggi)

Pachineat (conserve pomodoro) Vecchiano Pachino

L’Oro della Toscana (olio) Casciana T.

Balestri Davide (Salumi) 

STANDS PIZZERIE

Pizzeria F.lli D’Auria

Pizzeria Da Tony

Pizzeria Stinchi

Pizzeria Martino

Pizzeria A Modo Mio

Pizzeria Officina della Pizza

PIZZA PISA FESTIVAL – 4 e 5 giugno 2019, Stazione Leopolda a Pisa

Pisa – Si inaugura martedì 4 giugno, alla Stazione Leopolda, il Pizza Pisa Festival, la due giorni promossa da Confcommercio Provincia di Pisa e Cna. Tantissime le iniziative, sin dal mattino,  all’interno della kermesse dedicata al celebre piatto famoso in tutto il mondo, tra contest, assaggi di pizze orginali, showcooking e approfondimenti vari, grazie alla presenza di maestri piazzaioli e famosi gourmet. Ingresso gratuito con la possibilità di pizza e altri prodotti in degustazioni.  Il Pisa Pizza Festival si aprirà con il contest Trofeo San Ranieri, la gara che eleggerà il pizzaiolo più talentuoso. A decidere  il vincitore una giuria presieduta da Luigi Ricchezza, 4 chef inseriti nella prestigiosa guida Gambero Rosso, food blogger e giornalisti di settore.  L’inaugurazione alla presenza delle autorità è in programma alle ore 17, mentre già nel primo pomeriggio protagonisti saranno i bambini con il laboratorio di Stefano Bernardeschi, dove i più piccoli impareranno a impastare e creare simpatiche forme con il pane.   Dalle 18 “Cecina e Pizza pisana” saranno le protagoniste dello show cooking a 4 mani. Imperdibile il master Class “La Pizza fatta in Casa” a partire dalle ore 20. L’evento è realizzato con il patrocinio del Comune di Pisa, la compartecipazione della Camera di Commercio di Pisa / Terre di Pisa, i partner Banca di Pisa e Fornacette, Formaggi della Famiglia Busti, Agenzia Unipol Sai assicurazioni, Grandi Molini Italiani.

Tante anche le iniziative previste per mercoledì 5, con il convegno sulle farine, le lezioni sul lievito madre,  gli show cooking “Pizza Napoletana e fritta” e “Pizza al Tegamino”.

Le pizzerie partecipanti: Pomodoro e Mozzarella – F.lli D’Auria, Pizzeria Da Toni, Pizzeria Da Martino, Pizzeria Stinchi, Pizzeria A Modo mio, Pizzeria l’Officina della Pizza, Pizzeria Farina del Mio Sacco. 

Per maggiori informazioni visita il sito dell’evento: www.pizzapisafestival.it

AGRALPI – Un polo di riferimento per la filiera agribusiness

Progetto FARO Regione TOSCANA – Istituto Istruzione Superiore Santoni Largo Concetto Marchesi

Fare rete nella filiera Agribusiness. Ecco cosa si propone di realizzare il Polo Tecnico Professionale Agralpi che con il Progetto Faro rivolto al rafforzamento della struttura organizzativa dell’agribusiness della provincia di Pisa, ha l’intento di creare dei legami più stretti fra scuole imprese e famiglie.

Lunedì 20 maggio si è tenuta presso l’Istituto Santoni a Pisa, capofila del progetto, la presentazione del P.T.P. Agralpi (AGRo Alimentare Pisano) finanziato dalla Regione Toscana nell’ambito del Progetto FSE/POR FARO.

Il progetto illustrato dal Dirigente Scolastico del Santoni prof. Alessandro Bonsignori, ha l’obiettivo di creare un più stretto legame con il territorio per offrire un serio punto di incontro tra domanda e offerta di lavoro nell’ambito dei settori interessati. Gli studenti e le famiglie verranno a conoscenza  di ciò che viene richiesto dal mercato del lavoro e avranno maggiori possibilità di impiego. Anche le imprese avranno più ampie opportunità di poter trovare le nuove professionalità di cui hanno bisogno.

Cosa è un Polo Tecnico Professionale (PTP)
I PTP sono delle reti formalizzate che raggruppano soggetti pubblici e privati (istituti tecnici e/o professionali, imprese, organismi di formazione professionale accreditati e ITS) e hanno come scopo il favorire un’offerta formativa qualitativamente migliore e più rispondente alle esigenze delle aziende.

Di cosa si occupa il PTP AGRALPI
AGRALPI significa AGRo ALimentare PIsano: e come dice lo stesso nome è un Polo Tecnico Professionale che ha l’obiettivo di aiutare il contatto tra studenti, mondo della formazione e imprese del sistema Agroalimentare e agroindustriale del territorio pisano, rafforzare le azioni di comunicazione tra i diversi soggetti pubblici e privati coinvolti; realizzare azioni di formazione e aggiornamento dei docenti, rafforzare l’orientamento all’innovazione e alla ricerca delle aziende.

Fanno parte del polo AGRALPI i seguenti soggetti: Scuole (I.I.S “E. Santoni”, I.T.C.G. “Enrico Fermi”, IPSSAR Matteotti) Associazioni di categoria (CNA Pisa, CIA PISA, CONFESERCENTI TOSCANA NORD) Agenzie formative (Copernico CNA Agricoltura è Vita Etruria Srl), Aziende e operatori del comparto agroalimentare e agroindustriale (Ponte Verde Cooperativa Sociale Onlus, Consorzio italian Food & Wine), formazione professionale (Fondazione ITS E.A.T.)

Quali iniziative realizzerà il PTP AGRIALPI nei prossimi mesi:
Fra gli strumenti che il nuovo PTP metterà in campo, oltre al sito internet dedicato www.agralpisano.it, ci sarà anche un Osservatorio Permanente per indagini e rilevazioni sui fabbisogni della filiera agribusiness, incontro fra scuole e imprese, seminari per i ragazzi della classi III, promozione e coordinamento della attività già in campo per favorirei l’incontro fra mondo della scuola e sbocchi occupazionali, come l’alternanza scuola -Lavoro, i tirocini, l’apprendistato.

PIZZA PISA FESTIVAL – 4 e 5 giugno 2019 alla Stazione Leopolda di Pisa

Due giorni a Pisa il 4 e 5 giugno dedicati alla Pizza: ecco la prima edizione del Pizza Pisa Festival organizzato da CNA e Confcommercio

Pizza maniaci. Ma anche pizzofili. Amanti della pizza. Pizzadipendenti. O più semplicemente golosi di pizza. Chi non si riconosce in almeno una di queste definizioni?

La passione per la pizza accomuna generazioni diverse e latitudini lontane. Est ed Ovest.

Ed ecco quindi per i veri amanti della pizza l’evento Pizza Pisa Festival che non si limita a offrire l’occasione per assaggiare pizze originali e fragranti, ma che propone tanti momenti di approfondimento, di svago, di divertimento e di sfida. Tutto rigorosamente a base di farina, acqua, lievito, pomodoro e mozzarella. Che detta così pare una cosa semplice. Si fa presto infatti a dire Pizza. E ancora prima che si ama la pizza. Ma fornisce tutto un altro gusto capirne a fondo le virtù, e carpirne tutti i segreti, le tecniche, gli ingredienti, gli accorgimenti, le varianti e gli esperimenti direttamente dalla sapienza di maestri pizzaioli, di famosi gourmet, di esperti e giornalisti del settore. Ed ancora saperne di più e portarsi a casa anche nuove conoscenze apprese dai produttori delle materie prime, sia per fare la pizza che per arricchire ed accompagnare la pizza.

Naturalmente dopo una cena o una merenda appetitosa che sarà possibile gustare.

Il Pizza Festival è un esperimento nuovo per una kermesse di due giorni dedicati al food a Pisa nel primo week end di giugno, ed è frutto di una nuova collaborazione fra CNA e Confcommercio.

A presentare il Pizza Pisa Festival i protagonisti e gli organizzatori della kermesse oggi (venerdì 17 maggio)

pisa pizza festivalValter Tamburini – Presidente della Camera di Commercio di Pisa 
Matteo Giusti – 
Presidente CNA Pisa
Federica Grassini – Presidente di Confcommercio Pisa
Maurizio Figuccia – Presidente Assipan Confcommercio
Federico Pieragnoli – Direttore di Confcommercio
Daniele Fagiolini -Chef
Stefano Bernardeschi – Panificatore di CNA Alimentare Pisa
Sabrina Perondi – Direttrice Consorzio Toscana Sapori di CNA Pisa
Claudio Mollo – Giornalista enogastronomico
Luca D’Auria – Presidente Confpizzerie Confcommercio
Chiara Ganino – Caseificio Formaggi Famiglia Busti
Paolo Gualtieri e Andrea Morelli – Agenzia ABC srl Unipol Sai Pisa
Antonio Abruzzese – Banca Pisa e Fornacette

Il Pizza Festival è un esperimento nuovo per una kermesse di due giorni dedicati al food a Pisa ad inizio giugno, ed è frutto di una nuova collaborazione fra CNA e ConfcommercioPisa, la compartecipazione della Camera di Commercio di Pisa, il patrocinio del comune di Pisa, gli sponsor Banca di Pisa e Fornacette, Unipol Sai Assicurazioni, Formaggi Famiglia Busti, Grandi Molini Italiani.   L’ingresso è gratuito e vi è la possibilità di degustazioni.

L’evento, articolato sui due giorni, si aprirà con il contest Trofeo San Ranieri, che porterà alla premiazione per il piazzaiolo più talentuoso, a insindacabile giudizio di una Giuria tecnica di qualità. A seguire, sono tanti gli appuntamenti da non perdere: dai laboratori per bambini, agli show-cooking, dai Master Class ad un convegno finalizzato ad approfondire la conoscenza delle farine.

“Dopo il successo del nostro evento lo scorso anno ‘il Giardino degli Antichi Sapori’ al Giardino Scotto – illustra Matteo Giusti Presidente CNA Pisa – abbiamo deciso di lavorare a un nuovo evento che potesse unire un momento di svago e di curiosità alimentare, con una serie di attività che facessero però emergere il valore del lavoro che sta dietro a tutta la filiera della pizza. La pizza come elemento del Made in Italy imitata in tutto il mondo, ma che noi riusciamo a fare in una infinita varietà di modi unici. In una moltitudine di varianti e di specificità che davvero non pare possibile che, combinando insieme così pochi ingredienti, ne esca fuori una tale varietà. E dove ognuno ha la sua ricetta preferita diversa da ogni altra. Questo è il lavoro degli artigiani siano essi i pizzaioli, che i produttori delle materie prime, e così è anche per chi cucina, chi commercia, chi offre servizi di ristorazione e somministrazione”

“Se ci fosse vita su Marte, anche lassù conoscerebbero la pizza – commenta la presidente di Confcommercio Provincia di Pisa Federica Grassini – Presentiamo questo Festival della Pizza con grande entusiasmo e partecipazione, una eccellenza assoluta del made in Italy, grande motore di attrazione del turismo di ogni fascia e tipologia, inserito in un contesto di grande prestigio  e meritevole di rilancio come il Giardino Scotto, capace di coinvolgere i pizzaioli del territorio, sono tutti ingredienti che garantiscono il successo della manifestazione”.

Per maggiori informazioni e scoprire il programma visita il sito del Festival CLICCANDO QUI

(Fonte: Ufficio Stampa CNA Pisa e Confcommercio Pisa)

Presentata a Lari la grotta di stagionatura formaggi

La grotta di stagionatura formaggi a Lari: il fascino e la qualità del tempo e della storia

Un luogo storico e suggestivo dove si riscopre una vocazione antica, riscoperta in chiave moderna. I formaggi maturano lentamente con temperatura e umidità costanti, garantite dalla profondità della grotta con le pareti scavate direttamente nella roccia su cui è stato costruito il Castello ed il borgo di Lari.

Mercoledì 15 maggio alle ore 11 a LARI via Sonnino 35 si è tenuta la presentazione della Grotta di Stagionatura del Formaggio Tre Latti Lari a Caglio Vegetale del Caseificio Formaggi della Famiglia BUSTI.

Alla presentazione hanno partecipato, oltre al titolare Stefano Busti:

Massimiliano Angori Presidente della Provincia di Pisa
Mirko Terreni Sindaco di Lari Casciana Terme
Valter Tamburini Presidente della Camera di Commercio di Pisa
Matteo Giusti Presidente CNA Pisa
Francesco Ciarrocchi Direttore Coldiretti Pisa Livorno.

grotta di stagionatura formaggi lari La presentazione alle autorità ed alla stampa anticipa l’inaugurazione ufficiale prevista per domenica 19 maggio ore 17, a cui seguirà una degustazione di prodotti tipici e l’apertura al pubblico.

Unitamente alla visita della grotta ed alle spiegazioni di come proprio le sue caratteristiche uniche possano conferire al ‘Formaggio Tre Latti Lari a Caglio Vegetale’, il giusto grado di maturazione e un particolarissimo aroma è stata anche l’occasione per fare il punto degli ultimi riconoscimenti ottenuti a livello nazionale dal Caseificio Busti. Infatti anche nell’ultima edizione della manifestazione biennale Tuttofood che si è tenuta nel fine settimana scorso a Milano cui il Caseificio Formaggi della Famiglia Busti ha partecipato, ha visto ottenere due significativi riconoscimenti.

Intanto si è aggiunto al già ricco palmares di premi ottenuti dalla famiglia Busti nel corso della sua storia cinquantennale il terzo posto assoluto per il Marzolino Bio a Caglio Vegetale – Senza Lattosio nella categoria “ATUTTAQUALITA’ ” del concorso organizzato dal magazine GDO WEEK nell’ambito della iniziativa per ‘Tuttofood’ denominata #ATUTTOBRAND.

E, successo ancora più rilevante, il Pecorino Lo Scudo di Fauglia ha ottenuto il primo premio del pubblico della GDO che liberamente poteva selezionarlo fra 4 formaggi stagionati che erano stati a loro volta prescelti da una giuria di esperti e lanciati in sfida all’ultimo assaggio. Infine , e si tratta proprio del formaggio Tre Latti di Lari che in azienda viene definito “nato premiato” perché ha ricevuto l’oro al Trofeo San Lucio Pandino per la categoria formaggi stagionati e l’argento al World Cheese Awards 2018/19.

La conferenza stampa oltre alla visita diretta nella grotta scavata nella roccia, si terrà nella attigua BOTTEGA Di CANFREO per una sinergia fra imprese produttrici e di somministrazione che può diventare un modello di successo anche in tanti altri casi.

(Fonte: Ufficio stampa CNA Pisa)

AGRIBUSINESS – Corso per tecnico della definizione di strategie di mercato

Corso professionalizzante gratuito per Tecnico della definizione di strategie di mercato, della pianificazione di azioni di marketing e della gestione di rapporti con la clientela e le reti di vendita

Di cosa si occupa questa figura? 
Il Tecnico si occupa di impostare strategie di mercato, pianificare azioni di marketing e gestire rapporti con la clientela e le reti di vendita. Opera sia come dipendente in imprese di varie dimensioni sia come lavoratore autonomo nell’organizzazione imprenditoriale a diretto contatto con il vertice dell’impresa.

Quali sono gli sbocchi lavorativi di questo corso? 
Nelle piccole e medie imprese può coincidere con la figura dell’imprenditore o con il responsabile dell’azienda. Oltre alle attività consolidate, nuove opportunità vengono offerte grazie alla realizzazione delle filiere corte. Buone opportunità possono anche essere offerte dai progetti comprensoriali o di area, di tipo pubblico e privato volti a valorizzare le produzioni tipiche e locali.

GRATUITO
Il corso è interamente gratuito in quanto finanziato con le risorse del POR FSE 2014-2020 e rientra nell’ambito di Giovanisì (www.giovanisi.it), il progetto della Regione Toscana per l’autonomia dei giovani.

Chi si può iscrivere? 
Chi abbia un titolo di istruzione secondaria superiore o almeno 3 anni di lavoro nell’attività professionale di riferimento. Per iscriversi inoltre inattive, inoccupate o disoccupate.

Quanti partecipanti saranno ammessi? 
Saranno ammesse 10 persone.

Quando si svolgerà il corso?
Da giugno 2019 a  marzo 2020, dal lunedì al venerdì, per 5 ore al giorno.

637 ore di cui 215 ore di stage e 30 ore di accompagnamento!

Come si articolerà il corso?
637 ore di cui 215 ore di stage e 30 ore di accompagnamento. Saranno inoltre erogate 16 ore di Formazione obbligatoria per titolare di imprese alimentari e responsabile dei piani di autocontrollo di attività alimentari complesse.

Scadenza iscrizioni? 
Il giorno 22 maggio 2019 alle ore 13:00.

Dove si svolgerà il corso?
A Pisa, presso l’Agenzia Formativa Copernico (Via G.Carducci, 39 loc. La Fontina – S. Giuliano Terme Pisa)

Chi è partner ufficiale di questo corso?
Partner ufficiali dei corsi: I.S.S. “Santoni “di Pisa, Università degli studi di Siena, Toscana Sapori Food & Wine.

SCARICA IL BANDO  E CONTATTACI PER ISCRIVERTI: AGRIFIL – Tecnico della definizione di strategie di mercato, della pianificazione di azioni di marketing e della gestione di rapporti con la clientela

Per ulteriori informazioni e iscrizioni: 
Giulia Rimonti
segreteria.copernico@cnapisa.it 
Tel. 050876556